Dragon Age Wiki
Advertisement
Colui che recupererà le Sacre Ceneri della Nostra Signora riceverà il rispetto di Redcliffe, e ogni ricchezza che è in mio potere concedere.

Isolde è la moglie del celebre Arle Eamon Guerrin del castello di Redcliffe e la madre del loro giovane figlio, Connor.

Background[]

Isolde originariamente proveniva da Orlais ma si trasferì a Redcliffe nel Ferelden quando suo padre fu assegnato lì come nuovo sovrano dell'arlea. La famiglia di Isolde non accettò la nuova casa e il suo compito con molta gioia, consapevole che i nove precedenti arle orlesiani di Redcliffe erano stati assassinati dai bann o decapitati dall'Imperatore Reville (per fallimento, molto probabilmente).

Isolde incontrò Eamon Guerrin, il legittimo erede delle terre di Redcliffe controllate da suo padre, e si innamorò di Eamon perché faceva parte della resistenza; anche se la stessa famiglia di lei era ciò per cui lui si opponeva. Sebbene la sua infatuazione si dimostrò unilaterale in quel momento, Isolde continuò ad aiutare la resistenza trasmettendo informazioni. Quando gli orlesiani furono infine scacciati, Isolde scelse di restare a Denerim con un cugino che aveva sposato un fereldiano.

Sei anni dopo il loro primo incontro, Eamon incrociò ancora una volta la strada di Isolde durante un viaggio a Denerim. I due iniziarono una relazione e lei tornò con lui a Redcliffe, dove i due si sposarono. La loro unione fu piuttosto controversa, poiché alcune persone credevano che Isolde fosse una spia orlesiana. Quando Isolde rimase incinta dopo aver avuto difficoltà a concepire, riemersero pettegolezzi sepolti da tempo secondo cui Alistair era il figlio bastardo di Eamon, e Isolde si fissò sull'idea del vero figlio fereldiano di suo marito. Nel 9:20 Era del Drago, Eamon mandò Alistair in un monastero per ricambiare i sentimenti di sua moglie. Connor è nato in un pomeriggio eccezionalmente caldo e ha avuto l'affetto immediato di suo padre.[1]

Coinvolgimento[]

Dragon Age: Origins[]


“Ora abbiamo un cane e Alistair è ancora il più stupido del gruppo.” — Morrigan
Questa sezione contiene spoiler per: Dragon Age: Origins. Clicca per rivelare.

All'insaputa di Eamon, Isolde ha la magia nella sua famiglia e questa caratteristica è stata ereditata da suo figlio. Dato che Isolde era una donna pia, il fatto che Connor fosse un mago era umiliante per lei. Era anche fermamente convinta che suo marito, Eamon, non lo scoprisse mai perché era certa che lo avrebbe consegnato al Circolo dei Magi, cosa che la fece infuriare.

Nel tentativo di tenere Connor al suo fianco (poiché sarebbe stato diseredato e mandato nel Circolo se i suoi talenti fossero stati scoperti), assume Jowan, un mago eretico che le è stato consigliato da Loghain Mac Tir, per insegnare in segreto a suo figlio quanto basta per nascondere le sue capacità. Una delle cameriere di Isolde, Valena, credeva che Isolde avesse una relazione con Jowan, non essendo a conoscenza della magia di Connor.

Tuttavia, a causa della sua mancanza di addestramento, Connor viene posseduto da un demone del desiderio mentre cerca di trovare una cura per suo padre, il quale è stato avvelenato da Jowan sotto gli ordini di Teyrn Loghain Mac Tir. Arlessa Isolde, pensando che Jowan avesse evocato un demone per tormentare la sua famiglia e distruggere Redcliffe, chiese a Jowan di porre fine agli attacchi dei non morti. Lei e i suoi uomini catturarono Jowan e lo fecero torturare nel tentativo di costringerlo a porre fine alle ostilità demoniache. Tuttavia, poiché Jowan non era la fonte del problema, non c'era nulla che Jowan potesse dire o fare per risolvere. Alla fine, rinunciarono a costringere Jowan e lo lasciarono imprigionato nei sotterranei di Redcliffe.

Isolde è consapevole che un "male" sta facendo impazzire Connor e che Connor è stato colui che ha inviato orde di non morti ad attaccare il villaggio di Redcliffe ogni notte. Cerca di placare Connor il più possibile, ma gestire il ragazzo diventa sempre più difficile poiché la vera personalità di Connor emerge solo occasionalmente e i suoi periodi di sanità mentale finiscono ogni volta che il demone del desiderio prende il controllo sul suo corpo.

Una volta terminata la battaglia tra il villaggio di Redcliffe e i non morti, Isolde e una guardia di Redcliffe escono di nascosto dal castello per chiedere a suo cognato, Teagan Guerrin, di tornare con lei da sola al castello di Redcliffe; presumibilmente perché Isolde spera che Teagan possa ragionare con Connor, ma è implicito che sia una trappola. Teagan accetta di andare con Isolde e dà al Custode il suo anello con sigillo, che consentirà loro di infiltrarsi nel castello di Redcliffe attraverso un ingresso segreto nel mulino.

Isolde ha omesso lo stato di possessione che affligge Connor e ha incolpato Jowan per gli orrori che Connor ha scatenato pur di proteggere suo figlio. Tuttavia, la condizione di Connor come abominio diventa evidente quando il Custode vede Connor controllare mentalmente Teagan nel castello e ha ascoltato la testimonianza di Jowan. Il Custode riesce a scacciare Connor e a contenerlo al piano superiore del castello ma non è chiaro per quanto tempo rimarrà passivo. Ad ogni modo, Isolde desidera ancora aiutare suo figlio.

Durante la missione L'arle di Redcliffe, Isolde è disposta a compiere qualsiasi cosa per salvare suo figlio, e quando viene suggerito un rituale di magia del sangue come mezzo per entrare nell'Oblio e uccidere lì il demone del desiderio, lei si offre di sacrificare la propria vita per salvare la sua. Se il Custode sceglie di uccidere Connor per sconfiggere il demone, Isolde implorerà un'altra soluzione, ma Teagan la tratterrà mentre il Custode affronta il demone. Isolde arriva giusto in tempo prima che il Custode sferri il colpo mortale a Connor. Isolde implorerà e chiederà che trovino un altro modo per salvare suo figlio e il Custode potrà acconsentire alla sua richiesta. Connor esprimerà che sta soffrendo e tornerà alla personalità del demone del desiderio, che prende in giro Isolde per aver messo irrazionalmente in pericolo tutti per stupido sentimentalismo. Alla fine, Isolde si perderà d'animo e si offrirà di sferrare il colpo mortale, poiché è sua responsabilità e vuole essere lì per confortare Connor nei suoi ultimi momenti. Se il Custode non asseconda le suppliche di Isolde, il Custode può farle perdere i sensi e procedere ad uccidere Connor da solo.

Isolde e Connor possono sopravvivere entrambi se il Custode ottiene l'assistenza del Circolo dei Magi quando entra nell'Oblio.

Se Isolde sopravvive ma Connor viene ucciso, parlerà al Custode poco dopo il rituale, esprimendo il suo dolore e chiedendosi quanti membri della sua famiglia dovranno morire. Alistair affronterà anche il Custode all'accampamento e dichiarerà che avrebbe preferito che Isolde fosse morta invece di Connor, ragionando che era lei responsabile dell'inizio di tutto il pasticcio.

Se Isolde muore tramite il rituale di Jowan, Alistair affronterà il Custode all'accampamento, urlandogli addosso per aver lasciato che Isolde si sacrificasse usando la magia del sangue.

Se Isolde vive, starà al fianco di Teagan mentre i due informano il Custode dei precedenti tentativi di Isolde di far cercare l'Urna delle Sacre Ceneri ai cavalieri di Redcliffe. Sarà lì anche per salutare Eamon quando si sveglierà e informarlo di ciò che è successo a Connor. A seconda che Connor sia vivo o morto, potrebbe essere più scontrosa, facendo costantemente riferimento alla morte di Connor, oppure grata e ottimista per la sua sopravvivenza.

Durante l'Incontro dei Popoli, almeno un servitore nella tenuta dell'arle si chiederà perché Eamon non ha portato Isolde con sé a Denerim.

Epilogo

  • Se Connor vive, Isolde non viene menzionata nell'epilogo.
  • Se Connor muore, Isolde rimane nuovamente incinta, ma muore dando alla luce una figlia. Eamon chiama la ragazza Rowan, in onore della sua defunta sorella. Più tardi, la ragazza si scopre essere una maga ed Eamon la manda al Circolo dei Magi, dove la visita spesso.

Dragon Age II[]


“Solo cadendo scoprirai se puoi davvero volare.” — Flemeth
Questa sezione contiene spoiler per: Dragon Age II. Clicca per rivelare.

Se Isolde fosse sopravvissuta:
Isolde fu invitata come ospite del Duca Prosper a Chateau Haine. Non le piace Dulci de Launcet e interromperà la conversazione di Hawke con Teagan Guerrin per lamentarsi di lei.

Missioni[]

missionedaomissionedao L'arle di Redcliffe

Voci del Codice[]

Voce del Codice: Arlessa Isolde Voce del Codice: Arlessa Isolde

Bug[]


“Ora abbiamo un cane e Alistair è ancora il più stupido del gruppo.” — Morrigan
Questa sezione contiene spoiler per: Dragon Age: Origins. Clicca per rivelare.

Icona bug Bug! Se sia Arlessa Isolde che Connor vengono salvati con l'aiuto del Circolo dei Magi, il Codice potrebbe affermare che uno di loro, o entrambi, sono morti durante gli eventi al Castello di Redcliffe, anche se entrambi continuano ad apparire nel gioco.
Icona bug Bug! È possibile che durante Dragon Age: Inquisition gli abitanti di Redcliffe affermino che Isolde o Connor sono morti durante gli eventi di Origins, nonostante siano stati salvati con l'aiuto del Circolo dei Magi.
Icona bug Bug! Se Isolde viene sacrificata per salvare Connor, è possibile che il Codice affermi che sia lei che Connor sono sopravvissuti dopo che il Custode ha chiesto l'aiuto del Circolo.

Riferimenti[]

  1. Dragon Age logo (wot) Dragon Age: The World of Thedas, vol. 2, pp. 102-103
Advertisement