Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

È difficile risalire alle tradizioni dell'antico Tevinter, ma certamente Kirkwall, un tempo teatro del commercio degli schiavi dell'Impero, riveste un ruolo preponderante nella sua storia.

Quali risposte custodisce Kirkwall? Perché cercarle qui piuttosto che a Perivantium o a Vol Dorma? L'Impero custodisce i propri segreti gelosamente. E se anche l'epoca dei magister è ormai un ricordo sbiadito, ciò non rende il nostro viaggio meno pericoloso. Ed è proprio qui, al Porto della Forca, che rinnoviamo il nostro giuramento.

Qualora dovessimo fallire, cercate i simboli dalla Banda dei Tre.

—Una lettera sbrindellata trovata sotto una pietra. Reca degli strani simboli ed è firmata "La Banda dei Tre"

───────

Il visconte è un tipo sospettoso, ma la bustarella ci ha guadagnato l'accesso alla sezione riservata degli archivi. Forse però avremmo fatto meglio a investire diversamente quel denaro, dato che negli archivi non c'è quasi ombra di documenti risalenti all'era dell'Impero.

Quando gli schiavi si ribellarono, diedero la caccia ai magister e appiccarono il fuoco alla città, o almeno, a tutto ciò che vi era di infiammabile. Secondo una testimonianza, le strade erano piene di pergamene e libri dati alle fiamme.

La nostra missione è dunque destinata a fallire? Gli schiavi hanno distrutto le risposte che cerchiamo? Non appena gli eserciti di Maferath ebbero rovesciato l'Impero, inviarono qui tre magister e le loro legioni. Tuttavia, nessuno di loro giunse mai a destinazione. Mi chiedo perché farli venire proprio qui... Quale ragione li avrà spinti?

—Dietro un pannello recante strani simboli, firmato "La Banda dei Tre"

───────

È proprio come pensavamo. Le cave di Kirkwall furono scoperte dopo il saccheggio da parte dell'Impero, una volta gettate le fondamenta della città. L'Impero trovò una ricchezza mineraria, ma non la popolazione autoctona. Le storie che si raccontano forniscono versioni discordanti su chi abitasse questo luogo prima dell'avvento dell'Impero. Alcuni sostengono che si trattasse degli Alamarri, altri dicono i Daefads. Sappiamo solo che si trattava di popolazioni barbare, per le quali i metalli delle colline non rivestivano un grande interesse.

Come mai la presenza dell'Impero fu così massiccia? Secondo la teoria di Fratello Mikhel, il porto naturale della città avrebbe rivestito un'importanza strategica per gli eserciti imperiali, ma al potere c'erano i magister, non uomini comuni. Quale ostacolo poteva mai comportare uno specchio d'acqua? Le guerre con gli Alamarri sarebbero iniziate solo diversi secoli dopo.

Ogni pista che troviamo serve solo a far sorgere ulteriori dubbi, ma noi non ci arrenderemo.

—Sotto una pila di piccoli massi su cui sono incisi degli strani simboli, firmato "La Banda dei Tre"

───────

Nei vicoli della Città inferiore si possono trovare degli oggetti straordinari. Con una manciata di monete d'oro è possibile acquistare tomi dal valore inestimabile, come il Canto dell'Arconte Lovias o un intero capitolo del Compendio Notturno. E dire che si temeva che alcuni di questi libri fossero andati perduti per sempre!

Sono tutte opere autentiche, come ho potuto appurare di persona. I ricettatori non hanno la minima idea del valore della merce che vendono. Da dove provengono questi libri?

Dopo diversi tentativi falliti, ho trovato una risposta sotto la città. C'è un labirinto di passaggi nascosti nelle fogne di Kirkwall. Di tanto in tanto, qualche fortunato "topo di fogna" si imbatte in una stanza non ancora saccheggiata ed è così che antiche reliquie del Tevinter finiscono sul mercato nero. Dobbiamo cercare sotto la città.

—Sotto una pietra che riporta strani simboli, firmato "La Banda dei Tre"

───────

Un labirinto di caverne, fogne e passaggi segreti! Abbiamo trovato tre stanze del Tevinter già saccheggiate, ma oggi (o forse stanotte?) ne abbiamo trovata una ancora inviolata. Era una piccola cella contenente alcuni gingilli e un tomo comune, ma ciò non ci ha fatto perdere d'animo. I magister tenevano centinaia di maghi rinchiusi sotto Kirkwall. Essi vivevano e svolgevano le loro ricerche qui, lontano dagli sguardi della gente comune.

Erano molte le città antiche specializzate nelle ricerche arcane, ma perché Kirkwall ha deciso di celarle proprio qui? Perché dannarsi tanto per proteggerla da sguardi indiscreti? C'era forse di mezzo un complotto di magister rinnegati? Oppure un piano dell'arconte?

—Nascosto in una piccola crepa accanto a strani simboli, firmato "La Banda dei Tre"

───────

Un capomastro ha espresso un giudizio che mi ha fatto riflettere. Di tutte le città nelle quali aveva lavorato, secondo lei Kirkwall era la più complessa, paragonabile a una sorta di labirinto. Ripensando ai miei primi anni trascorsi a Kirkwall, non posso che darle ragione. Perdersi era la regola. All'epoca la città era un'accozzaglia di vicoli disordinati.

Il capomastro mi ha mostrato una pianta della città e il cuore ha cominciato a battermi all'impazzata. Si potevano notare disegni in prossimità di incroci, vicoli e strade. Alcuni magister credevano nel potere dei simboli e delle immagini. Nei quartieri più antichi della città è possibile riconoscere abbozzi di glifi lungo le strade! Che razza di magia è questa?

—Sotto una pietra che riporta strani simboli, firmato "La Banda dei Tre"

───────

Ironia della sorte, la Chiesa conserva le prove più schiaccianti dell'occupazione dell'Impero che abbiamo trovato. Non si tratta di testi proibiti, che saranno stati sicuramente distrutti, ma di registri amministrativi. I loro freddi elenchi raccontano storie di miseria. Migliaia di schiavi sono passati dalla Forca per lavorare nelle miniere o per essere venduti altrove.

L'elenco dei bambini elfici lascia perplessi: "tre storpi, due muti e quattro sani". I conti non tornano. Ogni mille schiavi giunti a Kirkwall, ne sparivano cento. Per scrupolo ho controllato anche i registri delle tasse e ho notato la stessa discrepanza: 203 schiavi sono scomparsi nell'anno 312 dell'Impero... in un solo anno! Altri registri mostravano discrepanze simili. Col passare dei secoli, praticamente è sparita un'intera popolazione di schiavi.

—Nascosto nella copertina di un libro recante strani simboli, firmato "La Banda dei Tre"

───────

Dopo aver imboccato un altro vicolo cieco siamo stati attaccati dai Maleficarum. Temo che per V non ci siano speranze. I ricettatori devono aver fatto una soffiata. Saranno stati dei cultisti che volevano proteggere la verità? O la stavano cercando anche loro? Oppure ci avranno attaccati per caso?

I maghi di Kirkwall hanno una storia più tribolata rispetto a quelli degli altri circoli. Una percentuale superiore di essi non sopravvive al Tormento e una percentuale pari a circa il doppio di quella di Porto Brullo od Ostwick abbraccia la magia del sangue. Ci sarà una confraternita nascosta che studia i segreti del Tevinter di questa città?

A ogni modo, dobbiamo essere prudenti, se non vogliamo diventare la Banda dell'Uno, o essere spazzati via completamente.

—Nascosto sotto una pietra recante strani simboli, firmato "La Banda dei Tre"

───────

Non è stato facile entrare, e temo che il mio travestimento non durerà ancora a lungo. Ho visto i registri di cui i templari negano l'esistenza. Moltissimi schiavi sono stati sacrificati sotto la città. Interi edifici sono sorti su laghi di sangue. Le fogne hanno dei canali per la raccolta del sangue e tutti conducono verso il basso, anche se è difficile capire fino a quanto si spingano in profondità.

Un mago del sangue è in grado di attingere a un potere enorme da un semplice taglio. Almeno un migliaio di poveretti sono morti qui ogni anno, per secoli. A chi può servire tutto questo potere, e per quale scopo malvagio?

Devo tornare indietro prima che mi scoprano, ma sento che la risposta è vicina.

—Dietro un pannello recante strani simboli, firmato "La Banda dei Tre"

───────

È risaputo che il Velo è sottile a Kirkwall. Non c'è da sorprendersi, vista la sofferenza che affligge la città. Tuttavia, abbiamo scoperto che i magister stavano contribuendo ad assottigliarlo. Sotto la città, i demoni possono entrare in contatto con la gente comune. Cercavano forse la Città Nera per dare un senso alla follia del loro operato? O c'è dell'altro? Abbiamo trovato una stanza dove il Velo è più sottile. Era stata saccheggiata da tempo, ma il potere è ancora lì. Stanotte andremo a dare un'occhiata. Pregate per la nostra incolumità.

—Nascosto sotto una pietra recante strani simboli, firmato "La Banda dei Tre"

───────

È stata fatta una scoperta recente. Roba grossa stavolta... potrebbe trattarsi del parlatorio nelle segrete dell'arconte.

Una marea di tomi ha invaso il mercato. Anche i semplici ricettatori si sono accorti che qualcosa non va e hanno alzato i prezzi di fronte all'entusiasmo dei collezionisti. C'è chi sostiene di aver venduto una copia del Grimorio della Caduta! Dubito che menta. Come potrebbe sapere che il tomo è una semplice leggenda?

Ma se è tutto vero, che fine hanno fatto i Dimenticati? Questo viaggio ci ha condotti in troppi luoghi strani e ci ha fatto riconsiderare molte antiche verità. Mi chiedo dove ci porterà...

—Nascosto sotto una pietra recante strani simboli, firmato "La Banda dei Tre"

───────

Siamo andati fino in fondo. F è morto e io sono rimasto solo e ferito. Devo tornare indietro e farla finita una volta per tutte. La follia che c'è lì è ancora senza risposta. Ma i Dimenticati, o i demoni, o chiunque siano, vanno eliminati. Temo che uno di loro possa essere già in libertà.

Ho infranto il mio giuramento. La tradizione dei magister va bruciata e le ceneri sparse. Non se ne può ricavare nulla di utile. Che il Creatore ci protegga se qualcuno dovesse trovare la risposta che noi non siamo stati in grado di trovare.

—Nascosto accanto a strani simboli, firmato "La Banda dei Tre"

Advertisement