Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

Carissima Regine,

Sicuramente avrai sentito del tracollo dei Paget, vero? Praticamente, hanno perso tutto. Il messer ha preso decisioni sbagliate e si è fidato della gente sbagliata. Non gli rimane altro che La Maison Vert, nelle Valli. Devono venderla per spostarsi in città. Mi hanno incaricata di trovare un acquirente. Saresti così fiera di me. Ho superato tutte le aspettative del messer!

Prima mi sono informata sulla storia dell'abitazione. Sapevi che fu costruita al tempo degli elfi? Era un santuario dedicato ad Andruil, dea della foresta. La casa venne eretta intorno alle rovine. Il cuore del santuario era un altare di pietra scolpita, che ora si trova nel grande salone. È decisamente spettacolare. Qualunque nobile di Val Royeaux sarebbe invidioso di un reperto di simile importanza storica. Ho deciso di organizzare una festa per mostrare a tutti la casa e l'altare elfico. L'abbiamo decorato con fiori bianchi e candele, e in giardino abbiamo portato perfino dei cervi. L'effetto è stato incredibile.

Poi, il colpo di genio! Ricordi il passatempo preferito di Lady Carine? Le letture sugli elfi... E di come restò colpita da quanto accadde nelle Valli? Parlava sempre di come avremmo dovuto metterci in contatto con gli inquieti spiriti elfici. Tutte le sue conoscenze erano estasiate all'idea. Ebbene, ho organizzato la cosa. O, per meglio dire, ho fatto in modo che gli ospiti credessero alla mia messinscena. Ho dovuto assoldare un mago, ovviamente. Un individuo molto discreto, di Montsimmard.

Nel corso del ricevimento, ho parlato di come la casa ospitasse i tristi spiriti elfici. Ci hanno creduto. "Romantico!", dicevano. E come tocco finale, tutti si sono tenuti la mano intorno all'altare elfico per pregare, e il mago (non faccio nomi!) ha lanciato un incantesimo che ci ha fatto ballare come burattini e cantare "L'uccellino azzurro dell'estate".

È stato un trionfo! E dopo, una pioggia di offerte! Uno di loro era perfino il collaboratore della granduchessa Florianne.

Oh, ho così tante cose da raccontarti. Non vedo l'ora di tornare.

Con immenso amore,
Ignatius

Advertisement