Dragon Age Wiki
Advertisement


Sulla geografia del Ferelden

Il regno del Ferelden è la nazione civilizzata più a sud di tutto il Thedas, anche se alcuni studiosi obiettano riguardo il suo "essere civilizzato". Forse è il regno fisicamente più isolato di tutto il Thedas. A est del Ferelden si trova l'Oceano di Amaranthine, a nord il Mare del Risveglio e a sud le Selve Korcari, che nei mesi estivi diventano una grande torbiera e in inverno un pericoloso labirinto di corsi d'acqua congelati. Le Montagne Gelide proteggono il confine occidentale, e solo una pianura posta tra le montagne e il mare consente di viaggiare dal Ferelden a Orlais.

La maggior parte della terra nella porzione centrale del regno, chiamata Bannorn, è costituita da aperte pianure. Queste sono attraversate dai resti di un'antica via dell'Impero Tevinter che un tempo collegava Val Royeaux a Ostagar, al limitare delle Selve Korcari. La parte occidentale del Ferelden è dominata dal Lago Calenhad, una sorta di enorme caldaia colma dell'acqua dei ghiacciai delle vicine montagne. Il Lago Calenhad ospita il celebre Castello Redcliffe e la Torre del Circolo, ed è sede del Circolo dei Magi del Ferelden.

A est si trova l'ampia Foresta di Brecilian, che i superstiziosi del luogo ritengono infestata, e da cui sorge il Picco del Drago, una montagna solitaria che difende la città capitale di Denerim.

—Tratto da Alla ricerca del sapere: i viaggi di uno studioso della Chiesa, di Fratello Genitivi.

Advertisement