Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

La Legione dei Morti è composta dai nani che cercano di riguadagnare l'onore perduto. Questi individui caduti in disgrazia si avventurano nelle Vie Profonde per combattere l'infinito afflusso di prole oscura. La Legione garantisce la redenzione dei suoi membri, ma anche la loro morte.

Secondo i registri, anche un umano si unì alla Legione: Ser Aurelian Pentaghast, il contendente sconfitto al trono di Nevarra, rifugiatosi nelle terre naniche in data 8:60 Era Benedetta. Ser Aurelian era un uomo pio, che venne esiliato dopo essersi scontrato con il suo popolo. Egli riteneva che il Creatore volesse che la sua patria tornasse sotto il dominio della Chiesa.

Costretto a vivere il resto dei suoi giorni in disonorevole esilio, Ser Aurelian si unì alla Legione dei Morti e scese nelle Vie Profonde da eroe nanico. Non fu più rivisto, ma i pezzi della sua armatura incantata sono tornati in superficie durante i decenni successivi. Alcuni sostengono che l'armatura venne razziata dal suo cadavere, mentre altri ritengono che ne abbia venduto vari pezzi dopo essere tornato segretamente in superficie. La verità, come sempre, è nota solo alla Legione, il cui motto è sempre stato "I nostri segreti muoiono insieme a noi".

—Tratto da "Il retaggio di Orzammar", di Alstead il Saggio, 9:05 Era del Drago

Advertisement