Dragon Age Wiki
Advertisement

Questi dialoghi comprendono le conversazioni di Cullen con il suo messaggero, e il suo messaggero con i vari compagni e consiglieri.

  • Messaggero: Una lista da parte di Dama Cassandra, comandante.
  • Cullen: (Sospira) Cosa vuole, questa volta?
  • Messaggero: Non lo so. L'ha inserito in una busta sigillata e mi ha guardata fissa negli occhi. Non ho osato aprirla.

───────

  • Messaggero: Dama Cassandra desidera parlare con voi, comandante.
  • Cullen: Ho visto come osservava le esercitazioni, stamane. Ha qualcosa da dirmi al riguardo?
  • Messaggero: Forse?
  • Cullen: Pensavo che Varric esagerasse.

───────

  • Messaggero: Dama Cassandra mi ha chiesto di sincerarmi delle vostre condizioni, comandante.
  • Cullen: Dille che sto bene. E che quando le ho chiesto di non preoccuparsi per me, non intendevo suggerirle di mandare qualcun altro.
  • Messaggero: Volete... che le riferisca queste esatte parole?
  • Cullen: Lascia stare. Non ascolterebbe.

───────

  • Messaggero: Il Comandante Cullen dice di no, madama.
  • Cassandra: Forse dovresti spronarlo a fare qualche sforzo in più.
  • Messaggero: Ehm... Forse dovreste riferirglielo voi?

───────

  • Messaggero: Il Comandante Cullen vi invita a prendere parte alle esercitazioni. Madama.
  • Cassandra: L'ha detto in modo sarcastico?
  • Messaggero: Io... non saprei dirvelo, madama.
  • Cassandra: Come l'hai visto? Per caso barcollava?
  • Messaggero: Non mi pare, madama. Forse era solo più irritabile del solito.
  • Cassandra: Quello è solo merito mio. Continua pure.

───────

  • Vivienne: È una richiesta ragionevole.
  • Messaggero: È stato categorico, Dama Vivienne.
  • Vivienne: Certo. Come suo solito. Torna dal comandante. Sono certa che questa volta sarà più disponibile.

───────

  • Messaggero: Tempo fa prestavano servizio insieme.
  • Leliana: Carroll?
  • Messaggero: Non lo vede da anni, ma per qualche motivo gli è tornato alla mente...
  • Leliana: Capisco. Riferisci al comandante che farò il possibile.

───────

  • Messaggero: Sorella Leliana non ha notizie su di lui.
  • Cullen: Credo sia stato trasferito in un altro Circolo. So che non è molto su cui lavorare.
  • Messaggero: Sorella Leliana ne sarà informata.
  • Cullen: Aspetta. Potrei avere qualche altro nome.

───────

  • Messaggero: Credo che questo sia vostro, comandante. È indirizzato a voi.
  • Cullen: Il mittente?
  • Messaggero: Io... Me lo sono ritrovato in mano.

───────

  • Messaggero: Il destinatario, ser?
  • Cullen: Cole. Lui... Lascia perdere. Non so chi me lo faccia fare. Portalo alle scale vicino alla taverna e... prova a sventolarlo, o qualcosa di simile. Qualcuno capirà.
  • Messaggero: Sì, ser.

───────

  • Messaggero: Cole?
  • Cole: Si?
  • Messaggero: Il comandante dice di smetterla di inviare messaggi senza senso.
  • Cole: Se non li invio, come faccio a sapere se hanno un senso oppure no?

───────

  • Cullen: Di' a Vivienne che non sarei tenuto a obbedirle neppure se questo fosse un Circolo.
  • Messaggero: Io... uhm...
  • Cullen: Oh, lascia perdere. Me ne occuperò io.

───────

  • Cullen: Il Toro ha dovuto usare ogni singolo scudo dell'armeria?
  • Messaggero: Ha parlato di un esercizio di addestramento. Volete che gli dica di non farlo mai più?
  • Cullen: No. Digli solo che mi avvisi, la prossima volta. Voglio proprio vedere se lo farà.

───────

  • Cullen: (tra sé e sé) Non so chi me lo faccia fare.
  • Messaggero: Forse dovresti spiegarglielo chiaramente.

───────

  • Cole: L'ho reso triste. Ha ascoltato i ricordi e non le parole.

───────

  • Cullen: So che Sera è stata qui e appena scoprirò cosa ha combinato... prenderò i dovuti provvedimenti.
  • Messaggero: Certo, ser.

───────

  • Sera: Di' a Cullen... (Ride)
  • Messaggero: Io... temo di non poter rendere giustizia al messaggio, signorina.

───────

  • Cullen: È una sorta di... "offerta di pace".
  • Messaggero: Sì.
  • Cullen: Sera ha detto proprio "offerta di pace".
  • Messaggero: Sì, ser.
  • Cullen: Si fa aiutare da qualcuno.

───────

  • Cullen: Josephine vuole sapere la data del mio compleanno?
  • Messaggero: È quello che ha detto, ser.
  • Cullen: Tanto è già passato. Non capisco perché...
  • Messaggero: Ha detto che è importante, ser.

───────

  • Josephine: Viveva nel Circolo. Magari gradirebbe un mantello di sartoria di Val Royeaux? Non può indossare sempre l'armatura.
  • Messaggero: Gradirà molto il pensiero, dama ambasciatrice.
  • Josephine: Un modo garbato per dire che non lo gradirà affatto, giusto?

───────

  • Cullen: Di' a Josephine che ho apprezzato. Sinceramente. Può smettere di chiedermelo.
  • Messaggero: Sarà lieta di saperlo.

───────

  • Josephine: Ha gradito? Veramente?
  • Messaggero: Molto, dama ambasciatrice.
  • Josephine: Era solo burro e zucchero. I fereldiani hanno gusti così... semplici.

Nota: Questa conversazione si riferisce a dei biscotti. ───────

  • Sera: Hai una scatola? Manda quella.
  • Messaggero: Ma... è vuota.
  • Sera: Dici? Sei sicura?
  • Messaggero: Uh... Sì? È vuota.
  • Sera: Ah, cacchio. Beh, mandala lo stesso.

───────

  • Messaggero: Avete messaggi?
  • Sera: Ancora tu? Bene.
  • Messaggero: Dite pure, signorina.
  • Sera: Aspetta, sto pensando.

───────

  • Messaggero: Quel ragazzo...
  • Cullen: Adesso cosa vuole? "Non ti hanno appeso lì. Sei libero di andartene."
  • Messaggero: Non dice altro, ser. Ce ne sono altri... dal tono simile. Preferite leggerli personalmente?

───────

  • Messaggero: Dice solo "Uldred ti ha marchiato, ma non ti ha creato. Sei rimasto te stesso."
  • Cullen: (Sospira) Ora so chi lo manda. Grazie.

───────

  • Messaggero: Dice: "Il centro non è mai cambiato, protetto come una moneta che tieni in tasca."
  • Cullen: Cole. Anzi, gli parlerò di persona.

───────

  • Cullen: Certamente.
  • Messaggero: Insiste nel dire che non è impossibile, ser.
  • Cullen: Certo. E io sono il re del Ferelden.

───────

  • Leliana: Nega di aver preso uno dei miei uccelli? Ha detto così?
  • Messaggero: Ammette di averlo preso in prestito. Una cosa ben diversa, dice lui. Quello con le piume bianche sul petto.

───────

  • Cullen: Sul serio? Mi darà proprio quello?
  • Messaggero: Dice che così non dovrà più "prestarvelo".
  • Cullen: Io... capisco. Grazie.
Advertisement