Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

E quando le nuvole nere li sovrastarono,
Essi videro le conseguenze della superbia
E si disperarono.

Il lavoro di uomini e donne,
Per l'egoismo del loro operare.
Il dolore di una sventura insopportabile.

— Cantico delle Trenodie, 7:10-11

Superbia! Quale altro peccato ci può ferire profondamente come la superbia? La stessa malsana pulsione che spinse gli antichi magister del Tevinter a corrompere la Città Dorata, che convinse Maferath a tradire la sacra Andraste e che ha mandato in rovina innumerevoli individui di qualsiasi estrazione sociale fin dalla creazione del mondo.

Spesso la superbia si nasconde dietro un'eccessiva sicurezza. Chi tra noi non ha mai guardato la nostra grande nazione pensando: "Qui siamo certamente al sicuro, protetti da qualsiasi minaccia. Il nostro mondo durerà in eterno, poiché siamo saggi e potenti"? Ebbene, questi versi ci chiedono di osservare le rovine di antichi imperi dimenticati, di cui potremmo condividere il destino. Solo la sapienza del Creatore è totale. Le parole che Egli ci ha donato tramite la sacra Andraste sono l'unica, vera costante nel nostro mondo. Senza il Canto, qualsiasi terra è condannata all'oblio eterno.

Riflessioni sul Canto della Luce, di Madre Bezoria della Gran Cattedrale, 9:37 Era del Drago

Advertisement