Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

Nel momento dell'impatto, la spada del Custode Grigio che uccise Toth, l'Arcidemone del Fuoco, si ruppe in tre frammenti. Dopo la Battaglia della Brughiera del Cacciatore, i Custodi trasportarono il loro fratello caduto a Weisshaupt per dargli la sepoltura degna di un eroe, ma si dimenticarono dei pezzi della sua spada.

Per anni, i frammenti rimasero abbandonati sul campo di battaglia. L'acciaio venne inciso con il sangue corrotto del dio morto. Alla fine furono ritrovati da una donna di Nevarra, che stava cercando fra gli scheletri qualche segno del figlio morto. Vendette i frammenti a un fabbro in cambio di dieci pezzi, senza sapere cosa fossero realmente.

Il fabbro, invece, sapeva di aver acquistato ben più che della semplice ferraglia e trasformò i frammenti in tre pugnali identici, gli Aculei degli Dei Defunti, i quali, una volta abbandonate le sue mani, finirono negli angoli più remoti di Thedas. Ovunque andavano, gli aculei lasciavano miseria e morte al loro passaggio. La donna che li riportò alla luce morì poco tempo dopo di peste. Il fabbro morì nella sua forgia. Ogni individuo che ha impugnato uno degli aculei, anche se per poco, è deceduto prima del tempo.

Curiosità

  • Il fabbro che ha creato gli aculei degli dei defunti condivide lo stesso destino di Thaulid Hammerspur, creatore di Scienza del poi.
Advertisement