Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

Sulla fondazione della Chiesa

La folla presente alla morte di Andraste aveva buon motivo di provare un senso di disperazione. Si ritiene che l'esecuzione della profetessa abbia fatto incollerire il Creatore, che volse ancora una volta le spalle all'umanità, lasciando le genti del Thedas a soffrire nelle tenebre.

In questi tempi bui gli uomini cercavano disperatamente la luce, una luce qualunque. Alcuni trovarono conforto nei culti demoniaci che promettevano potere e ricchezza in cambio di adorazione. Altri pregarono gli Antichi Dei di perdonarli, supplicando i grandi draghi di tornare nel mondo. Altri si abbassarono al punto di adorare la Prole Oscura, dando vita a terribili culti dedicati all'esaltazione del male nella sua forma più pura. Si dice che il mondo pianse, mentre la gente implorava la venuta di un salvatore che tardava a palesarsi.

I seguaci di Andraste, comunque, non abbandonarono i suoi insegnamenti nemmeno dopo la sua morte. Il Culto di Andraste recuperò le sue Sacre Ceneri cadute sul cortile di Minrathous, dopo l'esecuzione, nascondendole in un tempio segreto. La posizione di quel tempio è andata perduta da tempo, ma le Ceneri di Andraste servirono come simbolo della natura perpetua della fede nel Creatore, del fatto che l'umanità avrebbe potuto ottenere il perdono del Creatore nonostante l'offesa che gli avevano recato.

Con il passare del tempo, il Culto di Andraste si diffuse e crebbe, e il Canto della Luce prese forma. Cantate questo canto ai quattro angoli del Thedas, si diceva, e prima o poi il mondo avrebbe richiamato l'attenzione del Creatore. Con il diffondersi del Canto della Luce, il Culto di Andraste divenne noto come Chiesa di Andraste. Coloro che si convertirono alle credenze della Chiesa trovarono la propria missione nella diffusione della parola di Andraste.

Furono in molti a convertirsi, compresi i potenti abitanti dell'Impero e delle città-stato di quella che ora è nota come Orlais. Il potere della parola del Creatore fu tale che il giovane Re Drakon intraprese una serie di Sacre Marce per unire le città-stato e creare un impero dedicato in toto alla volontà del Creatore. L'impero orlesiano divenne il seggio del potere della Chiesa, e la Gran Cattedrale di Val Royeaux fu il perno del movimento che diede la luce alla Chiesa organizzata come la conosciamo oggi. Drakon, allora Imperatore Drakon I, creò il Circolo dei Magi, l'Ordine dei Templari e il Sacro Uffizio del Divino. Molti, all'interno della Chiesa, venerano Drakon quasi al pari di Andraste stessa.

La Chiesa moderna è un'opera di bellezza e di fede, ma anche uno strumento necessario a proteggere il Thedas da forze che rischierebbero di danneggiarla. Laddove i Custodi Grigi proteggono il mondo dai Flagelli, la Chiesa protegge l'umanità da se stessa. Più di ogni altra cosa, la Chiesa lavora per ottenere il perdono del Creatore, affinché un giorno Egli possa ritornare e trasformare il mondo nel paradiso che avrebbe dovuto essere.

—Tratto da "Racconti della distruzione del Thedas", di Fratello Genitivi, studioso della Chiesa.

Voci collegate

Advertisement