Dragon Age Wiki
Advertisement


Testo del Codice

Ho affrontato duellanti antivani, guerrieri della cenere fereldiani e guerrieri delle nebbie. Levate loro i titoli e diventano semplici uomini che vogliono vedere il proprio avversario morto. Ma hanno bisogno di una mano libera per operare. I duellanti preferiscono un bersaglio smilzo piuttosto che un colosso potente. I guerrieri della cenere hanno bisogno di una mano per guidare il proprio mabari e un'arma leggera per sfruttare il vantaggio generato dalla loro bestia. Invece, I guerrieri delle nebbie si affidano troppo a velocità e furtività, tanto da non poter usare uno scudo pesante.

Quando attaccate un avversario simile, rispettate la sua velocità. Muoverà mani e piedi molto rapidamente. Ignorateli. Invece, osservate i suoi fianchi e le sue spalle. Valutate anche il vantaggio che potrebbe trarre dagli alleati o dall'ambiente circostante. Una volta ottenuto il controllo della sua arma, assalitelo. Non ha scudo e non dovete temere un'eventuale seconda lama.

Se vi trovate costretti a lottare in questo modo, decidete se volete attaccare da duellanti, a una sola mano o da chevalier. Nel primo caso, portate indietro la gamba d'appoggio per equilibrare il baricentro, poiché non avete uno scudo per coprirvi o una seconda arma per attaccare. Concentratevi su un attacco rapido e cedete del terreno quando non riuscite a trovare un vantaggio. Nell'ultimo caso, affidatevi al vostro avambraccio come scudo e cercate di disarmare l'avversario. Il mio braccio sinistro riporta le cicatrici di tali sforzi, ma i miei avversari hanno cicatrici ben peggiori. Non perdete il vostro scudo. Se ciò accadesse, sappiate che la perfezione non è sinonimo di battaglia.

—Tratto da Riflessioni sull'uso delle lame, del Maestro di spade Massache de Jean-mien, conferenziere all'Accademia degli Chevalier


Ricerca ultimata: danni contro gli umanoidi aumentati

Advertisement