Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

Al mondo esistono infinite varietà di spade, innumerevoli elmi leggendari, nonché corazze, pugnali e perfino calzature mistiche di cui si narra in ogni dove. Così come sono numerosi gli anelli e i guanti illustri, e persino i borselli che sono stati elevati al rango di mito. Ma che dire delle cinture? Esistono ben poche cinture passate alla storia. Fu questa la molla che spinse il nano Thaulid Hammerspur a farne il suo cavallo di battaglia. Lascerò il segno proprio qui, dovette pensare. Tra la tunica e i calzoni.

E di certo non gli mancava la competenza per riuscirci. Essendo un noto artificiere di Orzammar, aveva libero accesso alla mole delle voci contenute nei registri delle forge. Era quindi a conoscenza della Sbronzacinta e della Tascamica, ma li considerava oggetti senza alcuna poesia e privi di prestigio. Erano inutili gingilli, roba da venditori ambulanti o da banco dei pegni. Lui voleva creare una cintura il cui scopo fosse chiaro e lampante come la fibbia di cui l'avrebbe dotata. Iniziò dunque a lavorarci saltuariamente, in attesa della giusta ispirazione. Nel frattempo, però, gli serviva qualcosa per tenere su i calzoni, quindi decise di indossare la sua opera ancora incompiuta.

Questo fino al giorno in cui cadde nella sua stessa forgia, dopo una notte particolarmente memorabile trascorsa alla Taverna di Tapster. Di lui rimase soltanto la cintura, che si era mantenuta miracolosamente intatta.

Scienza del poi è una cintura a dir poco imprevedibile. Non appena chi l'indossa subisce una ferita letale e decede, questo strano manufatto sviluppa una resistenza tale che avrebbe potuto salvarlo. Nessuno sa come Thaulid sia riuscito a dotare la sua cintura di questa capacità, quindi è un mistero destinato a rimanere irrisolto. Osservandola attentamente sotto un fascio di luce, sul cuoio si legge un macabro elenco inciso con lyrium scintillante:

Thaulid Hammerspur, fuoco.
Gorgut il Raggrinzito, veleno.
Vil Arak, pugnalato quarantatré volte.
Haliath Baronet, streghe.

Questa cintura ha stretto generazioni di calzoni, e ora stringe i tuoi. Ma chissà per quanto: anche il tempo stringe...

Advertisement