Dragon Age Wiki
Advertisement

Vedi anche: Dragon Age: Hard in Hightown

Testo del Codice

Di Varric Tethras

I nobili della città superiore si illudono che il crimine alberghi soltanto nelle ombre fetide della città oscura, o al massimo nei vicoli corrotti della città inferiore, nell'enclave e nei quartieri più poveri. I loro viali, le loro abitazioni ricoperte di edera non potrebbero mai essere teatro di qualcosa di crudo come una rapina o un semplice assalto.

Donnen non ebbe molti problemi a trovare una nicchia fuori mano, vicino alla Chiesa, dove attendere che l'ander sfigurato e il chasind tatuato lo raggiungessero.

L'ander si fece avanti per primo, calandosi dalla balconata sovrastante. Mentre Donnen cercò di allontanarsi da lui, il chasind apparve alle sue spalle, afferrandolo con una mano enorme, dalla presa ferrea. Il pugno sferrato dall'ander, direttamente alle costole, fece uscire tutta l'aria dai suoi polmoni.

Quando il chasind lo sollevò tenendolo per la giubba, Donnen riuscì a ritrovare il fiato necessario per dire: "Lavorate per Wagner? Voglio che gli facciate avere un messaggio."

A queste parole l'ander mostrò uno sguardo scettico, mentre il chasind lo rimise in piedi.

"Ditegli che ho la sua spada. Può incontrarmi al molo a mezzanotte, così ci metteremo d'accordo sul prezzo." Per un lungo e terribile istante, Donnen osservò l'espressione sul volto sfigurato dell'ander, prima che l'uomo annuisse. Un attimo dopo, l'ander e il chasind si allontanarono, lasciandolo solo.

Con il sole in procinto di calare, vi era soltanto un altro posto dove Donnen doveva recarsi.

La taverna nel cuore della città inferiore era un luogo bagnato da un misto di birra versata, vomito e acqua marina gettata dal proprietario contro le pareti, nel tentativo di togliere lo sterco dei gabbiani. Donnen, come quasi tutte le guardie che bevevano all'Impiccato, fu accolto dal classico vociare collettivo: "Metti via tutto! Presto!" Cercò di non sorridere, cosa che gli riuscì perfettamente quando il pensieroso barista elfico, dai capelli bianchi, lo accolse con un'occhiata assassina. "Guardia."

Donnen posò una manciata di monete di rame sul bancone. "Portami della birra, Ferris. Devo ammazzare il tempo."

Voci collegate

Advertisement