Dragon Age Wiki
Advertisement
Ci sono poche cose a questo mondo più potenti di una promessa mantenuta. Ricordatelo.

Marethari Talas[1] è la guardiana del clan Sabrae, il clan del Custode Dalish.

Background[]

Marethari proviene dalla famiglia Talas, fondata da un Cavaliere di Smeraldo dopo la caduta delle Valli.[2]

Nella sua giovinezza, Marethari fu la Prima del guardiano del clan Sabrae e sposò il secondo iniziato, Sarel. A quel tempo, il clan si accampò in una parte remota delle Montagne Gelide. Nell'inverno dell'8:82 Era Benedetta, furono attaccati dai guerrieri Avvar. Sarel è stato ucciso e il guardiano è stato gravemente ferito. Marethari ordinò al clan di recarsi nei bassopiani del Ferelden mentre restava indietro. Entrò nella foresta alpina alla ricerca della Strega delle Selve, anche se non si sa se l'abbia trovata. Poco dopo, Marethari si riunì al suo clan, il guardiano morì per le ferite e la tribù Avvar fu uccisa dai silvani.[1]

Nel 9:30 Era del Drago, Marethari prepara il suo clan a fuggire nei Liberi Confini a nord, sia in risposta agli avvertimenti di Duncan sull'imminente Flagello che alle tensioni con un vicino insediamento umano.

Coinvolgimento[]

Dragon Age: Origins[]

Origine dell'Elfo Dalish[]


Questa sezione contiene spoiler per:
Dragon Age: Origins.
Clicca per rivelare.

Dopo che Duncan riporta Mahariel all'accampamento in uno stato comatoso, Marethari usa la sua guarigione per mantenere Mahariel stabilizzata fino al suo risveglio due giorni dopo. Con Tamlen ancora scomparso, chiede a Mahariel di cercarlo con la sua apprendista, Merrill. Marethari potrebbe anche essere persuasa a permettere che Fenarel si unisca a loro nella ricerca.

Quando tornano con Duncan senza nessun segno di Tamlen, Duncan la informa che Mahariel è infetta dalla corruzione della Prole Oscura e solo l'addestramento unico di un Custode Grigio può curare l'infezione. Con le sue benedizioni, Marethari dà alla nuova recluta del Custode il suo anello del guardiano come regalo di addio.

Inoltre, se il Custode compie il sacrificio supremo, Marethari è presente nell'epilogo e le viene detto che ai dalish vengono ufficialmente assegnate le loro terre vicino a Ostagar.

Dragon Age II[]


Questa sezione contiene spoiler per:
Dragon Age II.
Clicca per rivelare.

Flemeth chiederà ad Hawke di consegnare un amuleto a Marethari e quest'ultima chiederà ad Hawke di eseguire un rituale che coinvolga anche Merrill. Stranamente, Marethari si aspettava Hawke. Il rituale prevedeva la resurrezione di Flemeth, nel caso in cui avesse incontrato la morte per mano del Custode. Dopo che il rituale è terminato, Marethari chiede ad Hawke di riportare Merrill a Kirkwall ma non specifica il motivo. Quando chiede di guardare Hawke più da vicino, racconterà una dichiarazione diversa in modo che corrisponda alla sua personalità.

Successivamente si scopre che Marethari mandò via Merrill perché stava cercando di riparare l'Eluvian. Ma poiché il frammento che conservava conteneva la corruzione della Prole Oscura, apprese la magia del sangue da un demone imprigionato in cima a Monte Spezzato, per purificarlo. Marethari continuerà a scoraggiare Merrill dai suoi tentativi di riparare l'Eluvian ma non impedirà alla sua iniziata di continuare la sua missione.

Marethari può venire contattata da Arianni, un'elfa dalish che vive a Kirkwall, per chiedere aiuto con suo figlio dal sangue elfico, Feynriel. Marethari identifica Feynriel come un somniari, un sognatore che può influenzare l'Oblio e le persone che vi abitano. Prepara un rituale affinché Hawke entri nell'Oblio e salvi Feynriel dai demoni che cercano di possederlo. Avverte poi Hawke che se Feynriel non può essere salvato, allora dovrà essere reso un adepto della Calma, piuttosto che un abominio.

Che a Merrill venga permesso o meno all'arulin'holm di aggiustare l'Eluvian, lei cercherà Audacia, il demone dell'orgoglio che per primo l'ha aiutata a scoprirne i segreti, per finire il lavoro. Nel frattempo Marethari libera e prende il demone dentro di sé, sostenendo che se Merrill avesse completato l'Eluvian, allora il demone lo avrebbe usato per fuggire dalla sua prigione. Se la missione di Merrill è proseguita fino a questo punto, non c'è più modo di impedire uno scontro con Marethari e il demone. Dopo aver ucciso Audacia, Marethari rivela durante la sua morte di averlo fatto a causa del suo amore per Merrill e spera che cambi i suoi modi.

Missioni[]

Dragon Age: Origins[]

missionedaomissionedao Origine dell'Elfo Dalish
missionedaomissionedao I misteri perduti degli antichi

Dragon Age II[]

Atto 1

missioneda2missioneda2 La lunga strada verso casa

Atto 2

missioneda2missioneda2 Incubi notturni
missioneda2missioneda2 Immagine allo specchio

Atto 3

missioneda2missioneda2 Una nuova via

Citazioni[]

Dragon Age: Origins[]

  • "Non so quale oscuro potere ti abbia colpito, ma ti ha quasi prosciugato della vita. Persino con la mia magia, è stato difficile tenerti in vita."

Dragon Age II[]

  • (A un Hawke diplomatico dopo aver consegnato l'amuleto) "Il vostro volto è sincero. Una rarità per gli umani."
  • (A un Hawke umoristico dopo aver consegnato l'amuleto) "C'è una luce nel vostro cuore, umano. Fate in modo che non si spenga. Ne avrete bisogno."
  • (A un Hawke aggressivo dopo aver consegnato l'amuleto) "Avete fatto un viaggio lungo e difficile per arrivare fin qui. E non è ancora finita."

Documenti[]

letteralettera Un appunto da parte di Feynriel

Curiosità[]

  • In Dragon Age: Origins - Awakening, Velanna menzionerà Marethari se il Custode è un elfo dalish.
  • Marethari menziona ad Hawke che ha un debito con Flemeth che deve essere ripagato, anche se non viene mai rivelato di cosa si tratta.
  • Mentre Marethari usa la terminologia andrastiana per riferirsi agli spiriti quando parla con personaggi andrastiani, i dibattiti di Anders con Merrill sull'argomento indicano che la differenza nella terminologia sugli spiriti è religiosa. Anche Solas parla spesso di questo tema.
  • Le affermazioni di Marethari secondo cui Audacia sarebbe fuggito attraverso l'Eluvian ripristinato sono discutibili, specialmente quando la sua argomentazione nell'Atto 2 contro questa linea di condotta è completamente diversa. In Caccia alle Streghe, Morrigan rivela che gli Eluvian concedono l'accesso a un luogo che esiste "oltre questo mondo e al di là dell'Oblio" (Celene e il suo gruppo visitano questo luogo in Dragon Age: L'Impero delle Maschere). In L'ultimo tassello, Morrigan nota che è necessaria una notevole quantità di potere per reindirizzare un Eluvian nell'Oblio, mettendo retroattivamente in dubbio il ragionamento di Marethari. In Dragon Age: Inquisition, Flemeth è in grado di utilizzare un Eluvian per portare se stessa e Kieran nell'Oblio. Vale anche la pena notare che Audacia è legato a un totem nel mondo fisico e non è nell'Oblio.

Riferimenti[]

  1. 1,0 1,1 1,2 Dragon Age logo (wot) Dragon Age: The World of Thedas, vol. 2, pp. 164-165
  2. Mary Kirby. https://twitter.com/BioMaryKirby/status/643111923723071488 .
Advertisement