Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

Lady Amandine du Val giunse alla corte dell'Imperatore Corentine all'età di soli quindici anni come un ciclone. I suoi capelli dorati, i suoi occhi espressivi e le sue maniere aggrazziate le valsero la benevolenza di tutti i nobili. La sorella dell'Imperatore, Lady Charlotte, scrisse:


"La piccola Amandine è davvero deliziosa! E' così arguta e... oh, quei delicati piedini volteggiano leggiadri per la sala da ballo. E' come un soffio di primavera nella nostra stanca corte."

Tuttavia, quest'adorazione non durò a lungo. A neanche un anno dal suo arrivo, la piccola Amandine si affezionò a un bardo, il quale le insegnò, tra le altre cose, l'arte della spada. Essendo giovane e agile, Amandine familiarizzò con le lame come un pesce con l'acqua. Sedotta dall'idea di una vita di romanticismo e avventure, scappò da corte, vestita da ragazzo. Negli anni che seguirono, Amandine divenne una marinaia, una brigante e una cortigiana. Un tempo, era promessa al cugino dell'imperatore.

All'età di quarantaquattro anni, Amandine abbracciò la vita monastica. Rimase in convento fino alla fine dei suoi giorni e morì penitente.

—Tratto da "La galleria dei bricconi", un libro di ritratti redatto da Lady Wilhelmina Bonchance

Advertisement