Dragon Age Wiki
Advertisement

Il Ferelden è un regno relativamente giovane collocato nel sud-est del Thedas. Fu fondato circa quattrocento anni prima del quinto Flagello da Re Calenhad, tramite l'unificazione delle tribù Alamarri.

Storia[]

Unificazione[]

Quando il popolo degli Alamarri si separò dai neromeniani e migrò a sud-est, nel -1220 EA [3], trovò una nuova patria e la chiamò "Ferelden", che nella loro lingua significa "valle fertile"[4]. Tuttavia, la valle fertile non divenne una nazione prima di altri 2800 anni. Questo periodo di tempo è disseminato di numerose guerre che le tribù Alamarri intrapresero sia contro potenze straniere, come l'Impero Tevinter e Orlais, sia contro le loro stesse tribù. Durante questo periodo, gli Alamarri svilupparono il sistema politico che è rimasto in gran parte intatto fino ad oggi. Con il tempo, nobili potenti avrebbero trasformato la loro terra in bann, poi in arlea, e infine in teyrnir. I nobili continuarono la tradizione Alamarri delle lotte interne e continuarono a combattersi tra loro su questioni insignificanti e personali, al fine di ottenere più potere. Pochi dei più potenti nobili si offrirono di governare gli Alamarri, ma senza successo.

Arte Fereldiana 2
Arte Fereldiana

Arte Fereldiana Tradizionale

Poi, nell'Era Sacra, giunse Calenhad, figlio di un mercante. Attraverso una serie di eventi si trovò coinvolto nella guerra per il potere sovrano, durante il quale era divenuto il servo di uno dei candidati al trono. Quando il suo padrone decise di servirsi di lui per ottenere un vantaggio nei confronti di altri nobili, Calenhad agì con onore e, grazie alle sue azioni, guadagnò il rispetto e il comando degli eserciti del suo ex padrone. Sposò la nobile figlia del suo padrone e divenne un teyrn, e un candidato al trono egli stesso.

Mentre conduceva i suoi uomini, molti si unirono al suo fianco, poiché era noto per essere più onorevole di altri veri nobili. Calenhad guadagnò seguaci anche nel Circolo dei Magi, nei templari e persino nei Guerrieri della Cenere. Con numerosi alleati al suo fianco, Calenhad sfidò la più grande minaccia del suo governo: Simeon, il nobile più forte, teyrin di Denerim. Calenhad venne sfidato in un combattimento e rimase ferito, ma alla fine sconfisse Simeon. I nobili lo elessero re, e la valle fertile divenne la nazione del Ferelden. Calenhad Theirin diede inizio alla famiglia reale dei Theirin che si sedettero sul trono del Ferelden per i prossimi tre secoli.

La rivolta dei Custodi Grigi[]

Nel 7:05 Era della Tempesta, Re Arland Theirin, che si era guadagnato la reputazione di tiranno, ascese al trono. Alcuni bann si rivolsero alla Comandante dei Custodi Sophia Dryden, che in precedenza aveva detenuto un reclamo al trono, affinché intercedesse per loro, e lei accettò. Violò la neutralità dei Custodi Grigi radunando alleati al fine di ribellarsi contro il re. Arland scoprì il complotto e il suo esercito alla fine circondò Sophia e i suoi seguaci al Picco del Soldato, dove i Custodi ressero per un breve periodo, nonostante fossero in inferiorità numerica. Dopo aver sconfitto i Custodi Grigi al Picco del Soldato, Arland li bandì dal Ferelden. L'ordine non si fece vedere nel Ferelden per altri due secoli.

Poco si sa di ciò che seguì il governo di Arland, in quanto subito dopo la sua morte scoppiò una guerra civile per il trono. La guerra durò un decennio e spazzò via la maggior parte delle documentazioni del suo regno.

L'invasione orlesiana[]

La nazione fu invasa da Orlais nell'8:24 Era Benedetta, e venne completamente conquistata venti anni dopo. Per i successivi 78 anni rimase sotto l'occupazione orlesiana. Il nobile orlesiano Meghren venne nominato re del Ferelden durante gli ultimi anni dell'occupazione, e i Theirin furono costretti a nascondersi, mantenendo viva la ribellione.

Il Ferelden fu liberato grazie agli sforzi di Maric Theirin, il legittimo erede al trono, e un cittadino comune, Loghain. Loghain e Rowan Guerrin sconfissero due legioni di chevalier inviati a supportare Meghren nella Battaglia del Fiume Dane, costringendo l'Imperatore Florian a ritirare tutto il supporto per Meghren. Alla fine del 9:02 Era del Drago, Re Meghren e i resti della sua corte fuggirono e si barricarono dentro Forte Drakon. Maric sfidò Meghren a duello e lo uccise, ponendo fine al suo governo e all'occupazione orlesiana. In seguito, Maric sposò Rowan e si dedicò a ricostruire il Ferelden.

Il quinto Flagello[]

Nel 9:30 Era del Drago, i Custodi Grigi, che nel frattempo erano stati autorizzati a tornare nel Ferelden nel 9:10 da Maric, avvertirono che un Flagello si sarebbe abbattuto nel Ferelden e radunarono l'esercito del re nella speranza di fermarlo al principio. Ma i ricordi dell'occupazione orlesiana indugiavano nella mente di molti Fereldiani, soprattutto di Loghain, il quale si oppose all'idea di invitare le forze orlesiane per aiutare il Ferelden contro il Flagello; dall'altra parte Re Cailan, il figlio di Maric, era determinato a mettere da parte i vecchi rancori nell'interesse comune di combattere la Prole Oscura. Fu poi lì, alla battaglia cruciale nelle rovine di Ostagar, che Loghain abbandonò Cailan e i Custodi alla Prole Oscura. Dopo essere tornato a Denerim, Loghain si impose come reggente e dichiarò che i Custodi avevano abbandonato il terreno di lotta. Ma l'aver reclamato il trono così presto dopo la morte di Cailan suscitò sospetti tra alcuni dei nobili, mentre altri accolsero la menzogna; si scatenò una guerra civile che minacciò di lasciare la nazione vulnerabile al Flagello.

Tuttavia, i due più nuovi membri dei Custodi Grigi erano riusciti a sopravvivere al massacro, e si adoperarono per reclutare un esercito in modo da poter combattere il Flagello utilizzando antichi trattati firmati da Orzammar, i dalish, e il Circolo dei Magi. Alla fine, con l'aiuto di Arle Eamon, i Custodi riuscirono a deporre Loghain durante l'Incontro dei Popoli, e ad unire il Ferelden contro Flagello. Il Flagello si concluse presto con la morte dell'Arcidemone Urthemiel durante la Battaglia di Denerim, risparmiando il Ferelden da una distruzione certa.

9:31 Era del Drago[]


“Non intendo dominare i miei fratelli. Voglio solo spezzare le loro catene.” — L'Artefice
Questa sezione contiene spoiler per: Dragon Age: Origins - Awakening. Clicca per rivelare.

Nel 9:31 Era del Drago, sei mesi dopo la fine del quinto Flagello, l'arlea di Amaranthine - formalmente il posto di Arle Rendon Howe - venne concessa ai Custodi Grigi in riconoscimento al loro servizio per il Ferelden. Il nuovo comandante dei Custodi venne spedito lì per ricostruire l'ordine e trovare nuove reclute. Anche se l'Arcidemone era morto, la Prole Oscura non se n'era completamente andata via (come invece dovrebbe fare naturalmente dopo un Flagello), e si parla invece di rapporti di una nuova tipologia di prole oscura, una specie molto intelligente in grado di parlare. Attraverso una lunga investigazione, il Comandante dei Custodi scopre che la Prole Oscura si era divisa in due fazioni: una guidata da la Madre, e un'altra guidata da l'Artefice. Entrambi stavano radunando armate di prole oscura, e la loro guerra civile minacciava la sicurezza di Amaranthine. Il Comandante dei Custodi non aveva altra scelta se non di distruggere la Madre per ripristinare la pace, con l'opzione di poter uccidere a sua volta l'Artefice, o permettergli di vivere per proseguire il suo lavoro.

9:32 - 9:40 Era del Drago[]


“Solo cadendo scoprirai se puoi davvero volare.” — Flemeth
Questa sezione contiene spoiler per: Dragon Age II. Clicca per rivelare.

Nel 9:37 il Ferelden si stava ancora riprendendo dal Flagello, quando rischiò un'invasione da parte di Orlais, in quanto alcuni nobili orlesiani vollero approfittare del momento per cercare di recuperare la loro provincia perduta.

9:41 Era del Drago[]


“Chiunque fossimo prima non conta più. Ora siamo l'Inquisizione.” — L'Inquisitore
Questa sezione contiene spoiler per: Dragon Age: Inquisition. Clicca per rivelare.

Nel 9:41 Era del Drago, la Monarchia offrì nel Ferelden un santuario ai maghi ribelli, nell'arlea di Redcliffe. I maghi accettarono con gratitudine l'offerta, ma i templari li seguirono comunque oltre il confine. Fu così che le scaramucce tra maghi ribelli e templari si scatenarono nelle Terre Centrali. La loro generosità con i maghi ribelli, tuttavia, attirarono delle ire, ed alcuni speculano che Porto Brullo mise delle sanzioni sugli scambi commerciali contro il Ferelden come segno di protesta.[5]Il caos si propagò dopo l'esplosione che causò il Varco e la distruzione del Conclave di pace della Chiesa. Con le migliori intenzioni per una soluzione pacifica distrutta al Tempio delle Sacre Ceneri, la guerra continua a infierire nel Thedas. In particolare, la regione delle Terre Centrali diviene un sito di conflitto con pesanti danni collaterali causati da entrambe le parti. Mentre si intensifica la brutalità della guerra tra maghi e templari, molti maghi ribelli e apostati si radunano da Fiona cercando rifugio a Redcliffe. Ma alcuni di questi maghi rifugiati erano infiltrati del Tevinter che incoraggiavano un'alleanza con l'Impero Tevinter intanto che la situazione con la ribellione dei maghi cresceva in maniera spaventosa.

Alla fine la Grande Incantatrice Fiona concede l'accordo per un'alleanza, proprio quando il Magister Gereon Alexius utilizza un incantesimo per la distorsione temporale con l'obiettivo di manipolare i maghi ribelli proponendo l'affare proprio quando i maghi erano disperati. Ma Alexius era anche un agente venatori, e usurpa il Castello di Redcliffe alienando l'unico benefattore dei maghi ribelli. Con la sopravvivenza della ribellione dei maghi che dipende dalla loro alleanza con l'Impero Tevinter, Alexius cambia i termini dell'accordo e coscrive i maghi del sud in un servizio militare anziché in una servitù a contratto. Ordina poi alle sue forze di dislocare gli abitanti di Redcliffe dalle loro case.

Se L'Inquisitore recluta i Maghi:
I venatori, guidati da Gereon Alexius, prendono il controllo del Castello di Redcliffe nel Villaggio di Redcliffe. Utilizzando la magia per viaggiare nel tempo, Alexius è stato in grado di manipolare e coscrivere i maghi ribelli prima che l'Inquisizione potesse raggiungerli. Se l'Inquisitore sceglie di reclutare i maghi ribelli, l'Inquisizione estromette Alexius dal suo potere. In quel momento, i monarca del Ferelden (Alistair e/o Anora, dipendentemente da chi è stato scelto come sovrano) arrivano e ordinano ai maghi ribelli di lasciare il Ferelden. L'Inquisitore può a quel punto prendere i maghi come alleati o prigionieri coscritti.

Se L'Inquisitore recluta i templari:
I venatori, guidati da Gereon Alexius, utilizzando la magia per viaggiare nel tempo furono in grado di manipolare e coscrivere i maghi ribelli prima che l'Inquisizione potesse raggiungerli. Arle Gallagher Wulff si è evidentemente alleato con i venatori con buone intenzioni. Egli credeva che i maghi ribelli, essendo stati reclutati dai venatori, si sarebbero ritirati nel Tevinter dove avrebbero avuto vite migliori, mentre la loro assenza nel Ferelden avrebbe riportato pace e stabilità. Tuttavia, i venatori prendono il controllo del Castello di Redcliffe nel Villaggio di Redcliffe e uccidono Alexius una volta che smette di essere utile. Sostenuti dai maghi ribelli a cui era stato fatto il lavaggio del cervello, i venatori agiscono come l'armata di Corypheus durante l'attacco su Haven.

Geografia[]

Montagne Gelide - 0

Le Montagne Gelide

Il clima del Ferelden sembra essere temperato, e il Ferelden insieme al Thedas stesso si trova nell'emisfero meridionale.

A ovest, a dividere il Ferelden da Orlais, ci sono le Montagne Gelide. A sud-est vi è la Foresta di Brecilian, dove nel 9:30 Era del Drago si può trovare un clan di elfi dalish. Nel profondo sud si trovano le ostili foreste, le paludi e infine la tundra delle Selve Korcari. A nord delle Selve ci sono i Colli Meridionali e le Terre Centrali[6], e i Liberi Confini oltre il mare. Nella regione centrale del Ferelden si estendono il Lago Calenhad e il bann. La regione più settentrionale, La Costa, comprende molte paludi e foreste. Mappa del Ferelden - DAO

Insediamenti[]

  • Alamar
  • Amaranthine
  • Crestwood
  • Fine delle Valli[7]
  • Denerim
  • Dosov — insediamento Chasind
  • Elmridge — una piccola cittadina nei Colli Occidentali
  • Greenfell[8]
  • Gwaren
  • Guado dell'Arpista
  • Haven
  • Altura Perenne
  • Honnleath
  • Killarney[9]
  • Logerswold[10]
  • Lothering
  • Villaggio di Redcliffe
  • Redhold — insediamento Avvar
  • Rossleigh[11]
  • Distesa Meridionale — a ovest di Lothering, parte dell'arlea
  • Southmere[12] — all'interno dei Colli Meridionali, confinando con le Terre Centrali, fa parte dell'arlea di Stenhold
  • Vintiver[13] — nei Colli Meridionali
  • Wichford
  • Wutherford - probabilmente nei pressi dei moli del Lago Calenhad [14]
  • Wulverton
  • Wyvern Hold — insediamento Avvar

Fortezze[]

  • Roccaforte Kinloch
  • Castello di Redcliffe
  • Picco del Soldato
  • Ostagar
  • Fortezza della Veglia
  • Colli Occidentali
  • Forte Drakon
  • Castello dei Cousland
  • La Ridotta di Therinfal
  • Caer Bronach - a Crestwood
  • Stenhold - nel confine delle Selve Korcari

Regioni[]

Attuali teyrnir

  • Gwaren
  • Altura Perenne

Attuali arlee

  • Amaranthine
  • Denerim
  • Edgehall — situata a ovest del Lago Calenhad[15]
  • Distesa Meridionale — tra Lothering e Denerim
  • Colli Occidentali — sud di Redcliffe
  • Stenhold

bann conosciuti

  • Calon - Sotto il dominio dell'arlea di Redcliffe
  • Città di Amaranthine
  • Picco del Drago
  • Dragonmount
  • Oswin - Terre di Bann Loren
  • Portsmouth
  • Rainesfere
  • Bann meridionale - nella costa orientale del lago Calenhad
  • Colli Occidentali
  • White River
  • Soffio Invernale[16]

“Ora abbiamo un cane e Alistair è ancora il più stupido del gruppo.” — Morrigan
Questa sezione contiene spoiler per: Dragon Age: Origins. Clicca per rivelare.

  • Enclave di Denerim (possibile)[17]

Laghi

  • Lago Calenhad
  • Lago Luthias - nelle Terre Centrali

Fiumi

  • Dane
  • Drakon
  • Hafter
  • White

Altro

  • All'interno di Amaranthine:
    • Crinale di Aralt
    • La Paludenera
    • Il Litorale
    • Landa delle Ossa di Drago
    • Pianura di Feravel
    • Colline nodose
    • Via del Pellegrino
    • Cresta di Tarcasine
    • Bosco del Cammino
  • I bann
  • Terre Infette
  • Approdo di Brandel
  • Foresta di Brecilian
  • Crestwood
  • Montagne Gelide
    • Passo di Gherlen
    • Passo di Sulcher
  • Terre Centrali
  • Selve Korcari
  • Lago Calenhad
  • Colli Meridionali

Note[]

  • La costa del Ferelden si affaccia a nord sul Mare del Risveglio, e a est sull'Oceano di Amaranthine .
  • La Gran Via Imperiale entra nel Ferelden attraverso le Montagne Gelide tramite il Passo di Gherlen, e circonda il Lago Calenhad e i bann. Un percorso finisce poi a Denerim, e un altro a Ostagar, che è anche il punto più a sud della Gran Via.
  • I bann sono effettivamente il "granaio" del Ferelden, contenente il terreno più arabile.
  • Il Ferelden ha due isole al largo della costa nord-est: una ospita la città di Alamar e l'altra è chiamata Approdo di Brandel. Alamar è considerata piuttosto indipendente dalla politica fereldiana. Questo potrebbe spiegarsi con il fatto che il roccioso Approdo di Brandel è considerato un rifugio per predoni, il che rende Alamar un luogo impopolare da vivere e da visitare.
  • Le varie colline e montagne del Ferelden sono ancora occupate dagli Avvar, e le Selve Korcari dai Chasind, tribù indipendenti del Ferelden. Anche gli elfi dalish si possono trovare in viaggio per la regione, o nascosti nella Foresta di Brecilian.

Cultura e società[]

Ferelden abbigliamento

Fereldiani in abiti invernali[19]

Il Ferelden è una nazione relativamente temperata nella parte più a sud-est del Thedas, ed è storicamente popolata da una semplice cultura militarista che ha iniziato a "civilizzarsi" solo negli ultimi secoli. La Chiesa Andrastiana è venerata dal 90% della popolazione. Le città fereldiane sono virtualmente considerate anarchiche dagli standard della maggior parte degli stranieri. Il desiderio fereldiano per la libertà ha generato una sfiducia culturale nelle forze dell'ordine, e atteggiamenti da 'laissez-faire' in generale. Mentre i peggiori reati vengono velocemente repressi dalle autorità, molti altri sono ignorati e i cittadini vengono spesso lasciati a farsi giustizia da soli. I piccoli furti sono comuni, in quanto le guardie si muovono solo per avere a che fare con gravi interruzioni. Al commercio viene dato un piccolo scrutinio ufficiale, fintanto che le tasse vengono pagate; i business come bordelli e sale da gioco non sono solo tollerati, ma previsti.

Livelli sociali[]

La società fereldiana discende direttamente dalla cultura tribale degli Alamarri e dal suo rispetto per capacità e abilità. È per lo più suddivisa tra nobiltà e gente comune (che include gli Elfi di Città). Ci sono anche artigiani e case di artigianato (simili alle gilde), che compongono un livello intermedio di gran valore tra la bassa nobiltà e le classi comuni più elevate; essi hanno la totale autorità su alcune industrie fereldiane.

Artigiani-Fereldiani Guida

Artigiani fereldiani

Al di sotto delle case artigiane, la popolazione è suddivisa in classi comuni denominate "Cittadini Liberi Superiori" e "Cittadini Liberi Inferiori". I Cittadini Superiori comprendono i liberi proprietari (proprietari terrieri), i soldati e altri lavoratori dipendenti. Gli Inferiori sono composti da criminali, prostituti ed elfi. Al di là di tutto, a ciascun Cittadino Libero è permesso di vivere e andare dove desidera, e farsi una vita come preferisce. Non ci sono servi nel Ferelden; tutti sono pagati in monete o baratti per il loro lavoro.

Cognomi[]

Nel Ferelden, i nobili hanno cognomi adeguati, come gli Howe o i Cousland. A volte i cittadini comuni avranno un cognome che deriva da un lignaggio nobile, o di origine straniera, o di un proprietario terriero, o titoli concessi a membri della famiglia nel passato. Altrimenti, la maggior parte dei cittadini comuni del Ferelden si presentano con un riferimento all'area da cui provengono o al loro commercio, ad esempio, Gareth di Oswin o Lomo il Bollitore.

Cultura dell'enclave[]

Come molte nazioni del Thedas, il Ferelden ha una grande popolazione di elfi segregati dal resto della società che vivono in enclavi fortificati. Diversamente dalle altre nazioni, però, gli elfi del Ferelden hanno dei diritti e vengono pagati per lavorare. Coloro che non trovano posizioni di servizio fuori dall'enclave, non sono in grado di ottenere impieghi ben pagati, ma la maggior parte degli elfi sembra ritenere che essi hanno una vita migliore nel Ferelden che altrove, perché almeno sono liberi e circondati da una famiglia dove si prendono cura l'uno dell'altro.

L'importanza dei cani[]

Cane dacaccia Mabari

Un cane da guerra Mabari

Spesso visitatori e viaggiatori che arrivano nel Ferelden sono curiosi dell'atteggiamento locale riguardo ai cani. Attraverso il Thedas i cani sono impiegati per giochi di caccia, tenere fienili e magazzini privi di animali nocivi, allevare bestiame e fare la guardia alle case; nelle montagne possono essere usati addirittura come bestie da soma. I Fereldiani, invece, dimostrano un particolare apprezzamento per la compagnia canina. L'origine di ciò è legato alla mitologia.

TSG inside cover

Il Mabari è il simbolo della famiglia reale del Ferelden

I cani sono comuni nel Ferelden, sia tra i nobili che tra i cittadini comuni e i mercenari, come i Guerrieri della Cenere. Tenere i cani è una tradizione che si tramanda dai tempi prima del Ferelden stesso, iniziata dalle tribù Alamarri. I barbari furono introdotti ai mabari dai magister, che portarono con sé durante l'invasione delle terre; molti cani decisero di rimanere nelle terre occupate dopo che i loro padroni originali vennero sconfitti.

Cibo[]

Il cibo fereldiano è solitamente descritto come abbondante e umile, e non è riconosciuto per essere particolarmente appetibile. "Rapa fereldiana" è un insulto applicato ai Fereldiani; nasce presumibilmente dal loro uso frequente di rape. Alistair, in un dialogo con Leliana, scherza sul fatto che la cucina Fereldiana consiste nel lanciare tutti gli ingredienti in una pentola e cucinarli il più a lungo possibile, finché tutto non appare grigio, insipido e poco appetitoso. Gli stufati sembrano essere una specialità particolare del Ferelden, come il tradizionale Stufato Fereldiano di Agnello e Piselli, e lo Stufato Fereldiano di Rapa e Orzo. Le uova in salamoia sono un altro piatto fereldiano popolare, così come un rimedio popolare prescritto per ogni indisposizione. Il Ferelden è anche conosciuto per i suoi formaggi stagionati e ricche torte. Mentre per le bevande, la birra si trova comunemente nelle taverne fereldiane.

Sistema giuridico[]

La legislazione fereldiana è relativamente non regolamentata rispetto a quella delle nazioni più vecchie, e si prevede che sul piano individuale sia da integrare con la propria abilità marziale. Infatti, la maggior parte dei piccoli reati come il furto sono trascurati dalla guardia cittadina di Denerim, la cui preoccupazione principale è proteggere le loro cariche. Di conseguenza, il cittadino comune fereldiano non deve aspettarsi molto aiuto contro attività criminali a meno che non si tratti di omicidio o di gravi danni alle proprietà. La schiavitù è illegale nel Ferelden, ma i criminali la praticano ancora in segreto.

Non ci sono leggi che regolano il comportamento personale come portare armi, bere alcol, giocare d'azzardo e la prostituzione. In maniera simile, i pregiudizi locali e la violenza contro i residenti non umani – notoriamente gli elfi delle enclavi – restano spesso impuniti. In parte si tratta di pragmatismo, in quanto la legge del re del Ferelden afferma che l'uccisione di un essere umano in difesa di un elfo è un crimine.

Questo non vuol dire che il Ferelden è senza legge, al contrario. Il siniscalco del re nomina personalmente degli arbitri – dei giudici – chiamati "Blackhaller" per conoscere le controversie. I Blackhaller deliberano i casi dalla sala in granito nero del siniscalco a Denerim – da qui il nome – e nelle campagne; sceriffi nominati dal bann locale pattugliano e tengono traccia dei casi da sottoporre all'attenzione dei Blackhaller.

Dati i numerosi impegni dei Blackhaller, può volerci del tempo prima che si attuino i processi. Un sospettato può consegnare un oggetto di grande valore allo sceriffo locale ed essere rilasciato "su cauzione" fino a quando non si terrà il processo, anziché aspettare in prigione. L'oggetto verrà restituito se il sospettato si presenta per essere giudicato; altrimenti, esso è trattenuto dallo sceriffo e ai precedenti penali del sospettato verrà aggiunto l'essersi sottratto alla giustizia.

Poiché nel Ferelden la reclusione a lungo termine è malvista in generale, la punizione è spesso rapida e violenta. I metodi più comuni includono l'umiliazione pubblica, la fustigazione, lo sfregio, le multe e persino le esecuzioni.

Non c'è alcuna regola fissa che determina chi governa la famiglia. I Fereldiani sono ostinati e le loro famiglie tendono ad essere gestite da chi è capace di farlo. Di solito, il figlio maggiore eredita la maggior parte della proprietà, indipendentemente dal sesso, ma ci sono alcuni casi in cui un fratello o una sorella diventa l'erede semplicemente perché lui o lei si dimostra più capace.

Politica[]

A differenza di altre monarchie, il potere non risiede esclusivamente nella nobiltà; piuttosto, essa deriva dal sostegno dei proprietari terrieri, e anche il re non è il sovrano incontrastato. Da molti secoli la nobiltà si riunisce annualmente per tenere l'Incontro dei Popoli, un consiglio che funziona come il corpo legislativo ufficiale del Ferelden e può anche ignorare il re o la regina su qualsiasi questione di legge.

Indumenti Fereldiani

Nobili fereldiani[20]

La nobiltà fereldiana è suddivisa in diversi gradi:

  • Re/Regina
  • Teyrn/Teyrna
  • Arle/Arlessa
  • Bann
  • Lord/Lady
  • Cavaliere

Personaggi rilevanti con origini fereldiane[]

  • Aaron Hawthorne
  • Alistair
  • Anora
  • Cailan Theirin
  • Calenhad Theirin
  • Cauthrien
  • Cole
  • Cullen
  • Eamon Guerrin
  • Ferdinand Genitivi
  • Greagoir
  • Hawke
  • Irving
  • Loghain Mac Tir
  • Maric Theirin
  • Nathaniel Howe
  • Sera
  • Il Custode
  • Vaea

Curiosità[]

  • Gli stranieri in visita (in particolare Sten e Marjolaine) hanno affermato che "il Ferelden puzza di cane bagnato".
  • Il Ferelden ha approssimativamente le dimensioni dell'Inghilterra.
  • Il Ferelden è vagamente basato sull'Inghilterra medievale. I personaggi umani del Ferelden parlano spesso con un caratteristico accento inglese. Più in particolare, il Ferelden sembra essere fortemente basato sulla cultura degli Anglo-Sassoni, con una grande influenza norrena. L'occupazione del Ferelden da parte dell'impero orlesiano incoraggia il confronto con l'Europa medievale. In particolare, il Ferelden “anglo-sassone” conquistato dalla “francese” Orlais sembra richiamare l'invasione d'Inghilterra da parte di Guglielmo il Conquistatore nel 1066, con la differenza che Orlais è stata cacciata dal Ferelden. Il Ferelden è essenzialmente quel che l'Inghilterra sarebbe stata se i Sassoni avessero cacciato i loro conquistatori normanni nel 1066, un paio di generazioni dopo la conquista. Gli sviluppatori hanno specificamente paragonato il Ferelden all'Inghilterra del 1200 per questo motivo.
  • La somiglianza con gli Anglo-Sassoni è ulteriormente rafforzata dal fatto che i Fereldiani moderni sono discendenti degli Alammari e degli Avvar, di ispirazione germanica, proprio come gli anglosassoni stessi erano discendenti delle tre tribù germaniche: Angli, Sassoni e Juti.
  • In aggiunta, l'Incontro dei Popoli è quasi certamente basato sul Witenagemot, o Witan, dell'Inghilterra Anglosassone.
  • Il teyrnir di Altura Perenne sembra essere liberamente ispirato da una combinazione di Irlanda e Scozia. Sia l'Irlanda sia Altura Perenne sono stati costretti alla sottomissione tramite la conquista militare: Altura Perenne da Calenhad, che fonda il regno del Ferelden, e l'Irlanda da parte del Regno d'Inghilterra, su cui si basa il Ferelden. Inoltre, diversi abitanti di Altura Perenne hanno nomi gaelico-scozzesi, come Ser Gilmore o il primogenito del teyrn, Fergus; il nome predefinito per il maschio umano nobile, Aedan, è irlandese.
  • I Fereldiani sono simili anche ai Celti delle isole britanniche. La profetessa Andraste ha dei leggeri paralleli con Boudica; le somiglianze, tuttavia, diventato piuttosto evidenti se si ricorda che Boudica guidò una ribellione contro i Romani nella moderna Inghilterra. I Fereldiani utilizzano i loro cani da guerra per abbattere cavalieri corazzati, proprio come gli irlandesi hanno fatto con i loro cani-lupi quando sono stati invasi dagli inglesi nei secolo IX e X. Inoltre, ci sono forti influenze gaelico-irlandesi nella denominazione di alcuni personaggi (Loghain Mac Tir, Re Cailan). Anche se questi confronti sono relativamente minimi considerato quanto i Fereldiani siano fortemente basati sui Sassoni.

Riferimenti[]

  1. Voce del Codice: La Città portuale di Amaranthine
  2. Dragon Age: Origins: Guida Ufficiale
  3. Età Antica, Dragon Age: The World of Thedas, vol. 1, p. 12
  4. Dragon Age: The World of Thedas, vol. 1, p. 50
  5. [del Codice: Il Ferelden dopo il Flagello]
  6. In Dragon Age: Origins tradotte come "Entroterra"
  7. Luke Kristjanson. [1]
  8. Nel DLC Caccia alle streghe, se il giocatore è una maga femmina, viene rivelato che Cullen è stato spedito a Greenfell per riprendersi dopo gli eventi del Circolo Spezzato.
  9. Menzionato da Velana
  10. Dragon Age (tabletop RPG), "A Bann Too Many"
  11. Vedi Flemeth nella bioware wiki.
  12. Dragon Age (tabletop RPG), La Furia di Amber
  13. Dragon Age (tabletop RPG), La Maledizione dei dalish
  14. In una conversazione con Carroll nei moli in Dragon Age: Origins. Se viene pagato per attraversare il lago, propone il prezzo di 40 regine, perché conosce una ragazza a Wutherford che accetterà di vederlo solo per 40 regine.
  15. Dragon Age RPG Set 3, Guida del game Master, p. 63
  16. Menzionato come voce da Bodahn Feddic nell'Accampamento.
  17. Se il Custode Elfo di Città sopravvive agli eventi del quinto Flagello e chiede che gli elfi di città vengano trattati meglio come favore, o se il Custode Elfo di Città compie l'ultimo sacrificio.
  18. Dragon Age (tabletop RPG), "A Bann Too Many"
  19. Dragon Age: The World of Thedas, vol. 1, p. 25
  20. Dragon Age: The World of Thedas, vol. 1, p. 73
Advertisement