Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

Ser Thorval di Rainesfere era il sesto figlio di un sestogenito, quindi gravato dalla malasorte. Questo fu chiaro il giorno del suo tredicesimo compleanno, quando per poco non si fece investire da un carretto ma fu invece schiacciato da un albero. Fu chiaro il giorno delle sue nozze, quando sua moglie scappò con un nano vagabondo.

Ma la malasorte di Thorval si manifestava soprattutto sul campo di battaglia. Anche se non aveva pari tra i cavalieri di Rainesfere e non era mai stato sconfitto nei tornei di Redcliffe e dei Colli Occidentali, ogni lama che Ser Thorval usava in battaglia si rompeva. Ogni scudo si crepava. Si guadagnava onore e fama... e un salatissimo conto del fabbro ogni volta che cercava di procurarsi armi più forti e resistenti con cui sostituire quelle che aveva perso.

Un giorno, mentre andava a un torneo a Denerim, il cavallo di Thorval perse un ferro, mandando a sbattere il suo cavaliere contro un ceppo. Quando Thorval rinvenne, si ritrovò a pochi centimetri da un gigantesco martello da guerra. Poiché la sua spada si era ovviamente rotta nella caduta, Thorval prese il martello.

Era alquanto poco ortodosso per un guerriero usare un martello in un torneo, ma Thorval vinse con facilità. E il martello non si era nemmeno rotto. Da quel giorno non usò più altre armi. Quando morì, molti anni dopo, lasciò il martello al suo sesto figlio, Anselm, che lo perse subito.

Advertisement