Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

Per gli antichi elfi che esistevano al tempo di Arlathan, l'uthenera era un atto di riverenza. Gli elfi non invecchiavano. Non erano immortali, ma né la loro mente né il loro corpo si deterioravano, soltanto il loro spirito.

Non succedeva spesso, ma si diceva che gli elfi più anziani raggiungevano un punto in cui si stancavano della vita. I ricordi erano troppo pesanti da sopportare, e piuttosto che sprofondare nell'indifferenza, si facevano volontariamente da parte per lasciare che fossero le nuove generazioni a guidare la loro gente.

Uthenera significa "il lungo sonno", nel quale l'anziano si ritirava in una stanza che era in parte giaciglio e in parte tomba. Dopo una grande cerimonia celebrata da tutta la famiglia, l'anziano cedeva a un sonno da cui non si sarebbe risvegliato per secoli, o addirittura mai più. Col tempo, il corpo sarebbe deteriorato e l'anziano sarebbe morto davvero. Intanto, la famiglia continuava a visitare la stanza per rendere omaggio a chi aveva compiuto un simile sacrificio.

Con l'arrivo degli umani e il mutamento del sangue elfico che ne conseguì, l'usanza dell'uthenera iniziò a svanire. Quando Arlathan cadde, si interruppe per sempre.

—Tratto da "Ciò che è passato", di Hassandriel, Signore di Halamshiral, 2:7 Era della Gloria.

Advertisement