Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

Alcuni credono alla storia secondo cui Antiva debba la propria indipendenza alla costante minaccia dei Corvi. Eppure questa ricostruzione storica, diffusa dagli stessi Corvi, non è più credibile delle promesse di uno scaltro venditore ambulante. La verità va ricercata nel Palazzo dei Re della Città di Antiva. Una maestosa statua di una donna in abiti regali rivainiani si staglia sopra l'ingresso, con gli occhi severi che vigilano su tutto ciò che accade dentro quelle mura. È la statua di Asha Subira Bahadur Campana, Regina Madre del Thedas.

Il matrimonio organizzato dalle matriarche di Rivain tra la Principessa Asha di Ayesleigh e Re Alonzo Campana di Antiva fu del tutto trascurato dall'opinione pubblica dell'epoca, la cui attenzione era concentrata sulle guerre tra l'Orlais e Nevarra. Le nozze tra una principessa minore di Rivain e un sovrano praticamente senza poteri non erano ritenute degne di considerazione. Ma quelle stesse nozze, a posteriori, sono state forse l'evento più importante nella storia del Thedas dopo la corruzione della Città Dorata.

La Regina Asha era un'abile stratega: studiando le ambizioni militari del Tevinter, oltre a quelle nevarriane e orlesiane, escogitò un piano. Antiva era fin troppo ricca da sperare di sfuggire alle mire dei suoi vicini, però non aveva i mezzi per formare un esercito capace di rivaleggiare contro il Tevinter e l'Orlais senza impoverire il regno. Sapeva che per difendere i suoi sudditi avrebbe dovuto adottare misure ancora più efficaci dell'acciaio.

Per decenni, la regina strinse nuove alleanze secondo la tradizione rivainiana, ovvero ricorrendo ai matrimoni combinati. Fece sposare figli e nipoti con membri delle casate nobiliari di tutto il continente, al punto che, dopo circa trent'anni, Antiva vantava legami talmente ramificati che qualsiasi azione ostile contro di essa avrebbe condotto mezzo Thedas in guerra.

Il sangue della Regina Asha scorre nelle vene dell'imperatrice d'Orlais, del principe di Porto Brullo, del re di Nevarra e di sette duchi delle Anderfel; perfino alcuni magister dell'Impero Tevinter sono legati alla famiglia reale antivana. Questa rete di parentele di convenienza tessuta da Asha costringe gran parte del continente a restare in pace con Antiva: pena terribili conseguenze ai pranzi di famiglia.

—Da Alla ricerca del sapere: i viaggi di uno studioso della Chiesa, di Fratello Genitivi

Advertisement