Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

Ne abbiamo preso un altro con noi. Si chiama Marchand e ha offerto tre reali per farsi accompagnare a Celestine. Vedendoci armati, ha subito pensato a un buon livello di protezione. Mai si sarebbe immaginato che avremmo usato le armi contro di lui. Una volta giunti a Lydes, non ce la facevo più. Quell'insolente non smetteva di vantarsi del suo futuro di tutore per un qualche figlio di un qualche signore. Non faceva altro che dire: "Messer Branchediseta questo, Messer Branchediseta quello."

Chi ha perfino mostrato un quadretto che ritraeva Messer Branchediseta e dama. Al messer avrei tirato un bel cazzotto, ma alla dama avrei certamente dato qualcos'altro.

Giunti nelle Valli, vediamo uno di quei maiali dal naso lungo con dei tronconi al posto delle zampe. Stava attraversando la strada, trascinando quella stupida pancia sul terreno. Sia lodato il Creatore e tante belle cose, ma dove aveva la testa quando generò un essere simile?

Comunque sia, mi volto verso Lockey e dico: "Ehi, è uno di quei soffioni."

Marchand comincia a ridacchiare, con me e il mio amico che lo fissiamo.

"Soffione!", dice lui, come se mi avesse colto in flagrante con sua moglie nuda. "No, no... si dice 'snoufleur'" perché "soffione" non è abbastanza elegante per l'Orlais. E va bene, allora lo dico come lo dice lui: "Snooooou-fleeeeur." Non riuscivo a restare serio. Marchand diventa rosso come una verginella con la gonnellina alzata dal vento. Nel mentre il buon vecchio Lockey centra la bestia in fronte mentre ancora si stava trascinando per strada.

"Adesso è morto e noi lo chiamiamo morto", dice. E questo è quanto.

—Dal diario di caccia di Kerr dei Colli Occidentali, datata 17 Solis


Ricerca ultimata: danni contro le bestie aumentati

Advertisement