Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

I demoni dell'invidia sono arroganti e codardi in egual misura. Isolano le proprie vittime per studiarle da lontano, cercando di diventare loro. Quando il demone è soddisfatto della conoscenza del soggetto, esso assume la sua forma, lasciando marcire il povero malcapitato. Invidia non è tuttavia mai soddisfatto. L'irrefrenabile voglia del demone di diventare più potente, più abile e più ispirato, lo induce a cercare prede fresche, lasciandosi dietro una scia di identità rubate.

La transizione avviene quando Invidia è debole, poiché è vulnerabile quando trasmigra da un corpo all'altro. Copia le abitudini della vecchia identità finché non trova un altro mortale da scimmiottare. Ecco perché sto scrivendo questo. L'uomo che sta tremando dinanzi a me voleva sapere cosa un demone pensa, vuole, prova. Vuole documentare tutto. Tutto. Egli resiste, prigioniero nella sua stessa casa. Ma io questo già lo so. Anch'io bramo la conoscenza che egli brama. E così sarà.

—Pergamena trovata sul cadavere dello "Studioso Esmar Treviento" dai templari che gli davano la caccia.

Advertisement