Dragon Age Wiki
Advertisement
Ho un braccio saldo, un cuore impavido e sono ancora fedele all'Orlais.

Ser Michel de Chevin è uno chevalier e il campione dell'Imperatrice Celene I. Guerriero esperto in tutte le forme di combattimento, apprezza profondamente anche il codice d'onore degli chevalier. Fu raccomandato nell'Academie des Chevaliers dal Comte Brevin de Chalons, presso il quale Ser Michel fu allevato da giovane.

Background[]


Questa sezione contiene spoiler per:
Dragon Age: L'Impero delle Maschere.
Clicca per rivelare.

Michel è il figlio bastardo di sangue elfico di una madre elfica e di un comune padre umano.[1] Crebbe nell'enclave di Montfort con sua madre e lei lo mantenne lavorando in una taverna.[2] La vita di Michel era fatta di povertà e paura, poiché gli chevalier spesso uccidevano i contadini nei bassifondi.[3] Sua madre morì quando era bambino. Quando aveva dieci anni, il Comte Brevin de Chalons lo vide combattere contro tre ragazzi più grandi in un vicolo per salvare un amico e ordinò alla sua carrozza di fermarsi per aiutarlo. Brevin portò Michel ad addestrarsi con le guardie della sua famiglia e dopo tre anni pagò un esperto in araldica e documenti legali, le Mage du Sang, per costruirgli un titolo.[4] Da qui Michel si è atteggiato a Ser Michel de Chevin, un lontano cugino dei de Chevin, proveniente da una linea morta della famiglia in modo che la sua presunta identità non potesse essere messa in dubbio.

Brevin pagò anche la sua ammissione all'Academie des Chevaliers che accettava solo quelli di nobile nascita; Michel arrivò all'Academie con una lettera di presentazione del Comte Guy de Montfort che confermava il suo lignaggio. Gli anni all'Academie furono i migliori della sua vita ed eccelleva nell'addestramento marziale. Per una prova finale, lui e gli altri studenti più anziani furono portati nei bassifondi dopo il tramonto per testare le loro lame uccidendo gli elfi.[5]

Michel alla fine è salito alla posizione di campione dell'Imperatrice Celene dopo che il suo precedente è morto fermando un tentativo di omicidio e l'ha servita fedelmente per quasi dieci anni.

Coinvolgimento[]

Dragon Age: L'Impero delle Maschere[]


Questa sezione contiene spoiler per:
Dragon Age: L'Impero delle Maschere.
Clicca per rivelare.

BioWare canon
Il testo seguente si basa sulla storia canonica di BioWare.

Ser Michel accompagna l'Imperatrice Celene a incontrare il Cancelliere Morrac dell'Università dell'Orlais per quanto riguarda l'accettazione di promettenti cittadini comuni ed elfi che possono ottenere la sponsorizzazione per le loro domande. Celene suggerisce che gli elfi sono già presenti all'università e chiede involontariamente a Michel, comprensibilmente riluttante, di identificare un murale del discepolo elfico Shartan che era stato sottoposto a iconoclastia in seguito alla Sacra Marcia delle Valli. Quindi accompagna Celene a un incontro con il rappresentante della Divina Justinia, Leliana.

Più tardi, ad un ballo organizzato dall'Imperatrice Celene, il Granduca Gaspard de Chalons tenta di incitare Teagan Guerrin, l'ambasciatore del Ferelden, a duello insultando la memoria di Moira Theirin. Celene, tuttavia, lo supera in astuzia offrendo il suo campione, Ser Michel, nel duello per soddisfare l'onore di Teagan e del Ferelden. Il gruppo sfidato può scegliere l'arma e Ser Michel, per ordine di Celene, sceglie una piuma come arma preferita (più precisamente la piuma degli chevalier). Ciò salda il debito in modo innocuo, per la gioia di alcuni e l’indignazione di altri.

La mattina dopo Melcendre, un bardo al servizio di Gaspard che lo aveva assistito al ballo della notte precedente, attira Ser Michel in una taverna dei bassifondi con un biglietto. Lo attacca sostenuta da sei uomini armati e riesce a neutralizzarlo con una polvere soffocante a base di funghi delle profondità. Michel viene portato in un magazzino nell'enclave di Val Royeaux. Melcendre arriva al magazzino e rivela di aver appreso del suo passato e della sua eredità elfica. Solo quelli di sangue nobile sono ammessi nei ranghi degli chevalier e Michel è un cittadino comune e, peggio ancora, di sangue elfico, informazioni che disonorerebbero l'imperatrice e distruggerebbero la sua vita se rivelate. Melcendre intende fornire l'informazione a Gaspard, ma Michel la stende e la strangola prima di ucciderla con il suo stesso pugnale. Proprio mentre Michel viene affrontato da un gruppo di soldati di Gaspard, Briala e Felassan appaiono e lo aiutano a scappare.

Durante la fuga Briala deduce dalle reazioni dello chevalier alla definizione di "orecchio affilato", qualcosa che non aveva mai detto a lei o a nessun altro servitore, che Michel ha sangue di elfo. Briala dice a Michel che non dirà mai a nessuno il suo segreto, ma che ora le deve un favore a cui può chiedere in qualsiasi momento. Sebbene Michel non abbia idea di quale sarà questo favore, accetta l'accordo per proteggere il suo status di cavaliere e anche di campione di Celene.

Michel in seguito accompagna l'Imperatrice Celene a uno spettacolo teatrale al Gran Teatro Reale volto a indebolire la sua posizione politica dipingendola come eccessivamente solidale con gli elfi, in un momento in cui i bassifondi elfici di Halamshiral si stanno ribellando. Ciò porta Celene a ordinare a Michel e alle sue forze di marciare sulla città per reprimere la ribellione e consolidare la sua forza agli occhi della nobiltà. Celene ordina che Halamshiral venga bruciata mentre gli elfi sono ancora all'interno della città.

Quando Michel, Celene, Briala e Felassan rimangono intrappolati fuori Halamshiral a causa delle macchinazioni di Gaspard, decidono di unire le forze per trovare i dalish e cercare il loro aiuto per tornare a Val Royeaux. Lungo la strada il gruppo viene selvaggiamente attaccato dai silvani, così Cheritenne e la cavalcatura di Celene vengono uccisi, con Cheritenne misericordiosamente per mano di Michel. Il clan Virnehn li salva dai silvani. Quando raggiungono l'accampamento del clan dalish, vengono trattati con disprezzo e gli viene detto che il clan non vuole avere niente a che fare con loro. Michel viene legato ma in seguito liberato e attirato dal demone Imshael nell'elgar'arla, il cerchio di pietre dove il Custode Thelhen lo tiene imprigionato. Imshael rivela che è stato evocato dal guardiano per aiutarlo ad attivare gli antichi Eluvian. Tuttavia, Imshael rifiuta, poiché Thelhen vuole solo il risveglio degli Eluvian ma nient'altro; Imshael aveva bisogno di qualcuno che facesse una scelta. Imshael offre a Michel un patto: garantirebbe magicamente a Michel l'identità valida di Ser Michel de Chevin, senza che nessuno scopra mai che ha sangue elfico. Imshael si offre di alterare magicamente i ricordi di altre persone e di falsificare documenti per convalidare la sua falsa eredità. Tutto ciò che vuole in cambio è una scelta e un ospite, in modo da poter vivere fuori dall'Oblio.

Michel viene presto trovato dai guerrieri dalish, che lo riportano all'accampamento. Quando rivela che è stato Imshael ad attirarlo via, Thelhen si allarma e se ne va per rafforzare il cerchio vincolante. Il condottiero dalish accusa poi Michel di mettere in pericolo il suo clan. Michel indica silenziosamente a Celene di non mostrare debolezza davanti al dalish, così lei gli chiede di concedere al condottiero un compagno nell'interesse di un combattimento leale. Una volta che i dalish li lasciano soli, Michel informa Celene di ciò che ha appreso da Imshael e decide di trarre vantaggio da questa informazione.

Quando Briala torna all'accampamento, le rivelano il segreto. Sebbene creda di poter usare le informazioni per ottenere il favore dei dalish, Celene la convince che i dalish sono indifferenti agli elfi di città e mente sui loro piani per ucciderla. Pertanto, Briala acconsente al loro piano di fuga e se ne va per convincere Felassan ad aiutarli. Michel poi uccide di proprio pugno molti degli elfi dalish per liberare Celene. Tuttavia, risparmia l'iniziata del clan, Mihris, dopo che lei gli ha detto che ha ucciso il suo amore durante il combattimento.

Tornando al circolo vincolante, invece di accettare i termini dell'offerta, Michel cerca di ingannare Imshael facendogli dare la chiave di volta necessaria per attivare gli Eluvian mentre non adempie alla sua parte dell'accordo. Quando il demone posa la chiave di volta, Michel ne distrugge la prigione, credendo che il demone sarebbe costretto a tornare nell'Oblio. Tuttavia, distruggendo il cerchio di pietre, libera invece Imshael. Imshael continua a massacrare il resto del clan Virnehn e, sebbene Michel voglia tornare indietro e fermare Imshael, il gruppo decide di lasciare i dalish al loro destino.

Usando la chiave di volta data a Celene da Imshael, Michel, Celene, Briala e Felassan entrano nella camera sotterranea che ospita l'Eluvian più vicino, che Celene spera di utilizzare per tornare alla capitale prima di Gaspard e porre fine al loro conflitto. Il gruppo alla fine incontra l'entourage di Gaspard, tuttavia, che li aveva inseguiti con l'aiuto di Mihris, e accettano una tregua temporanea mentre combattono per sopravvivere nel mondo distorto e nella serie di camere sepolcrali a cui è collegata la camera centrale degli Eluvian. Sebbene siano contrari, Michel impedisce a Celene di uccidere disonorevolmente Gaspard durante il loro viaggio.

Dopo essere arrivato alla camera centrale, Ser Michel duella all'ultimo sangue contro Gaspard per il destino del regno di Celene. Durante il duello, Briala invoca il suo favore e chiede a Michel di cedere a Gaspard invece di ucciderlo. Michel è onorato di quella promessa e cede. Questo tecnicamente perde il duello di Celene e, di conseguenza, la posizione di Michel come campione di Celene.

Briala, che ora ha il controllo degli Eluvian attraverso la chiave di volta, trasporta Michel e Gaspard fuori da Val Chevin. I due uomini si scambiano parole, Michel chiede quale sarebbe stato il suo destino, sapendo benissimo che l'Academie avrebbe cancellato il suo nome dagli elenchi e lo avrebbe fatto giustiziare. Tuttavia, Gaspard si rifiuta di farlo, affermando che un personaggio forte come Michel è un esempio di ciò che dovrebbe essere uno chevalier, indipendentemente dalla sua linea di sangue, paragonando il suo esempio a quello di Ser Aveline. Dice a Michel di trovare la sua strada, poiché sarebbe stato giustiziato se Celene avesse posato gli occhi su di lui, e Gaspard si rifiutò di insultare il suo onore chiedendo il suo servizio. I due uomini poi si separano. Michel, non più il campione di Celene, decide di dedicare il resto della sua vita alla caccia e all'arresto di Imshael per espiare la sua liberazione.

Dragon Age: Inquisition[]


Questa sezione contiene spoiler per:
Dragon Age: Inquisition.
Clicca per rivelare.

Michel si trova appena fuori Sahrnia, una città nell'Emprise du Lion. Rintracciò il demone Imshael nella vicina Rocca di Suledin, ma con la città minacciata e la rocca piena di templari rossi, decise di rimanere lì e proteggere gli abitanti del villaggio invece di attaccare la rocca da solo.

Se Vivienne è nel gruppo attivo si ricorderà chi è dopo che si è presentato, ma spiega che non lo ha riconosciuto perché è vestito in modo diverso.

Cassandra Pentaghast chiederà inoltre, dopo essersi presentato, se è Ser Michel de Chevin, il campione dell'Imperatrice Celene, e Michel risponderà che non è più un campione e non è più "ser". Se l'Inquisitore chiede di più, spiega che era un campione, un protettore e forse un tempo anche un amico, ma ora è caduto in disgrazia. L'imperatrice non vuole avere niente a che fare con lui e lui non può biasimarla. Ma nonostante tutto, ha un braccio saldo, un cuore impavido ed è ancora fedele all'Orlais.

Se Celene è stata uccisa durante la missione Occhi malvagi e cuore malvagio, l'Inquisitore potrà raccontargli della sua morte. Michel risponderà che il Gioco è spietato e che avrebbe voluto poter dire addio. Si chiede persino se sarebbe stato in grado di proteggerla. Michel afferma anche che Gaspard de Chalons sarà un buon imperatore, a modo suo.

Michel si impegna presso l'Inquisizione come agente, se l'Inquisitore uccide il demone Imshael dopo aver parlato con Michel fuori Sahrnia. Michel aiuterà a combattere un gruppo di templari rossi davanti alla Rocca di Suledin, ma non seguirà l'Inquisitore all'interno per combattere Imshael, poiché dovrà tornare a Sahrnia per proteggere le persone lì che vengono attaccate dalle ombre scatenate da Imshael.

Tuttavia, se l'Inquisitore accetta un accordo con Imshael, il demone ucciderà Michel.

Se Imshael viene ucciso prima di parlare con Michel a Sahrnia, non potrà più essere reclutato per l'Inquisizione.

Se Michel viene reclutato, l'Inquisitore potrà in seguito decidere se diventerà un mentore dei soldati dell'Inquisizione, lavorerà con Solas sugli Eluvian o diventerà un consigliere della nobiltà di Lydes. Michel sarà visto passeggiare nel cortile di Skyhold.

Se Gaspard diventerà imperatore, da solo o regnando con Briala, offrirà a Michel il perdono totale per eventuali incidenti precedenti e un posto nella sua guardia d'onore. L'Inquisitore può accettare l'offerta o insistere per trattenere Michel.[6]

Nota: anche se Michel ritorna alla corte sotto l'Imperatore Gaspard, continuerà a fornire il suo bonus agente al tavolo di guerra.
In alternativa, se Celene è ancora imperatrice e Michel è un agente dell'Inquisizione, Celene invierà Donna Colombe per cercare di negoziare una riconciliazione segreta tra Celene e Michel. Celene non può perdonare pubblicamente Michel a causa della sua reputazione pubblica, ma può comunque utilizzarlo come agente segreto. Leliana sospetta che i tentativi di riconciliazione di Celene non siano veramente dettati dalla magnanimità e stia semplicemente usando Michel come parte di qualche piano. L'Inquisitore può minare il tentativo di Celene di reclutare Michel imponendo che Celene renda pubblica la riconciliazione o consenta a Colombe di trattare con Michel. Se viene scelto quest'ultima opzione, la riconciliazione ha successo, Donna Colombe funge da intermediaria tra Michel e Celene e si dice che l'umore di Michel sia migliorato.[7]

Missioni[]

missionedaimissionedai Chiamatemi Imshael
missionedaimissionedai Conquistare la Rocca di Suledin
missionedaimissionedai Assegnazione di Michel de Chevin (tavolo di guerra) (condizionale)
missionedaimissionedai Riconciliazione tra Celene e Michel (tavolo di guerra) (condizionale)
missionedaimissionedai Ripristinare il buon nome di Michel de Chevin (tavolo di guerra) (condizionale)

Voci del Codice[]

Voce del Codice: Documenti della Rocca di Suledin Voce del Codice: Documenti della Rocca di Suledin

Curiosità[]

  • L'armatura di Ser Michel è basata sull'araldica della famiglia dell'Imperatrice Celene, i Valmont, che è un leone dorato su sfondo viola.

“Non si può biasimare chi commette degli sbagli per amore.” — Celene
Questa sezione contiene spoiler per: Dragon Age: L'Impero delle Maschere. Clicca per rivelare.

  • Michel spesso tradisce il suo background segreto con la conoscenza di cose che un nobile non saprebbe, come ad esempio il modo in cui un villaggio dovrebbe provvedere ai suoi generi alimentari,[8] e come viene prodotto il pane contadino.[2]
  • Michel ha imparato qualcosa sulla storia e la cultura degli elfi da sua madre, in particolare sugli halla.[3]

Bug[]

Icona bug Bug! Michel può ancora essere trovato fuori Sahrnia dopo essere stato reclutato, anche se è già a Skyhold e può essere trovato anche lì. Inoltre può ancora essere trovato a Skyhold e Sahrnia dopo essere tornato a Val Royaux al servizio di Gaspard attraverso l'operazione del tavolo di guerra Ripristinare il buon nome di Michel de Chevin.

Riferimenti[]

  1. Dragon Age: The Masked Empire, p. 360
  2. 2,0 2,1 Dragon Age: The Masked Empire, p. 223
  3. 3,0 3,1 Dragon Age: The Masked Empire, p. 202
  4. Dragon Age: The Masked Empire, p. 77
  5. Dragon Age: The Masked Empire, Chapter 2, pp. 54-55
  6. Ripristinare il buon nome di Michel de Chevin
  7. Riconciliazione tra Celene e Michel
  8. Dragon Age: The Masked Empire, p. 189
Advertisement