Dragon Age Wiki
Advertisement


Sulla storia iniziale dei nani

I Ricordi ci dicono che il nostro regno un tempo si estendeva ben oltre le montagne e che esisteva un numero quasi infinito di thaig. Kal Sharok era la capitale, dove vivevano tutte le casate nobili, mentre Orzammar ospitava le caste dei minatori e dei fabbri.

Le cose cambiarono con l'avvento dell'Impero Tevinter. Il Campione Garal spostò la capitale a Orzammar per controllare più da vicino i commerci con la superficie. Sembrava che la nostra gente stesse entrando in una nuova era di prosperità.

I Ricordi non danno alcuna spiegazione sull'arrivo dei prole oscura, ma si limitano a porre degli interrogativi. All'inizio erano semplici voci, rumori provenienti dalle Vie Profonde, un viandante sparito qua e là. La casta dei guerrieri mandò degli uomini a pattugliare le strade e pensò che la faccenda si fosse risolta. Non sapevamo che mentre noi li cercavamo, loro erano impegnati in un'altra ricerca.

Nelle profondità della Pietra stessa riposava l'arcidemone. Essi lo trovarono, lo risvegliarono e fu così che ebbe inizio il Flagello.

A seguire, i prole oscura fuoriuscirono dalle Vie Profonde come fumo e la casta dei guerrieri faticò a tenerli a bada. Innumerevoli thaig andarono perduti durante il primo Flagello. Ma, come spesso accade nel momento del bisogno, spuntò un Campione: il Campione Aeducan guidò le difese di Orzammar e l'orda oscura fu ricacciata indietro.

Tuttavia, il prezzo della vittoria fu enorme. Gran parte delle Vie Profonde vennero chiuse per respingere i prole oscura, tagliando fuori per sempre molti thaig e persino intere città.

—"Il regno di Orzammar", dal racconto del Modellatore Czibor.

Note

  • È in effetti il ​​re Endrin Stonehammer la persona che ha spostato la capitale dell'impero nanico a Orzammar, come spiegato in The World of Thedas Volume 1 e 2.

Voci collegate

Voce del Codice: Storia di Orzammar: capitolo 2 Voce del Codice: Storia di Orzammar: capitolo 2

Advertisement