Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

La schiavitù è ancora praticata nel Thedas, pur essendo considerata illegale. Quante volte abbiamo sentito raccontare di elfi miserabili attirati sulle navi con la promessa di un lavoro ben pagato ad Antiva, e che una volta in mare si sono ritrovati con le catene ai piedi? E tra le vittime degli schiavisti ci sono anche umani.

Se sono fortunati, le navi li condurranno a Orlais, dove esistono soltanto "servitori". Molti nobili li trattano decentemente solo per timore di ammettere la verità. Gli orlesiani, infatti, fanno di tutto per difendersi dalle accuse di schiavismo.

Ovviamente, il maggior "consumatore" di schiavi è l'Impero Tevinter, che crollerebbe come un castello di carte senza la costante fornitura di schiavi dall'intero continente. Qui sono considerati come merce, o peggio ancora come carne da macello. Sfruttati, costretti a combattere nella guerra infinita contro i qunari... e usati come ingredienti di oscuri rituali magici.

—Da "Città Nera, Nero Divino: saggio sull'Impero Tevinter", di Sorella Petrine, studiosa della Chiesa

Advertisement