Dragon Age Wiki
Advertisement
Uomini e donne di ogni razza, guerrieri e maghi, barbari e re... i Custodi Grigi sacrificarono ogni cosa per lottare contro le forze dell'oscurità... e infine prevalsero.

Duncan è stato il Comandante dei Custodi Grigi del Fereldan all'incirca dal 9:10 Era del Drago[nota 2] fino al 9:30. Quando Urthemiel si svegliò, dando inizio al quinto Flagello, Duncan reclutò e fu il mentore di Alistair e il Custode poco prima della battaglia di Ostagar. Fu tra i primi Custodi a cui venne permesso di tornare nel Ferelden dopo che le azioni di Sophia Dryden portarono all'esilio dell'ordine dal regno. Successivamente, dovette affrontare sospetti e ostilità nella ricerca di nuove reclute.

Background[]

Duncan è nato ad Altura Perenne ma ha trascorso la sua infanzia tra Orlais e i Liberi Confini. Sua madre Tayana era di Rivain mentre suo padre Arryn era un falegname del Ferelden con origini del Tevinter.[nota 3] Dopo la morte dei suoi genitori fu costretto a diventare un ladro per sopravvivere nelle strade di Val Royeaux.[4]


Questa sezione contiene spoiler per:
Dragon Age: La Chiamata.
Clicca per rivelare.

Cresciuto a Val Royeaux, Duncan è stato testimone di molte morti e sparizioni. Ad un certo punto, Duncan strinse amicizia con una giovane borsaiola che era attratta da lui. Un giorno venne investita dalla carrozza di un nobiluomo, ma venne ignorata da tutti nonostante avesse implorato aiuto. Alla fine è strisciata in un vicolo vicino dove è morta dissanguata.

Duncan era noto per cercare diverse rapide avventure nelle topaie, incontri che finivano rapidamente dopo che l'atto era stato compiuto.

Poco più che un ragazzo, Duncan fece irruzione nella stanza di una locanda per derubarla e si trovò di fronte alla sua vittima mentre tentava di rubare un anello. L'uomo si è rifiutato di cedere, anche con un coltello puntato alla gola, e hanno litigato; nella lotta, Duncan ferì involontariamente a morte la sua vittima. Mentre l'uomo giaceva morente, ringraziò Duncan, con suo shock e orrore.

Gli chevalier informarono Duncan mentre veniva arrestato che la vittima era un Custode Grigio. Quando il Comandante dei Custodi Genevieve gli offrì un posto tra i Custodi Grigi la notte prima della sua esecuzione, lui rifiutò, pensando che la vita di un Custode Grigio dovesse essere davvero orribile per ringraziare colui che lo aveva ucciso. Tuttavia, Genevieve si presentò il giorno successivo durante la sua esecuzione e usò il diritto di coscrizione per reclutarlo di forza nell'ordine. All'inizio non aveva tutti i torti; i suoi compagni Custodi lo disprezzavano e, nei mesi che seguirono, un infelice Duncan tentò di scappare più volte, e continuò a rubare quando se ne presentò l'occasione, un'abitudine che gli salvò la vita alla Roccaforte Kinloch alcuni mesi dopo.

Alla fine, gli altri Custodi iniziarono ad accettarlo e rivelarono la verità a Duncan. Il Custode che aveva ucciso, Guy, era il promesso sposo di Genevieve, e il premio a cui si rifiutava di rinunciare doveva essere l'anello nuziale di lei. Duncan smise di scappare e la sua incrollabile lealtà verso Genevieve nell'ultimo anno della sua vita sembrava, almeno in parte, nata dal senso di colpa.

Sei mesi dopo la sua introduzione nell'ordine, Duncan era un membro dei Custodi Grigi guidati da Genevieve di Orlais in una missione per trovare il Custode scomparso Bregan, fratello di Genevieve e precedente Comandante dei Custodi di Orlais.

Genevieve gli affida un triste compito: proteggere la loro guida nelle Vie Profonde, Re Maric Theirin, o, se il re dovesse apprendere informazioni dannose per l'ordine, ucciderlo. Come ha detto il Comandante Genevieve, "i Custodi Grigi proteggono il mondo intero, non solo una piccola nazione". Invece Duncan strinse amicizia con Maric e le sue azioni furono determinanti per la sopravvivenza del re.

Si recarono quindi alla torre del Circolo, cercando l'assistenza promessa dal Primo Incantatore Remille. Durante la loro prima notte in viaggio verso la Roccaforte Kinloch, soggiornarono in una locanda dove Duncan fu costretto a dormire sul pavimento accanto alla branda del re, trascorrendo la notte tremante e a disagio a causa del clima del Fereldan.

Dopo una breve sosta in una fattoria per ordine di Re Maric, Genevieve ordinò al gruppo di raddoppiare gli sforzi per raggiungere la roccaforte. Durante il viaggio estenuante, Duncan si lamentava spesso.

Mentre era nella torre del Circolo, Duncan si è intrufolato e ha rubato un anello di chiavi a un adepto della Calma. Si fece strada silenziosamente attraverso i livelli superiori della torre prima di aprire una stanza che si rivelò essere la stanza del Primo Incantatore stesso.

Lì scoprì una scatola laccata di rosso che, una volta aperta, scoprì contenere un pugnale dall'aspetto insolito che sembrava fatto di ossidiana. Prendendo la lama con sé, si allarmò quando vide apparire una maga di nome Vivian subito dopo essere uscito dalla stanza del Primo Incantatore. Secondo lei, aveva interpretato il suo precedente saluto come un invito sessuale. Duncan allora colse l'occasione, accogliendo il suo bacio e permettendole di portarlo nei suoi alloggi.

Dopo aver passato un po' di tempo ad entrare in intimità con Vivian, Genevieve alla fine lo catturò e lo riportò dal resto dei Custodi.

Durante la loro missione per accertare il destino di Bregan, il fratello di Genevieve che aveva abbandonato il suo Richiamo, Duncan, Maric e gli altri Custodi Grigi furono affrontati da un demone e intrappolati nell'Oblio. Mentre tentava di salvare Genevieve dal suo sogno nell'Oblio, Duncan si trovò di fronte alla vita felice che Genevieve avrebbe voluto condurre se il suo fidanzato fosse vissuto. Quando Duncan cercò di convincerla ad andarsene, lei rivolse contro di lui tutto il peso del suo dolore e della sua rabbia per il ruolo avuto dal ragazzo nella morte di Guy. Disse con amarezza a Duncan che pensava che il fatto che fosse sopravvissuto alla sua Unione fosse uno scherzo crudele fattole dal Creatore. Lei lo aveva desiderato morto, e così lo aveva costretto all'Unione nella speranza che morisse dopo aver avuto un assaggio di ciò che i Custodi avevano dovuto affrontare per proteggere la feccia come lui, solo per ritrovarsi bloccato con lui. Duncan all'inizio rimase colpito finché non immaginò che se lei avesse davvero voluto che se ne andasse, avrebbe potuto lasciarlo alla sua esecuzione, o trasferirlo in un altro avamposto secondo l'ordine. La affrontò con la verità e, con riluttanza, Genevieve se ne andò con lui, sfuggendo all'Oblio.

Dopo che vengono catturati e Genevieve e Utha si uniscono a Bregan per schierarsi con l'Artefice, Duncan libera Maric e Fiona e insieme fuggono da Kul-Baras mentre Kell ap Morgan insieme ad Hafter rimangono indietro per aiutarli a fuggire. Alla fine raggiungono la superficie ma vengono catturati dal Primo Incantatore Remille e portati alla Roccaforte Kinloch. Quando i Custodi del ladro e l'Artefice si rivoltano l'uno contro l'altro, Duncan coglie l'occasione per uccidere Remille usando il pugnale nero ebano che gli aveva rubato in precedenza, mentre Loghain Mac Tir libera la torre.

Successivamente, Duncan viene nominato secondo in comando dei Custodi Grigi del Ferelden, in servizio sotto il Comandante dei Custodi Polara e giura di vegliare su Fiona e il figlio di Maric.

Ad un certo punto, poco dopo essersi uniti ai Custodi Grigi, Duncan e un mentore presumibilmente si imbatterono in un gruppo di templari che davano la caccia a un mago maschio eretico. Il mago usò quindi la magia del sangue per mettere alcuni templari l'uno contro l'altro. Il mago sarebbe scappato se uno dei templari rimasti non gli fosse arrivato alle spalle e gli avesse spaccato la testa.[5]

Coinvolgimento[]

Duncan è salito al grado di Comandante dei Custodi nel 9:10 Era del Drago[nota 2] dopo che il suo predecessore, il Comandante Polara, un giorno è misteriosamente scomparso.[6] Negli anni successivi, a Duncan fu affidato il compito quasi impossibile di guidare i Custodi del Ferelden, un regno che aveva annullato l'ordine duecento anni prima. Di fronte al sospetto e all'ostilità locale, iniziò a trovare reclute.

Duncan appare in ogni origine, alla ricerca di una recluta che si unisca ai Custodi Grigi per aiutarli contro la crescente minaccia del quinto Flagello. Recluterà il Custode volontariamente o tramite la coscrizione, ed è solitamente disponibile a rispondere a domande sui Custodi Grigi e sull'orda di Prole Oscura che si ammassa nelle Selve Korcari durante la storia delle origini.


“Ora abbiamo un cane e Alistair è ancora il più stupido del gruppo.” — Morrigan
Questa sezione contiene spoiler per: Dragon Age: Origins. Clicca per rivelare.

  • Origine dell'Umano Nobile: Duncan arriva al castello dei Cousland alla ricerca di una potenziale recluta. Colui che ha presentato una petizione per questo è stato Ser Gilmore, ma in seguito viene rivelato che l'Umano Nobile è sempre stata la prima scelta di Duncan. Mentre i soldati di Arle Rendon Howe attaccarono inaspettatamente il castello e massacravano la famiglia Cousland, Duncan salva l'Umano Nobile dal colpo di stato di Arle Howe a condizione che prenda il posto di Ser Gilmore e diventi un Custode Grigio.
  • Origine del Mago: Duncan arriva alla torre del Circolo per reclutare altri maghi per l'esercito di Re Cailan e il Mago viene presentato dal Primo Incantatore Irving. Dopo che Jowan fugge usando la magia del sangue, Duncan rivela che stava anche cercando reclute dei Custodi Grigi e costringe l'Alto-comandante Greagoir a rilasciarli sotto la sua custodia.
  • Origine dell'Elfo di Città: Duncan arriva nell'enclave degli elfi speranzoso di reclutare il figlio o la figlia di Adaia. Quando Vaughan Kendells rapisce le donne durante la cerimonia nuziale, aiuta indirettamente Soris e un Elfo di Città maschio/Nelaros fornendo una spada. Dopo che l'Elfo di Città viene arrestato per aver derubato Vaughan o per averlo ucciso, Duncan interviene e invoca il diritto di coscrizione per salvarlo dalla prigionia/esecuzione.
  • Origine dell'Elfo Dalish: Dopo che Tamlen e il l'Elfo Dalish entrano in contatto con lo specchio che Duncan crede essere di origine Tevinter, Duncan salva l'Elfo Dalish privo di sensi e lo porta all'accampamento dei dalish. Ritorna alle rovine per indagare sulla corruzione della Prole Oscura e spiega all'Elfo Dalish e a Merrill che molto probabilmente Tamlen è ormai morto e che l'Elfo Dalish è stato corrotto dallo specchio. Dopo aver distrutto l'artefatto, discute dell'infezione con Marethari e spiega che solo il rituale dell'Unione può salvare l'Elfo Dalish dal soccombere alla corruzione.
  • Origine del Nano Nobile: Duncan e i suoi Custodi Grigi arrivano a Orzammar come ospiti che partecipano al banchetto di Re Endrin Aeducan che si tiene per celebrare la promozione del Nano Nobile a comandante di Orzammar. Mentre il Nano Nobile sta conducendo una missione segreta per recuperare lo scudo della famiglia Aeducan (che porterà prestigio al Nano Nobile e alla casata Aeducan), le forze di Re Endrin Aeducan e i Custodi Grigi di Duncan colpiranno la Prole Oscura per eliminare alcune delle loro miniere più importanti. Ripulire le caverne dalla Prole Oscura aiuterà a facilitare la missione del Nano Nobile e i Custodi Grigi trarranno beneficio colpendo lontano nelle Vie Profonde. In verità, il secondo fine di Duncan è indagare se il recente ritiro della Prole Oscura dalle Vie Profonde sia la prova di un Flagello. Alla fine, la spedizione si conclude con il Nano Nobile che viene implicato o incastrato per l'omicidio del loro fratello maggiore, Trian Aeducan. Più tardi, quando il Nano Nobile viene esiliato, trova Duncan nelle Vie Profonde, così viene reclutato e salvato dalla morte nei tunnel pieni di Prole Oscura. A differenza delle altre origini, può essere visto con altri due Custodi Grigi.
  • Origine del Nano Popolano: Duncan arriva a Orzammar per assistere a una prova. Lì guarda le Prove del Nano Popolano mentre è illegalmente sotto le vesti di un altro combattente e fino a quando viene scoperto. Non appena il Nano Popolano fugge dalla prigione dove è stato rinchiuso, Duncan interviene e recluta il Custode prima che le autorità possano giustiziarlo.

Dopo che Duncan ha reclutato il Custode, i due si recano alle rovine di Ostagar per prendere parte all'imminente battaglia con l'esercito del re contro la Prole Oscura. Duncan spiega al Custode che Ostagar è il luogo ideale per respingere la Prole Oscura ed è certo che è lì che si mostrerà la maggior parte dell'orda. Sebbene i Custodi Grigi del Fereldan siano pochi, tutti si sono riuniti a Ostagar per affrontare il Flagello. Duncan crede che il Flagello debba essere fermato a Ostagar e avverte che se si diffonderà a nord, il Ferelden cadrà.

Dopo aver ricevuto un cordiale benvenuto dallo stesso Re Cailan, Duncan presenta al re la sua nuova recluta. Re Cailan è stato incoraggiato dalle vittorie passate contro la Prole Oscura e inizia persino a dubitare che si trovino di fronte a un vero Flagello poiché un arcidemone deve ancora mostrarsi. Duncan tenta di mitigare le grandi ambizioni di Cailan con aspettative realistiche, incoraggiando allo stesso tempo sottilmente l'entusiasmo di Cailan. Duncan dà anche a Cailan un messaggio che suo zio, Eamon Guerrin, desiderava che consegnasse, dicendo al re che le forze dell'arle avrebbero potuto raggiungere Ostagar solo nel giro di una settimana, se Cailan avesse desiderato il loro sostegno per la battaglia. Cailan appare sprezzante e considera l'aiuto di Eamon non necessario e in cerca di gloria; sembra fiducioso che le future battaglie contro la Prole Oscura porteranno alla vittoria a prescindere.

Una volta che Cailan parte per elaborare una strategia con Teyrn Loghain Mac Tir, Duncan dice al Custode che è preoccupato per il numero crescente dell'orda della Prole Oscura. Duncan crede che l'orda sia probabilmente in inferiorità numerica ed è convinto che dietro l'ammassamento della forza della Prole Oscura ci sia un arcidemone. Tuttavia, ammette di non poter chiedere al re di agire solo in base al suo intuito, anche come comandante dei Custodi.

Duncan preferirebbe che Re Cailan aspettasse i rinforzi, specialmente i rinforzi del Custode Grigio da Orlais. I rinforzi del Custode Grigio di Orlais sono attualmente in viaggio, anche se ci vorranno giorni per raggiungere Ostagar. Alcuni, incluso Teyrn Loghain, credono che Re Cailan abbia un'insolita fissazione per i Custodi Grigi e la loro leggendaria reputazione. Perfino Duncan ammette che Cailan crede che combattere con i pochi Custodi Grigi del Fereldan faccia sentire Cailan invulnerabile. Dato che i Custodi Grigi presenti sono ancora così pochi, Duncan consiglia loro di fare ciò che possono e di fare affidamento sull'autorità di Teyrn Loghain per compensare la differenza fino all'arrivo dei rinforzi. A tal fine, consiglia al personaggio principale di procedere senza indugio con il rituale dell'Unione.

Duncan ordina al Custode di cercare Alistair e le altre due reclute per prepararsi al rituale dell'Unione. Incarica Alistair e le reclute di dirigersi nelle Selve Korcari per ottenere tre fiale di sangue di prole oscura per il rituale, oltre a recuperare i vecchi rotoli del trattato da un nascondiglio del Custode Grigio nelle Selve, dove sono stati lasciati sotto protezione magica. Durante questo periodo, è possibile rubargli vari oggetti tra cui rune, unguento naturale superiore e impiastri (a condizione di essere un ladro molto abile per questa fase del gioco). Se avvengono furti a danno di troppe persone a Ostagar, si potrebbe anche sentire un soldato con un certo grado di anzianità lamentarsi con Duncan di questo, specialmente se si è tentato di rubare a Duncan stesso fallendo, anche se lui si scuserà con il soldato a nome di tutti i Custodi presenti a Ostagar, forse a causa del suo passato.

Poco prima della battaglia, Duncan supervisiona la cerimonia di Unione delle nuove reclute. Daveth non sopravvive al rituale, dopodiché Ser Jory va nel panico e tenta di fuggire, dopodiché, esprimendo molto rammarico, Duncan lo uccide per proteggere il segreto dell'Unione. Nonostante la nota abilità di Jory come guerriero, Duncan lo uccide rapidamente, con un solo colpo, una prima indicazione dell'insolita forza e velocità conferite a chi diventa un Custode completo. Il Custode è l'unica recluta a sopravvivere all'Unione e viene informato che Cailan ha richiesto la loro presenza all'imminente incontro strategico per l'imminente battaglia di Ostagar.

Subito dopo, in un consiglio di guerra, Re Cailan ordina ad Alistair e al Custode di accendere il faro in cima alla Torre di Ishal, segnalando a Loghain e al suo esercito di fiancheggiare l'orda di prole oscura impegnata. Loghain, tuttavia, decide di ritirare le sue forze dopo aver visto il segnale. L'esercito reale e i Custodi Grigi, improvvisamente in inferiorità numerica, perdono la battaglia e vengono quasi annientati. Re Cailan viene schiacciato a morte da un ogre che Duncan uccide, cadendo lui stesso sotto il successivo attacco della Prole Oscura. Sebbene sia stato confermato che Duncan è morto, la sua morte effettiva non viene testimoniata, né il suo corpo viene ritrovato se il Custode ritorna a Ostagar.

In una discussione più avanti nel gioco, Alistair rivela che Duncan aveva recentemente iniziato a sperimentare gli "incubi"—visioni intense della Prole Oscura che iniziano poco dopo aver superato l'Unione e svaniscono gradualmente—ancora una volta, suggerendo che la corruzione stava iniziando a reclamarlo, in modo che non gli sarebbe rimasto molto tempo, anche se fosse sopravvissuto alla battaglia di Ostagar.

Verso la fine del gioco, durante l'Incontro dei Popoli, il gruppo può trovare lo scudo di Duncan in un nascondiglio dei Custodi Grigi a Denerim.[nota 1] Lo scudo diventa un pezzo di armatura potente ed equipaggiabile, uno dei migliori del gioco, dopo che il giocatore lo ha regalato ad Alistair. Nel DLC Ritorno a Ostagar, il gruppo può recuperare la spada di Duncan e il pugnale di Duncan dalle rovine di Ostagar così come l'armatura di Cailan.

Missioni[]

missionedaomissionedao Origine dell'Umano Nobile (condizionale)
missionedaomissionedao Origine del Mago (condizionale)
missionedaomissionedao Origine dell'Elfo Dalish (condizionale)
missionedaomissionedao Origine dell'Elfo di Città (condizionale)
missionedaomissionedao Origine del Nano Nobile (condizionale)
missionedaomissionedao Origine del Nano Popolano (condizionale)
missionedaomissionedao Unirsi ai Custodi Grigi
missionedaomissionedao Sangue corrotto
missionedaomissionedao Il deposito dei Custodi Grigi
missionedaomissionedao Dopo l'Unione
missionedaomissionedao Torre di Ishal

Citazioni[]

Dragon Age: La Chiamata[]

  • Duncan: "Vi siete rivolto al Custode Grigio sbagliato. Tutto quello che so è che i prole oscura passano il tempo alla ricerca degli Antichi Dei."
  • Re Maric: "Tutto qui? Nient'altro? Le loro feste devono essere noiose."
  • Duncan: "Più o meno. Loro non pensano, a essere precisi."

Dragon Age: Origins[]

  • (A un Elfo di Città) "Di certo, non vi sarà sfuggito il fatto che sono sia armato sia dotato di armatura... Uno scontro tra noi sarebbe piuttosto impari."
  • "A volte mi chiedo se le molte leggi della Chiesa riguardo alla magia siano davvero necessarie. La Prole Oscura è una minaccia più seria dei maghi del sangue, persino degli abomini. Al mondo occorrono decenni per riprendersi da un Flagello."
  • "Attento a quel che desiderate. Il potere è ingannevole. Ho visto molte persone, grandi condottieri, consumati dal potere."
  • "Allora devo unirmi agli altri. Da questo momento, siete soli. Ricordate, siete entrambi dei Custodi Grigi. Mi aspetto che vi dimostriate degni di tale titolo."
  • (A un Nano Popolano) "I Custodi sono sempre in cerca di persone che abbiano il coraggio di dedicare la propria vita a combattere la Prole Oscura. È raro trovare qualcuno che abbia sia l'abilità che la dedizione. I Custodi migliori sono spietati con i nemici, compassionevoli verso gli amici e ispiratori per le truppe."

Voci del Codice[]

Voce del Codice: Duncan Voce del Codice: Duncan

Voce del Codice: Fiona Voce del Codice: Fiona

Note[]

  1. 1,0 1,1 La classe di Duncan non è gestita in modo coerente in tutta la serie poiché a volte viene rappresentato come un Guerriero invece che come un Ladro.
    • In Dragon Age: Origins, durante la sequenza del sogno di Alistair nell'Oblio, Duncan appare come un guerriero che usa uno stile di combattimento con spada e scudo (il che spiegherebbe la presenza del suo scudo nella Cripta del Custode Grigio a Denerim).
    • Ci sono anche diverse incongruenze riguardo alla classe di Duncan a causa di più file di gioco che lo elencano come un guerriero con arma e scudo, mentre lo si incontra sempre con una spada e un pugnale nel fodero sulla schiena.
    • Duncan è rappresentato come un guerriero in Dragon Age GdR da tavolo. Tuttavia, questa è la classe predefinita utilizzata dalla maggior parte dei PNG di Dragon Age: Origins.
    • In Dragon Age: La Chiamata è conosciuto come un "ladro dalla carnagione scura" che porta "due pugnali di silverite".
    • Tutte le versioni di Duncan in Heroes of Dragon Age, incluso il Comandante dei Custodi Duncan, sono contrassegnate come "Ferelden, Umani, Ladri, Custodi".
  2. 2,0 2,1 Voce del Codice: Fiona afferma che Duncan è stato nominato Comandante dei Grigi nel 9:10 Era del Drago, ma questo non è coerente con la sequenza temporale presentata in Dragon Age: La Chiamata.[2]
  3. Voce del Codice: Duncan afferma che suo padre era del Tevinter e sua madre delle Anderfel, mentre Dragon Age: La Chiamata lo descrive come metà del Fereldan e metà di Rivain. David Gaider ha confermato che quest'ultima versione è quella corretta.[3]

Curiosità[]

  • Nella scheda del suo personaggio di BioWare, il suo aspetto è descritto come barbuto, muscoloso, capelli brizzolati alle tempie e con un portamento nobile.[7]
  • Duncan è la prima somiglianza condivisa tra tutte le origini.
  • Duncan fa un piccolo cameo in Dragon Age: Inquisition sotto forma di carta dei tarocchi con difficoltà Incubo prima della creazione del personaggio.
  • L'armatura di Duncan è unica: è l'unico personaggio che utilizza un modello di armatura del genere.
  • Se un Nano Nobile maschio completa la missione Di nobili natali, avrà l'opportunità di nominare suo figlio Duncan.
  • Anche se viene confermato che Duncan è morto, il suo corpo non viene mai ritrovato a Ostagar, anche se le sue armi verranno trovate impalate nell'ogre che aveva ucciso prima di cadere per mano della Prole Oscura.
  • Duncan avrà nuove opzioni di dialogo se provi a borseggiarlo e fallisci.
  • Nel filmato in cui Duncan uccide l'ogre usa due pugnali dei Corvi invece della spada di Duncan e del pugnale di Duncan.
  • A Ostagar è possibile rubare da lui una runa operosità del maestro o del granmaestro, una runa di silverite o di ferro freddo, o un cristallo piccolo o grande, per due volte; una prima di andare nelle Selve Korcari e una dopo.
  • Nonostante brandisca due armi in Dragon Age: La Chiamata, uno scudo appartenente a Duncan può essere trovato nella cripta del Custode Grigio situata a Denerim. Non è noto se abbia effettivamente utilizzato lo scudo in battaglia o meno.
  • La somiglianza generale tra gli aspetti dell'armatura di Duncan e quella di Isabela sembra essere indicativa di uno stile di armatura rivainiana.[8]
  • Il suo background personale, come indicato nel set di strumenti, afferma che è il figlio bastardo di una famiglia nobile che non lo riconosce, e che questo è il motivo per cui ha avuto pietà di Alistair.
  • Riordan rivela di essersi unito ai Custodi Grigi più o meno nello stesso periodo di Duncan, partecipando alla stessa Unione ed entrambi sopravvivendo. Riordan ha descritto Duncan come un duro, grigio e gravato dalle brutte scelte che i Custodi Grigi devono fare. Anche così, Riordan dice che Duncan è sempre stato particolarmente gentile con le sue reclute e che era l'unico momento in cui abbassava la guardia.

Riferimenti[]

  1. Dragon Age: La Chiamata, p. 272. La madre di Duncan è incinta nel sogno di Duncan.
  2. Date nel romanzo La Chiamata
  3. David Gaider (8 Febbraio, 2010). "Discrepancy between 'The Calling' versions". BioWare Social Network.
  4. Dragon Age logo (wot) Dragon Age: The World of Thedas, vol. 2, p. 77
  5. Menzionato durante la conversazione con Duncan nell'Origine del Mago dopo averlo scortato nei suoi alloggi.
  6. Voce del Codice: Fiona
  7. Dragon Age: Origins Resource File: duncan.chr
  8. Mike Laidlaw

Siti esterni[]

Advertisement