Dragon Age Wiki
Advertisement

Non saprai quando è un racconto di Brianne Battye.[1] È stato pubblicato il 4 dicembre 2021, come parte della celebrazione della Giornata di Dragon Age.

Storia[]

Non saprai quando

Il Custode Evka Ivo gemette e si appoggiò alla grezza pietra. L'ogre era morto. Una mezza dozzina di frecce sporgeva dalla gola e il lato sinistro del suo teschio era accartocciato verso l'interno per il colpo di grazia del martello nanico. Poteva riposare un attimo.

"Ce l'hanno fatta", disse il Custode Antoine dall'alto.

"Bene", disse Evka. Il punto di frapporsi tra gli sventurati minatori e la morte per mano di ogre era quello di far fuggire gli sventurati. Anche se questo significava qualche livido. E forse una costola incrinata. Antoine si abbassò a terra accanto a lei, altrettanto dolorante. I due giacevano supini, fissando il soffitto della caverna oscura.

"Ce l'abbiamo fatta anche noi", disse Antoine. Prese una pietra e ci giocherellò con le dita. L'elfo non stava mai fermo.

"Questa volta."

Antoine rise. "L'hai detto anche l'ultima volta che abbiamo combattuto un ogre."

"L'ultima volta erano tanti ogre. Più di uno. Il terzo ti aveva quasi staccato la testa."

"Ah, ma avevo collaudato una nuova formula!"

Evka sorrise, ricordandosi dell'aroma corrosivo dell'intruglio sperimentale di Antoine. "Esatto. Ci hai quasi fatto saltare in aria entrambi."

"Non ho mai detto che fosse un buon piano." Antoine gettò la pietra in aria e la riprese. "Ma gli halla sono tornati in quei campi. L'ultima volta c'erano anche dei cuccioli."

"Ti ricordi i prole oscura fuori da Kassel?" chiese Evka. La presenza corrotta dei prole oscura aveva avvelenato l'acqua. Le paludi salmastre erano pregne di fanghi grigi. Gli uccelli erano morti. Gli abitanti del villaggio chiedevano di essere salvati tra un colpo di tosse gorgogliante e l'altro. Evka aveva camminato dal villaggio da sola, contro un'orda mostruosa.

"Eri malata", disse Antoine. "Ma mi hai fatto guadagnare tempo."

"E hai fermato la pestilenza."

"Hai detto che ti dovevo della zuppa." Antoine lanciò di nuovo la pietra.

"C'era quel demone nella regione di Merdaine."

"Odio i demoni", borbottò Antoine.

"Secondo me neppure tu gli piacevi."

"Se non altro, il nostro libro si era solo bruciacchiato. Quella storia misteriosa. Eravamo all'ultimo capitolo." Antoine sorrise. "Ho fatto meglio di te contro quegli hurlock nelle Alte Catene."

"A malapena una cicatrice. Non sono stato morso da un... cos'era quella bestia fuori da Arlathan?"

Con la mano, Antoine si toccò la spalla. "Ancora non lo so. Ma ce l'abbiamo fatta. Per un pelo".

"Il punto è che i Custodi possono morire in molti modi diversi", disse Evka.

"E in molti modi possono vivere i propri giorni", ribatté dolcemente Antoine.

"Dernel ha seguito il suo Richiamo", disse Evka.

Antoine non rispose. Posò la pietra. Non lo sapeva.

Dernel non era così vecchio, ma il Flagello nel suo sangue, come nel sangue di tutti i Custodi, gli aveva detto che era la fine. Evka l'aveva accompagnato nelle Vie Profonde un'ultima volta. Sarebbe morto combattendo contro i mostri.

"Essere un Custode ti uccide in un modo o nell'altro", disse Evka. "E non sai mai quando."

"Non ho paura se non hai paura tu."

Dalle profondità della caverna, Evka percepiva i prole oscura muoversi. Non avevano molto tempo prima dell'arrivo di altri mostri. Ma ne avevano un po'.

"Chiedimelo ancora", disse.

Prese la pietra, la posò di nuovo, poi si concentrò su di lei. "Evka Ivo, vuoi sposarmi?"

"Sì." E lo baciò.

Riferimenti[]

Advertisement