Dragon Age Wiki
Advertisement


La caduta di Calenhad

La leggenda di Calenhad narra che Lady Shayna provasse un affetto per il suo re che andava oltre la semplice amicizia, un amore che aveva tenuto segreto per il suo senso di dovere e d'onore. Quando una strega le offrì una pozione d'amore (una strega che in seguito si sarebbe rivelata essere la sorella di Arle Simeon, in cerca di vendetta) Lady Shayna cedette alla tentazione. Usò la pozione su Calenhad, e quella notte la Regina Mairyn li colse a letto insieme e, con il cuore spezzato, fuggì da Denerim per tornare da suo padre. Raccontò tutto a Myrddin e lui, incollerito, minacciò di revocare la sua alleanza con Calenhad e di riprendere la guerra civile.

Si dice che Lady Shayna provò rimorso per aver manipolato il cuore del suo migliore amico, e confessò alla corte di aver fatto uso di una magia proibita. Nonostante la pena per questo reato fosse la vita, Calenhad perdonò Lady Shayna per ciò che aveva fatto e proibì che fosse giustiziata. Myrddin, furioso, levò gli altri arle contro Calenhad e Lady Shayna, e presto il Ferelden fu di nuovo sull'orlo di una guerra civile. Disobbedendo agli ordini di Calenhad, Lady Shayna andò da sola da Mairyn per chiedere la pace, ma venne scoperta da Myrddin e uccisa. Infuriato ma anche rattristato, Calenhad sfidò Myrddin in un duello d'onore, uno scontro che nessuno dei due voleva ma che era comunque necessario, e Myrddin fu ucciso. La morte del più importante alleato del re, un importante arle, fu un colpo troppo duro per il giovane regno. Gli altri arle non ritirarono le loro accuse contro Calenhad. La minaccia di una guerra civile incombeva di nuovo. Calenhad si recò un'ultima volta da sua moglie, ma nessuno sa cosa si siano detti. Quindi sparì. Lasciò a Mairyn una dichiarazione in cui abdicava a favore dell'erede che lei portava in grembo, che salì al trono come Re Weylan I, il re che si dice abbia fondato la dinastia Theirin che dura ancora oggi. Calenhad non fu mai più rivisto.

La sua leggenda non fece che crescere con il passare del tempo, grazie a numerosi racconti e avvistamenti, anche quando Calenhad sarebbe ormai morto di vecchiaia. Alcuni dicono che sia scomparso nelle Selve Korcari o che andò a vivere con i nani, o che addirittura diventò un monaco in un ordine di clausura della Chiesa, che lo nominò uno dei Consacrati nell'Era della Tempesta, 7:88. La spada di Calenhad, Nemetos, rimase a Mairyn e divenne un simbolo della reggenza del Ferelden nel corso del secolo successivo. Le voci sui suoi poteri magici crebbero, e quando fu perduta nell'imboscata in cui fu ucciso Re Venedrin nell'Era Benedetta, 8:24, fu un grave colpo per la discendenza dei Theirin. Da allora sono comparse molte spade fasulle, ma mai quella vera.

—Tratto da La leggenda di Calenhad, di Fratello Herren, scriba della Chiesa, 8:10 Era Benedetta.

Note

  • Voce console (richiede getsetplotflag): cod_bks_calenhad_3 0 1
  • Simeon è definito Arle di Denerim in questa voce, tuttavia sembra essere errato poiché in numerose altre fonti viene riconosciuto come Teyrn. Queste sono:

Voci collegate

Icona codiceVoce del Codice: Leggenda di Calenhad: capitolo 1 - L'iniziale ascesa di Calenhad
Icona codiceVoce del Codice: Leggenda di Calenhad: capitolo 2 - L'ascesa di Calenhad al trono

Advertisement