Dragon Age Wiki
Advertisement

Una grande organizzazione come l'Inquisizione tende ad accumulare lettere, comunicazioni e montagne di altre scartoffie. Questi documenti possono contenere indizi o informazioni essenziali, ma spesso sono soltanto una piacevole lettura in quei pochi, preziosi momenti di quiete.  ―Codice Lettere e appunti

Questa pagina cataloga tutte le voci del codice della sezione Lettere e appunti di Dragon Age: Inquisition.

Accampamento dei templari

Articolo principale: Voce del Codice: Accampamento dei templari

Fratelli, dobbiamo ascoltare la chiamata del Creatore, colui che ci ha dato l'obbligo di distruggere questi maghi. Con questa ribellione, hanno messo a repentaglio il loro diritto alla vita. Non sono persone. Qualsiasi altro ordine che ci implora di porre fine a questa giusta battaglia non va tenuto in considerazione, poiché questa è una prova a cui veniamo sottoposti dal Creatore, al fine di separare il credente dallo stolto. Unisciti a noi lungo la Strada dell'Ovest e combatti per una giusta causa.

—Una lettera scritta in modo impeccabile


Quando l'Impero del Tevinter disse che i maghi avrebbero dominato gli uomini, i giusti si ribellarono contro questa affermazione. Quando il Circolo disse che i maghi potevano interagire con empi spiriti senza accortezza o conseguenze, i giusti si ribellarono contro questa affermazione. Ora, il Primo Cercatore dice di ritirarci a Val Royeaux. Fratelli miei, ascoltate le mie parole. Noi siamo i giusti e noi dobbiamo ribellarci contro questa ingiusta ordinanza. La nostra battaglia deve continuare, finché l'ultimo mago non esalerà il suo ultimo respiro. Metti da parte indugio e dubbio e unisciti a noi lungo il fiume vicino alla Strada dell'Ovest.

—Una lettera scritta in modo impeccabile


Dobbiamo essere pronti a combattere non solo i maghi, ma anche coloro che simpatizzano per loro. I maghi del sangue non hanno forse ingannato le menti degli incauti? La maggior parte della gente non è forse un gregge pronto a essere guidato da coloro che parlano con autorevolezza? La gente deve essere protetta dai maghi. È un nostro diritto e un nostro dovere. Vogliamo parlare di coloro che li riforniscono di lyrium? Coloro che offrono ai maghi un tetto e del cibo? Coloro che vengono meno al proprio dovere e non aiutano noi? Questi sono simpatizzanti, che hanno stretto un patto con i demoni e possono dare origine solo ad abomini. Come tali, devono essere distrutti. La nostra crociata inizierà nell'accampamento poco lontano dalla Strada dell'Ovest. Non ci fermeremo finché il mondo non sarà purgato.

—Una lettera scritta in modo impeccabile

Ai capi del carro dei contrabbandieri

Articolo principale: Voce del Codice: Ai capi del carro dei contrabbandieri

Tra le carte sottratte ai ricettatori di lyrium rosso nelle Valli, c'è una nota del capo rivolta ai suoi tenenti.

Attenzione a quel lyrium rosso. Il nostro mago dice che è molto più potente di quello blu: "Come servire brandy in un boccale di birra". Due sere più tardi, è impazzito. Sbavava e urlava. Abbiamo dovuto rinchiuderlo nel magazzino. Sembra pazzia da lyrium, ma si manifesta più velocemente.

Non tutto il male viene per nuocere. Samson, il nostro nuovo cliente, ha chiesto ai suoi agenti di comprare chiunque si ammali. Con oro. Quando hanno comprato il mago, ho chiesto il motivo. E loro mi hanno detto che "lo avrebbero reso migliore". Per quello che hanno pagato, chissà cosa diventerà.

Mi raccomando: massima attenzione con le casse. Fatemi sapere se qualcuno si ammala. E non ditelo in giro.

—Kells

Altare insanguinato

Articolo principale: Voce del Codice: Altare insanguinato

Abbiamo fatto il possibile per evitare gli Hakkoniti e non farci individuare. Sarebbe andato tutto per il meglio se l'inesperienza di Pryce non l'avesse portato a lasciare impronte visibili sul terreno. Così le Fauci di Hakkon ci hanno rintracciati, e gli stratagemmi di Falker non sono serviti a seminarli. Quei bastardi sono parecchio ostinati. Ci siamo dovuti nascondere tra i mucchi di cadaveri decomposti e ossa sbiancate intorno a uno strano altare, scolpito nella roccia e sormontato da quello che sembrava un teschio di drago. Fortunatamente, gli Hakkoniti si sono bloccati sui loro passi alla vista dell'altare. Hanno mormorato qualcosa e il loro capo ha accennato un inchino di riverenza al grande teschio. Poi hanno abbandonato l'inseguimento.

Non sappiamo perché gli Hakkoniti abbiano desistito, una volta giunti davanti all'altare. Forse non vogliamo neppure saperlo.

—Dai rapporti inviati all'Esploratrice Harding

Antico documento conservato in una custodia per pergamene

Articolo principale: Voce del Codice: Antico documento conservato in una custodia per pergamene

A chiunque legga questo messaggio,

Si rende noto che il possessore di questo lasciapassare, l'Inquisitore Ameridan, Comandante dei Cercatori della Verità, è diretto alla Conca Gelida su richiesta ufficiale di Sua Maestà Divina Kordillus Drakon, Imperatore di Orlais, per questioni di vitale importanza per l'incolumità e la sicurezza di questo sacro impero, e che al medesimo e a chiunque viaggi in sua compagnia deve essere tributato qualsiasi tipo di servizio, assistenza e cortesia nell'ambito della loro impresa volta a proteggere le vite orlesiane da minacce magiche e mondane.

Che il Creatore vegli su di lui,
Kordillus Drakon I

Antico testo elfico

Articolo principale: Voce del Codice: Antico testo elfico (Lettere e appunti)

Un testo in un antico dialetto elfico che, a un'analisi più approfondita, cambia aspetto e diventa comprensibile:

Gli dei non esistono. Esistono solo soggetti e oggetti, attori e ruoli. Chi aspira a dominare sugli altri ne ottiene il diritto non per natura, ma tramite le proprie azioni.

Io sono Geldauran, e mi oppongo a chiunque voglia impormi la sua volontà. Che l'arco di Andruil si spezzi, che il fuoco di June si spenga. Che si facciano dedicare dei templi, che attirino i fedeli con le loro promesse. Quando l'orgoglio li consumerà, io, dimenticato, reclamerò il potere e sarò libero di esercitarlo appieno.

Appunti di Colette

Articolo principale: Voce del Codice: Appunti di Colette

A una serie di riproduzioni di iscrizioni, frammenti di vetro e di luoghi nell'area circostante seguono degli appunti in eccellente calligrafia:

"Due rimasero in piedi. In sessanta caddero dinanzi al nostro trionfo.
Respiro nella caccia e riposo per gli abitanti dei bassopiani, degni della attenzioni della Signora."

Iscrizione scoperta in un rudere del Tevinter alla Conca Gelida, ma non è di origine Tevinter. Stile e simbolismo fanno pensare che sia Avvar. La scrittura non era molto diffusa nei villaggi. Opera di un capo o di un augure? All'epoca, pochi "abitanti del bassopiano" si avventuravano nell'area.

I frammenti di vetro lasciano supporre la presenza di templari, in un passato lontano. Campioni pronti da sottoporre all'esame del Professor Kenric.

───────

Icona bug Bug! Questa seconda parte del codice è stata rimossa dal gioco.

"Respiro nella caccia" suggerisce il fatto che gli Avvar fossero ancora in cerca di qualcuno. Immagino qualcuno di importante, altrimenti perché farne accenno qui? Sappiamo che Ameridan entrò in conflitto con le Fauci di Hakkon: e se i due che "rimasero in piedi" fossero proprio Orinna e Haron? Niente di specifico sembra indicare l'alchimista, ma Haron fu uno dei primi templari quando l'ordine venne formato.

Ameridan era in missione, ma possibile che fosse riuscito a superare da solo gli Hakkoniti? Se qualcuno lo avesse aiutato, magari con un diversivo?

I dati raccolti sui compagni di Ameridan basterebbero per un intero capitolo, in caso di pubblicazione. Haron tra i più famosi templari delle origini e amico d'infanzia di Ameridan. Informazioni su Orinna più difficili da ottenere, a causa della scarsa collaborazione del Modellatorio nanico. Secondo alcune teorie, Orinna era una nobile ripudiata di Orzammar. Urgono nuovi elementi.

Appunti fuori posto

Articolo principale: Voce del Codice: Appunti fuori posto

Appunti di uno degli eruditi responsabili della ricostruzione di Haven. Pare facessero parte di una sorta di libro mastro.

Ci sono volute settimane a scrostare pietre imbrattate di sangue. Due sono le cose: o la pietra è più porosa di quanto pensassi o solo il Creatore sa quanto sangue ci fosse. Quanta gente è morta? Per fortuna non ho avuto a che fare con gli altari sacrificali trovati dai primi giunti sul posto. Quelle cose orribili sono state buttate giù da un burrone (o almeno credo), perciò resta solo il problema delle macchie di sangue su muri e pavimenti. Se non verranno via, chiederò che vengano coperte con malta fresca.

A parte questo, devo ammettere che Haven è un posto splendido e lavorando nei sotterranei sono emersi quelli che sembrano appunti di Fratello Ferdinand Genitivi. Fu trattenuto qui per settimane, prima di essere trovato dall'Eroe del Ferelden.

Appunti macchiati di sangue

Articolo principale: Voce del Codice: Appunti macchiati di sangue

Sembrano degli appunti scritti da uno studioso di nome Erwine Cavy. Gli elementi hanno rovinato praticamente tutte le parole.

...ante volte ho cercato informazioni sui dalish solo per scoprire che si tratta di un racconto del Guardiano Gisharel, del clan Ralaferin? Non è possibile che un vecchio guardiano sia la nostra unica fonte di sapere sui dalish. Ci devono essere altri che sanno qualcosa, nei clan dei dalish. Altri punti di vista che...

Gli elfi non possono essere così ostili come tutti credono... Un alone nero copre le parole ...concludo dicendo che è il nostro pregiudizio a parlare, quando ci imbattiamo ripetutamente in quelle menzogne così logoranti...

...al mio ritorno, l'università finalmente accetterà i miei contributi alla storia teodosiana. Ferdinand Genitivi, fatti da parte!

...incredibilmente difficile da trovare. Sto camminando in cerchio. Ma su con la vita, Erwine! È tutto per una buona causa. Ci deve essere qualcuno in questa foresta che può indicarmi la via per raggiungere i dalish. Chiederò alla prima persona che...

Appunti sulle stelle

Articolo principale: Voce del Codice: Appunti sulle stelle

Una raccolta di appunti scritti di getto, con mano vigorosa.

—La luna è sorta qualche minuto più tardi rispetto a una settimana fa. Non credo che si sposti come le stelle. Forse perché è più vicina?

—Wilton ha trovato un'altra stella nella zona meridionale del cielo, vicino a una delle costellazioni del Tevinter. Piuttosto fioca. Il ragazzo ha buoni occhi. La prossima settimana mi faccio aiutare da lui.

—Gli appunti che ho trovato nel libro sono strani. Sembra un cielo diverso. Le stelle a settentrione sono diverse dalle nostre?

───────
Una nota scritta con mano e incerta.

Wilton,

Stavo guardando il cielo quando ho sentito delle grida provenire dal vecchio castello. Sono andato ai cancelli e ho visto delle figure cornute nella nebbia. Di' a tutti quelli che non hanno la piaga di andarsene. Vediamoci sulla via a sud. Possiamo stare da mio cugino al Crocevia del Re.

Ghin

Appunti trovati nel capanno di un mago

Articolo principale: Voce del Codice: Appunti trovati nel capanno di un mago

Un estratto da un manifesto sui diritti dei maghi. La pagina è rovinata, come se fosse stata letta molte volte.

Andraste ha sofferto per mano dei magister. Pertanto, temeva l'influenza della magia. Ma se il Creatore incolpava la magia per le azioni dei magister nella Città Nera, perché allora ce l'avrebbe donata? L'oppressione dei maghi scaturisce dalle paure dell'uomo, non dalla volontà del Creatore.

Più sotto, altre annotazioni personali.

Le paure dell'uomo? Se stessero alla larga, non vi sarebbe paura alcuna. Questo posto è abbastanza remoto.

È strano non sentire voci provenire dall'altra stanza, non sentire gli sguardi puntati addosso. Ma se quello non era il volere del Creatore, questo forse lo è.

Attività nel Palazzo d'Inverno

Articolo principale: Voce del Codice: Attività nel Palazzo d'Inverno

Le note di Charter sono scritte in un codice creato insieme a Leliana nel corso degli ultimi due anni:

Le intenzioni di CM sembrano sincere. Agente presente alla festa di stasera, alla quale parteciperà CM.

VP ha lasciato le note al punto di consegna, come promesso.

Servitore con livrea verde ha lasciato l'ala degli ospiti del palazzo a un orario insolito. Appuntamento segreto?

Il "secondo cugino" di Madame LV è un bardo al servizio del Duca WM.

Messer WG ha intenzione di incontrarsi con Dama GD questa notte. I loro consorti non lo sanno.

Messer RW ha intenzione di incontrarsi con Dama SR questa notte. I loro consorti lo sanno. La moglie di messer RW ha incoraggiato RW a "uscire" con SR, in modo da poter avere "un po' di pace e di quiete".

Bocca degli echi

Articolo principale: Voce del Codice: Bocca degli echi

I selvaggi si rivolgono ai loro dei nel passaggio cavernoso che chiamano Bocca degli echi. Qui accendono fuochi, li alimentano con rami di abete verde e urlano le loro domande nell'oscurità. Dicono che le risposte giungono con l'ultimo eco sussurrato. Superstizioni, abbiamo concluso divertiti. Ma ora Razikale è silente e la follia dilaga. Mi viene da pensare... E se qui il Velo presentasse delle anomalie? Se potessimo occupare la caverna Avvar e usarla per i nostri scopi?

Gli schiavi raccolgono materiali. Innalzeremo un altare al Drago del Mistero. Incastoneremo dei focus nelle pareti e incideremo simboli sacri nella pietra per meglio udire le sue parole. Ascolteremo di nuovo la sua voce... o moriremo.

—Parole scritte con inchiostro rosso sangue su una pergamena rinvenuta alla Bocca degli echi

Bocca di Daerwin

Articolo principale: Voce del Codice: Bocca di Daerwin

Costruito tra le scogliere della Costa Tempestosa, il porto della Bocca di Daerwin un tempo collegava i thaig dei nani al Mare del Risveglio. Oltre ad accrescere gli scambi commerciali tra i nani e i loro alleati nel Tevinter, l'accesso diretto alle Vie Profonde significava che i diplomatici di Orzammar potevano visitare il porto senza il timore di perdere la loro "affinità con la pietra". Divenne quindi un luogo d'incontro molto popolare tra gli ambasciatori delle due nazioni.

Quando i prole oscura costrinsero i nani a ritirarsi a Orzammar, le Vie Profonde che conducevano alla Bocca di Daerwin vennero chiuse e il porto cadde in disuso. O, almeno, non fu più utilizzato dalle persone rispettabili: banditi, contrabbandieri e pirati sono soliti approfittare delle grotte che costellano la Costa Tempestosa, tra cui la Bocca di Daerwin, per i loro traffici.

—Da La Costa Tempestosa e la sua storia di Fratello Vincent, studioso della Chiesa

Bozza di lettera a dei magister venatori

Articolo principale: Voce del Codice: Bozza di lettera a dei magister venatori

Se l'Inquisitore ha reclutato i maghi...
Amici magister,

Ci è stata data l'opportunità di rifarci dopo che uno dei nostri ha deluso Corypheus a Redcliffe. I manufatti nanici nelle tombe sono istruzioni su come riprodurre i capolavori di uno tra i loro più importanti Campioni. Vanno estratti, copiati e portati indietro per ulteriori studi. L'Antico è generoso, ci permette di dimostrare il nostro valore. Non possiamo deluderlo.

Non lesinate sugli schiavi. La rapidità è fondamentale per il nostro successo. Dobbiamo essere un esempio per gli altri venatori, maghi e civili insieme, assecondando le volontà dell'Antico.

Sorvegliante Jullex


Se l'Inquisitore ha reclutato i templari...
Stimati magister,

Mi duole notare dei rapporti piuttosto tesi tra alcuni di voi. Stiamo facendo un grande lavoro qui. I manufatti nanici nelle tombe sono istruzioni su come riprodurre i capolavori di uno tra i loro più importanti Campioni. Dama Calpernia desidera che li recuperiamo in fretta, e sapete bene che parla in vece dell'Antico. Egli ricorda un tempo in cui questo luogo non era una landa devastata. Egli desidera riportarne alla luce i segreti. Noi obbediremo. Con compiacenza. Senza screzi che ci rallentino.

Confido di non tornare più sull'argomento.

Sorvegliante Jullex

Calco alle porte del tempio

Articolo principale: Voce del Codice: Calco alle porte del tempio

Iscrizione presa presso le porte del tempio nell'Oasi Proibita, seguita dalla traduzione. La calligrafia è tremolante e irregolare, come se lo scrittore avesse faticato a completare l'incarico:

Emma solas him var din’an. Tel garas solasan. Melana en athim las enaste.

L'arroganza divenne la nostra fine. Non venite in un luogo altero. Che l'umiltà ci favorisca, ora.

Capanno integro

Articolo principale: Voce del Codice: Capanno integro

Molti esploratori inviati alle antiche rovine riferiscono di aver trovato abitazioni, mobili e addirittura utensili che sembrano risalire a non più di qualche anno fa. Prima degli studi approfonditi sugli spiriti e sull'Oblio portati avanti dai Circoli, si pensava a un semplice fenomeno di contaminazione tra insediamenti di epoche differenti, teoria che ha complicato l'analisi dei flussi migratori ai tempi dell'antico Tevinter e perfino in quelli più recenti.

I nostri fratelli e sorelle dei Circoli dei Magi forniscono una risposta più convincente. Nelle zone in cui il Velo è più sottile, gli spiriti interessati a un particolare evento possono adoperarsi per "preservarlo", nel loro modo notoriamente imperfetto, preservando anche l'area in cui ha avuto luogo. Il capanno di un eretico leggendario può sembrare abbandonato solo da qualche decennio, ricoperto di polvere e mezzo diroccato, quando in realtà risale a una o più epoche precedenti. Questo perché gli spiriti che scalpitano oltre il Velo hanno allontanato i vermi che avrebbero roso le travi e i viticci serpeggianti che avrebbero intrappolato il capanno nella foresta.

Raccomandiamo che tutte le spedizioni storiche su mandato dell'università siano accompagnate da un mago esperto di tali questioni. Solo così sarà possibile evitare gli imbarazzanti errori dei nostri predecessori e donare all'Orlais la vera conoscenza che merita.

—Una lettera in cui il Comitato Storico dell'Università dell'Orlais chiede supporto all'Imperatrice Celene (richiesta archiviata dopo l'inizio della rivolta dei maghi)

Cariche esplosive al lyrium

Articolo principale: Voce del Codice: Cariche esplosive al lyrium

L'estrazione del lyrium non è per i deboli di cuore. È un minerale pericoloso da maneggiare e difficile da trovare, quasi sempre concentrato nelle rocce più dure. Il lyrium è un grosso problema, insomma, ma anche parte della soluzione. Basta inserire la giusta quantità in un fusto, dotarlo di una miccia corta, accendere il tutto e correre via più veloci che si può. L'esplosione può distruggere qualsiasi ostacolo... ma anche i timpani, se non si sta attenti. C'è un detto tra i minatori di lyrium di lungo corso: "Quando il gioco si fa duro, i duri piazzano una carica e fanno saltare tutto."

—Un estratto da Perle di saggezza della casta dei minatori, quarantanovesima edizione

Condotta adeguata all'Inquisizione

Articolo principale: Voce del Codice: Condotta adeguata all'Inquisizione

A tutti i membri dell'Inquisizione:

Mi è stato segnalato che devo ricordare a tutti quanti qual è il comportamento che dobbiamo mantenere durante il Sacro Concilio. È naturale che vogliamo girare a testa alta, ma cercate di ricordare che siamo ospiti della corte imperiale. Dobbiamo comportarci con buona creanza, proprietà di maniere e moderazione.

Se non siete sicuri su come rivolgervi a qualcuno di nobili natali, "mio signore" o "mia signora" saranno formule appropriate.

Se temete di aver violato un qualche misterioso protocollo, parlate con i vostri comandanti. Qualora non fossero disponibili, rivolgetevi pure a me.

Il consumo eccessivo di bevande è fortemente sconsigliato.

Se vi ritrovate coinvolti in una discussione sulle politiche dell'Inquisizione, cercate di uscirne senza creare scompiglio, il più rapidamente possibile. Non prendete parte a dibattiti di questo genere!

In ogni situazione, affidatevi al buon senso e alle buone maniere come guida delle vostre azioni.

Cordiali saluti,
Dama Montilyet

Demoni della Pietra

Articolo principale: Voce del Codice: Demoni della Pietra

Fino a nuovo ordine: non manomettete le torce! Accenderle nell'ordine errato evoca i demoni. Le iscrizioni sui pilastri indicano l'ordine corretto, ma aspettate la convalida delle nostre traduzioni prima di procedere.

Ho creato delle mappe di altre tombe dove vi sono strutture simili. Lo stesso avvertimento vale anche per quelle zone.

Magister Gallus

Più sotto, qualcuno ha scritto formule complicate e diversi appunti.

- Demoni vincolati nelle rocce! Come hanno fatto gli antichi nani senza magia? (Rune del vincolo? Proprietà intrinseche della lavorazione della pietra? Indagare!)

- "Gangue" scolpito sulle pareti. Traducendo l'antico nanico, potrebbe essere "scarto di pietra" o "impuro spirito della pietra". Superstizione nanica. Forse consideravano i demoni come spiriti delle rocce "impuri"?

- Studi impossibili con demoni dormienti. Chiedere aiuto a Sephus e Urathus per il vincolo.

Diari di Maliphant

Articolo principale: Voce del Codice: Diari di Maliphant

Maliphant ha tenuto diversi diari. Questo risale ai tempi in cui era un sergente dell'esercito imperiale.

La morte di Laurent continua a perseguitarmi. L'uomo che l'ha uccisa, uno dei soldati dell'usurpatore, mi era familiare. Forse una volta abbiamo addirittura bevuto insieme. Suppongo sia normale nelle lotte fratricide come questa.

I sacerdoti mi dicono di ricordare la vita di Laurent, non la sua morte. Così la mia mente torna agli ultimi anni, alle innumerevoli volte in cui mi ha salvato la vita. E al giorno del nostro primo incontro, quando ero una giovane recluta che quasi se la faceva addosso quando lei sbraitava i suoi ordini. Grazie a lei, sviluppai controllo e disciplina. Mi rese orgoglioso di ciò che facevo. Mi insegnò l'arte della spada. Ma, soprattutto, mi insegnò a tenerla nel fodero.

Era impavida. Forte. Regale. Ed è stata uccisa come una semplice popolana da qualcuno che forse conoscevamo. Celene si ricorderà di lei? Almeno qualcuno se ne ricorderà?

Qualche pagina dopo:

Un nuovo soldato si è aggiunto al nostro battaglione: Gordian. Tipo strano, con un accento che non riesco a distinguere. Pare abbia trascorso diverso tempo nei Liberi Confini, ma poco importa. Gli sono riconoscente per avermi ascoltato parlare dei nostri caduti. Anche lui ha perso degli amici nella guerra di Celene. Ed è stanco, come tutti noi. Ha detto una cosa molto saggia: "Senza soldati, non esistono guerre". Se ci rifiutassimo di combattere, l'imperatrice non potrebbe muovere guerra a nessuno.

L'Orlais deve appartenere agli orlesiani.

───────

Maliphant ha tenuto diversi diari. In questo racconta la nascita degli Uomini Liberi delle Valli.

Io e Auguste abbiamo creato degli avamposti alle Tombe di Smeraldo e informato entrambe le fazioni. Ne ho abbastanza di veder morire ottimi orlesiani e orlesiane per una causa altrui. Questa storia deve finire. Orlais deve appartenere a noi, al popolo che ne difende i confini e ne coltiva i campi. Se dobbiamo combattere e uccidere, che sia per questo e null'altro.

Qualche pagina dopo:

I templari ci hanno contattati. Non sono l'ordine che ricordavo e hanno offerto armi e denaro se li aiuteremo a portare i loro rifornimenti attraverso le Tombe di Smeraldo. Dobbiamo accettare o le Valli non saranno mai libere dal giogo della nobiltà. È un patto con il diavolo, me ne rendo conto, ma la causa viene prima di tutto.

───────

Maliphant ha tenuto diversi diari. Questo sembra piuttosto recente.

Non so più cosa stiamo facendo. All'inizio, i nostri cuori erano puri. Mi chiedo se abbiamo smarrito la via. I templari sono... spaventosi. Parlare con il loro alto-capitano mi mette terribilmente a disagio. Il suo sguardo, la sua voce... mi turbano oltre ogni dire. Continuano a proporci altri carichi da proteggere, altri uomini da scortare alle loro fortezze. Io non...

No.

Inutile lamentarsi. Non devo mostrare alcuna incertezza. Gli altri dipendono da me: devo farmi forza e continuare a ispirarli. Un ultimo sforzo e otterremo ciò che vogliamo. Saremo liberi.

Diario ammuffito

Articolo principale: Voce del Codice: Diario ammuffito

Muffa e umidità hanno consumato buona parte delle pagine di questo libro. La pergamena è ricoperta di una calligrafia spigolosa, caratterizzata da termini arcaici e peculiari:

... Lo vidi attraverso il Volca, colui che trascina le anime nel profondo, verso gli strati più oscuri del gelido buio. La sua belva preda insieme umili e potenti e il custode della torre dichiara che riposerò qui, se mi darà tregua. L'elfo, colui che mi ha strappato dalla fine, afferma di essere l'ultimo della sua genia. Gli ho rivelato degli elfi che dimorano nel sud, ma non sono coloro che cerca. Gli ho detto che era in errore ed egli ha riso come dinanzi a uno scherzo. Calate le tenebre, mi ha mostrato uno strano specchio, un "Eluvian", che ha giurato essere nella sua famiglia da...

Diario dei venatori macchiato di sangue

Articolo principale: Voce del Codice: Diario dei venatori macchiato di sangue

Le annotazioni su questo diario si alternano tra una scrittura elegante e rotonda e una scrittura piuttosto inclinata.

Non mi sarei mai aspettato di trovare una tale tranquillità. Niente folle blateranti, niente fastidi. Sarei dovuto nascere in campagna. Mi spiace solo aver appreso di essere qui per verificare delle traduzioni. Un lavoro infame. Ma la sera ho tempo per i miei studi senza distrazioni o la paura di essere tacciato di eresia per le mie letture.

È il momento di dimostrare le mie capacità.

───────

L'Antico ha vincolato spiriti con vette di magia che pensavo non potessero essere raggiunte. Si parla di lui come del futuro dio. Certamente, non può più essere considerato un mortale.

Cosa deve fare un uomo per diventare così?

Ottima domanda. Crogiolarsi nella sua gloria dovrebbe essere sufficiente. Tuttavia, la mia curiosità non viene saziata.

───────

L'Antico trae il suo potere dai demoni? Ho imparato molto riguardo la loro evocazione e il successivo vincolo. Fui sorpreso di trovare molti volti noti del Circolo tra i venatori, ma loro parlano liberamente di riti e rituali proibiti nell'Impero.

Offrono così tanto potere, per così poco sangue.

Ma non devo avere fretta. Anche se la tentazione è forte.

Non sono forse migliorato?

Non posso distogliere l'attenzione da me stesso. Partiremo dopo aver scoperto questi manufatti nanici. Non siamo qui per praticare incantesimi di vincolo a nostro piacimento.

Anche se qui sarebbe piuttosto facile, in un luogo dove il Velo è così sottile.

───────

Sono stanco di questa paura. Stanco dei danni che potrei causare a me stesso. Stanco di perdere opportunità interessanti.

Non devo pensarci.

Vincolare un demone molto potente è rischioso...

Ma le mie capacità sono migliorate.

Cosa devo fare per dimostrare agli altri quello di cui sono capace? Cosa posso offrire!

Sono un mago dell'Impero e rivendico il mio diritto di nascita. Gli spiriti attraverso il Velo conosceranno la mia potenza e si inginocchieranno. O li costringerò a farlo.

Diario del Custode Ailsa

Articolo principale: Voce del Codice: Diario del Custode Ailsa

È la prima volta che scrivo un diario. L'avrei fatto prima, se i Custodi me ne avessero lasciato il tempo. Comunque sia, ora sto morendo e non ho nessuno con cui parlare. Sono sola, con la musica nella mia testa che si fa sempre più forte. Mi sono sempre chiesta come un Custode capisse di sentire il Richiamo. L'ho domandato a Lyam, dopo qualche boccale di troppo. "Lo capirai", ha risposto. E l'ho capito.

Dapprima era solo un sussurro. Come un cigolio che sparisce con qualche goccia d'olio. Poi, però, non ho sentito altro che la musica. La sentivo quando brandivo il bastone, quando mi tergevo il sudore sulla fronte. Era nella risata di Lyam e mi perseguitava in sogno. Non saprei descrivere quel suono, quel canto, ma è come un veleno che divora la mente e consuma il corpo.

Sono venuta qui a morire. "Nella morte e nel sacrificio." Ma voglio lasciare il segno.

───────

Mi sono fatta largo tra l'orda dei prole oscura, trovandone sempre di più man mano che scendevo in profondità. Ma le Vie Profonde, che per me significavano soltanto Prole Oscura, rovine naniche, caverne e morte, vanno ben oltre le mie aspettative. Qui sotto c'è un intero mondo sotterraneo. Oggi ho visto delle piante con venature di lyrium. E mi sono immersa nell'acqua limpida e fresca di un lago, con cauti animali grandi e piccoli che non avevo mai visto. Non posso essere il primo Custode ad ammirare queste meraviglie.

───────

Ieri mi sono lasciata distrarre da tutte queste novità. Era ieri...? Ho abbassato la guardia, troppo sicura di me. È normale, quando sai che la morte è inevitabile. Fatto sta che ho visto qualcosa di orribile, anticipato da un tanfo inequivocabile: cadaveri. Hurlock, genlock e altre creature che non riconoscevo. Mutilati, torturati e gettati nelle fosse.

Sono scappata via. Non mi sono accorta del buco. Ho le gambe spezzate. Dovrebbero farmi male, ma non sento nulla. A parte la musica, troppo forte. E la fame.

Posso ancora strisciare. Non voglio morire così.

Diario del Professor Arberg

Articolo principale: Voce del Codice: Diario del Professor Arberg

Mi aspettavo di trovare volumi rovinati dal peso dei secoli, la copertina sciupata e il dorso sbrindellato. Invece i Ricordi non sono scritti su fragili pagine. Sono rune create con il lyrium. Simboli eterni che splendono come se dotati di vita propria e del dono della parola. I Modellatori li trattano con una deferenza che ricorda quella delle somme sacerdotesse. In fondo, parliamo dell'intera storia di una civiltà, catalogata e archiviata per le future generazioni.

O meglio, quasi l'intera storia. La mia guida ha spiegato che non sono citati i nomi delle casate di superficie, neppure di quelle più importanti. I senza casta sono cancellati dai Ricordi perché esclusi dalla società di Orzammar e colpevoli di aver rinnegato la Pietra. Lo trovo francamente eccessivo, ma i nani sono noti per non apprezzare le mezze misure.

Ho potuto accedere solo a una piccola parte degli archivi dei Modellatori, ma penso di averli impressionati con la mia grande conoscenza della genealogia nanica.

Diario dell'Eretico Widris

Articolo principale: Voce del Codice: Diario dell'Eretico Widris

Questo corposo diario è per metà indecifrabile. Le parti leggibili sono macchiate d'inchiostro, come se l'autore le avesse scritte di fretta.

In quel libro c'erano anni di appunti. Anni! Chi potrebbe averlo preso? O decifrato? Forse qualcuno del Circolo mi ha seguito? Scommetto Wernam o Clariss! Sono sempre stati gelosi. Se vedessero quello che ho fatto e i demoni che ho dominato, diventerebbero verdi d'invidia. Chi ha paura degli spiriti adesso, maledette pecore?

Ma io devo riavere il mio libro. Scriverò di nuovo il cifrario, prima che mi dimentichi. Di nuovo. Quei demoni sono intelligenti. Non posso permettere loro di chiedermi qualcosa in cambio per decifrare i miei stessi appunti. Gli intrugli che posso creare con le piante qui, in quantità sufficiente, apriranno la mia mente per la vastità dell'Oblio. I demoni dicono che è al di sopra delle mie possibilità, ma solo perché vogliono demotivarmi. È chiaro. È così chiaro.

Diario di Gardner

Articolo principale: Voce del Codice: Diario di Gardner

Su questa raccolta di formule e decotti fatti in casa c'è scritto, in calligrafia molto fine, "Proprietà di Ira Gardner". Sull'ultima pagina ci sono queste parole:

I primi sintomi della piaga sono tosse e pallore, come se il sangue non raggiungesse la cute. La radice elfica allevia la tosse, ma non è efficace contro la febbre. È qui che entra in gioco l'erba esile. Quella che ho piantato vicino al vecchio capanno è cresciuta in fretta. Sembra attecchire meglio nel suolo asciutto. Domani proverò a creare un unguento.

Diario di Gurd Harofsen

Articolo principale: Voce del Codice: Diario di Gurd Harofsen

Pagine di un vecchio diario. Il testo è appena leggibile e scritto con linguaggio elementare:

Mi hanno detto di non andare, ma io l'ho fatto. Non mi piacevano le montagne. Il villaggio di Leone Rosso attacca per capre e galline. Nel bassopiano ci sono battaglie migliori. Sono alto e forte, e dicono che sono un grande guerriero. Con le mie storie ho conquistato molte donne. Perché dovrei tornare?

Molte pagine risultano strappate o cancellate fino alla successiva sezione leggibile:

La Prole Oscura ha colpito Leone Rosso. L'ho sentito dire in una taverna di Redcliffe. Il Flagello ha preso la terra. La Signora non manda messaggeri ai corpi toccati dal Flagello. Il mio popolo non avrà pace.

Maledico la Signora. Maledico Korth. Maledico tutti gli dei che hanno permesso la caduta di Leone Rosso. Il mio popolo ha fatto i rituali, ha cantato gli inni. Perché gli dei hanno abbandonato Leone Rosso?

Ho lasciato i mercenari con cui viaggiavo. Hanno capito. Il Flagello ha colpito anche il loro popolo.

Seguono altre pagine illeggibili, poi il diario prosegue così:

Ho preso i superstiti con me. So spostarmi meglio di loro. Il thane è morto, ma tanti guerrieri sono vivi. La malattia del Flagello ha ucciso molti. Anche Harof Narratore di storie. I vivi dicono che hanno chiesto aiuto al bassopiano, ma il bassopiano ha lasciato morire Leone Rosso.

Dobbiamo trovare un modo. Non abbiamo bisogno di Korth né della Signora, che ci hanno abbandonati come ha fatto il bassopiano. L'unico dio che perdono è Hakkon, perché si racconta che è stato rubato dal bassopiano quando le Fauci di Hakkon l'avevano vincolato alla carne e alle ossa.

Leone Rosso non esiste più. Adesso siamo le Fauci di Hakkon. Non costruiremo dimore, perché le dimore possono morire. Faremo tornare Hakkon, e il bassopiano tornerà a temere gli Avvar.

───────

Pagine di un diario abbastanza recenti:

Abbiamo cercato per mesi, senza trovare nulla. Le leggende parlano di questa zona, ma gli abitanti di Roccia Ursina, un villaggio di pescatori e allevatori di galline, vivono qui da generazioni e non hanno mai visto niente. Se anche noi non vediamo niente, dobbiamo proseguire oltre. Non lascerò morire la mia gente. Se non andiamo, moriremo tutti.

Dopo numerose pagine strappate, ecco un'altra parte leggibile:

L'abbiamo trovato. Hakkon in persona ci ha dato il benvenuto. Un'antica fortezza del Tevinter, difesa da un muro di ghiaccio. Intatta, perché neppure gli abitanti del bassopiano sono riusciti a violarne le mura. I nostri maghi, grazie ai doni ghiacciati di Hakkon Silente, hanno aperto una breccia nel muro, giusto il tempo di lasciarci entrare.

Il muro resiste al fuoco comune. Neppure le fiamme dei nostri maghi sciolgono il ghiaccio incantato. Siamo al sicuro. I segnali a nord conducono a un altare che secondo i nostri maghi è impregnato di magia. Ho inviato dei guerrieri a proteggerlo, nel caso ospiti uno spirito capace di abbattere questo muro con la magia del bassopiano.

Abbiamo trovato Hakkon, costretto al silenzio dove il guerriero del bassopiano l'ha intrappolato molte ere fa. I nostri sforzi non sono stati vani. Erano una prova.

Hakkon tornerà.

───────

Pagine di un diario, scritte molto di recente:

Il guerriero del bassopiano ha intrappolato il nostro dio con uno strano maleficio che i nostri maghi non riescono a capire. Dicono che il tempo si è aggrovigliato, creando nodi dentro altri nodi. Dicono che forse è stata l'antica magia del Tevinter di questo luogo a renderlo possibile, spiriti e antichi poteri del Tevinter come sangue e vino.

Lo spirito di Hakkon rimane dentro il drago. Questo è sicuro. Le leggende dicono che le Fauci di Hakkon l'hanno domato come una bestia sacra e nutrito con erba demoniaca e altre piante che i guaritori usano per chiamare gli spiriti. Non possiamo annullare la magia che vincola il drago, ma forse possiamo evocare lo stesso Hakkon e vincolarlo in un'altra bestia degna di lui.

La bestia sacra di Leone Rosso è morta con sangue genlock tra le fauci. Una buona morte, ma comunque una morte. In quanto Fauci di Hakkon, non abbiamo una bestia sacra, ma quei gracili sciocchi di Roccia Ursina ne hanno una addomesticata e pronta.

Dopo numerose pagine illeggibili:

L'Inquisizione maledetta dall'inverno è qui. L'orsa è libera e la magia del Tevinter ha infranto il nostro muro di ghiaccio. Non abbiamo tempo né bestie.

Mangerò io stesso le erbe. I maghi dicono che forse non sono abbastanza forte per contenere l'immenso spirito di Hakkon. Preferisco morire, piuttosto che fallire. Non abbandonerò la mia gente. Porterò la morte nel bassopiano.

Questa volta, le Fauci di Hakkon vinceranno.

Diario di Kolg

Articolo principale: Voce del Codice: Diario di Kolg

Una pagina strappata da un diario:

"Kolg, cieco alla Pietra!" cantavano. Le loro sudice dita mi schiacciavano la faccia per terra, strappandomi la carne dall'orecchio e facendomi sanguinare. Due pollici mi perforavano gli occhi. Le loro voci erano forti. Potenti. Ma non come la sua. Quella della Pietra. Quando mi abbandonarono nella quieta oscurità, lei era ancora al mio fianco. La sua lieve cantilena mi indicò la via della redenzione: un canto tutto mio.

Guidato dall'amore della Madre, raccolsi la roccia del canto. Dicevano che mi avrebbe avvelenato, ma sapevo che la Madre non l'avrebbe consentito. Ero suo figlio. La melodia racchiudeva segreti destinati soltanto a me.

───────

La pagina insanguinata di un diario:

Il canto è morbido, ma difficile da spezzare. Sento le parole. Riesco perfino ad assaporarle. Ma non a pronunciarle. Forse la Madre vuole che mi cavi i denti.

───────

La pagina accartocciata di un diario:

La Madre mi culla mentre dormo. È calda. Tanto calda. Sento il suo ritmo bruciarmi la gola, finché i minatori e le loro grosse mani crudeli sono un lontano ricordo. Kolg è un ricordo. Io sono il figlio. Ondate di parole. Mi lascerò investire. Affogherò in esse. Per lei.

───────

L'ultima annotazione in un diario macchiato, con molte pagine mancanti:

Il canto della Madre fuoriesce da me. Fuoco liquido che sgorga da occhi, bocca e orecchie. Mi sono offerto a lei, per diventare un verso del suo canto. Finalmente sono compiuto. Non si è mai trattato delle parole, solo del canto.

Diario di Messer D'Onterre

Articolo principale: Voce del Codice: Diario di Messer D'Onterre

Questa annotazione è datata 9:27 Era del Drago.

Il templare del Circolo esige un nuovo pagamento. Quell'avido bastardo. Per tutti questi anni ci ha sfruttati solo perché volevamo preservare il buon nome della nostra famiglia. Ha promesso di zittire la maga al suo ritorno al Circolo... ma questo non ci protegge dal templare.

Però mi domando se questo sia sufficiente. Temo di no. La maga era potente. Perfino io riuscivo a capirlo. È stato terribile. Impossibile che la ragazzina riesca a fuggire. Non è neppure addestrata. Finché resterà là dentro, non ci sarà nulla di cui preoccuparsi.

Nessuno verrà mai a saperlo.

Diario di Tog

Articolo principale: Voce del Codice: Diario di Tog

Dovevo ascoltare Darya e limitarmi a fare il mio dovere, a testa bassa. Mi aveva detto che a Karshol non piacciono le domande. Ma ho sempre sentito parlare di Orzammar. Se non fosse stato per mia madre e il suo vizio per il gioco d'azzardo, sarei cresciuto laggiù. La divisione del nostro popolo è più grande della distanza che separa Orzammar dalla superficie. Darya mi aveva messo in guardia: perfino gli straccioni si sentono superiori agli osservanuvole come me.

Nascere in superficie non è stata una mia scelta. Non so neppure cosa sia la sensibilità alla Pietra. Per questo mi incuriosisce così tanto. In superficie se ne parla come se fosse una specie di magia. Si dice che la Pietra guidi i suoi figli fino alle vene di lyrium, che li protegga dai crolli e che sussurri alle madri incinte il destino dei futuri nascituri. Secondo Karshol, la vera natura della sensibilità alla Pietra è molto più mondana. È vero che i minatori possono udire il flebile canto del lyrium, ma nessuno ha mai parlato con la Pietra. Si tratta, più che altro, di un legame grazie al quale riescono a percepire un passaggio prima di raggiungerlo, o ad attraversare le Vie Profonde senza il rischio di smarrirsi per sempre.

La mia delusione deve essere stata evidente. Dopo avermi chiesto se avevo altre domande, Karshol mi ha colpito così forte da rompermi il naso.

È stato un viaggio a vuoto.

Diario di un Custode Grigio

Articolo principale: Voce del Codice: Diario di un Custode Grigio

Abbiamo setacciato la zona, ma non ci sono tracce. Se era qui, è stato tempo fa.

I pescatori della zona sono amichevoli. A differenza di altri, ricordano di come i Custodi Grigi hanno combattuto per salvare il Ferelden durante l'ultimo Flagello. Non avevano molto, ma quel poco lo hanno condiviso per donarci una cena decisamente migliore di quelle delle ultime settimane. Si sono perfino stupiti quando hanno visto che ero io a capeggiare gli altri Custodi. Sono in pochi quelli che nel Ferelden accetterebbero di guardare un elfo che comanda degli uomini.

È gente amichevole. Dopo tutte le sofferenze patite da questa terra, spero davvero che riescano a trovare un po' di pace.

───────

Ancora nessuna traccia di lui, nonostante senta i prole oscura nella terra sotto i miei piedi. Che li stia braccando, forse per prepararsi a morire con onore? Ne dubito, ma è l'unica traccia che abbiamo. Confesso che a volte mi sembra di brancolare nel buio, considerata la posta in gioco.

Abbiamo visto dei banditi importunare i pescatori, così siamo intervenuti. I pescatori ci hanno ringraziato, anche se temo che i banditi torneranno ancora e in gran numero. E noi non saremo sempre qui ad aiutare. Ciononostante, finché ci siamo, i pescatori sono al sicuro.

I sogni continuano, come ogni notte. Il nostro sonno è agitato, ma dobbiamo andare avanti. Forse, per quando torneremo, gli altri avranno trovato una soluzione. Nel frattempo, intono la canzone di Andruil, per liberare la mente.

───────

Sono sempre più convinto che se mai fosse stato qui, adesso non lo è più. Tuttavia, non dobbiamo cedere alla pigrizia. Del resto, è sempre uno dei nostri guerrieri più abili. Se ci fosse qualcuno che può nascondersi qui, quello sarebbe lui.

Uno dei pescatori è molto abile con la lancia e, gettando reti tutto il giorno, ha le spalle di un toro. Mi ha chiesto di entrare nei Custodi Grigi. In altre circostanze, mi avrebbe fatto piacere reclutare un volontario così ardimentoso. Purtroppo, al momento non dovrei assoldare nuove reclute, date le circostanze. Rimane comunque una persona interessante e chiaramente desideroso di conoscere di più sui dalish.

I prole oscura sono più chiassosi di quanto immaginassi. Il mormorio costante che sussurra nella mia testa rende difficile la loro individuazione, al contrario del solito, ma li sento vicini alla superficie. Forse i banditi non sono i nemici peggiori che questa gente deve affrontare.

───────

Lui non è qui. Abbiamo cercato con perizia, ma adesso procederemo. Quanti giorni abbiamo perso qui, con i sussurri nella testa, dietro a questa assurda ricerca? Speriamo di avere maggiore fortuna al sud.

Dopo averne parlato con gli altri Custodi, ho detto ai pescatori che abbiamo sentito i prole oscura sotto la terra. Forse non usciranno oggi o domani, ma temo che non passerà molto tempo. E, quando avverrà, noi non ci saremo. I pescatori non hanno preso bene la notizia, ma hanno deciso di spostarsi sui Colli Occidentali, zona al momento sicura.

Per quanto riguarda il pescatore interessato a unirsi a noi, l'ho convinto che non era il momento. Forse gli altri gli hanno detto il contrario, ma è troppo giovane per sacrificarsi solo perché non vuole gettare reti tutta la vita. Ci siamo accampati intorno al fuoco un'ultima sera. Si è allontanato con un sorriso, canticchiando la canzone di Andruil.

— Da pagine strappate da un diario, trovate sulla Costa Tempestosa


Il testo seguente si basa su un contenuto rimosso dal gioco che non è stato ancora confermato da alcuna fonte ufficiale. Avviso

Diario di un Custode Grigio 2

Articolo principale: Voce del Codice: Diario di un Custode Grigio 2

La mia nuova amica nanica, salroka nella sua lingua, è piuttosto particolare. In passato ho conosciuto altri nani, dato che perfino quelli di Orzammar possono unirsi ai Custodi, ma Ezne è un caso speciale. Parla apertamente della cultura nanica e di casa propria. Non ha neppure la cocciutaggine tipica del suo popolo.

Le ho chiesto della Pietra. Mi ha sempre affascinato il fatto che i nani si considerino suoi figli. Quando le ho chiesto se si potesse tracciare un paragone con Mythal, Ezne ha sorriso e ha iniziato a spiegarmi pazientemente che la Pietra non è una divinità, e neppure un essere in senso stretto. La Pietra è la terra sotto i nostri piedi, la caverna che ci ospita e le pareti rocciose che ci circondano. Lyrium, gemme e piante sotterranee sono i suoi doni per i nani, i quali però non la venerano. O almeno non come mio padre invocava Andruil prima di andare a caccia, o come il Custode Bryland sussurrava il Canto della Luce dopo una battaglia. Tuttavia, ho trovato commovente la profonda deferenza che traspariva dalle sue parole. Forse è proprio l'intangibilità della Pietra a renderla tanto degna di rispetto. In quel momento ho iniziato a capire perché molti nani restano a Orzammar nonostante la minaccia della Prole Oscura.

Eppure Ezne ha scelto di andarsene e mi sono permesso di chiederle il motivo. "I nani sono figli della Pietra, ma io desideravo vedere il cielo", mi ha risposto con un sorriso amaro.

Diario di un minatore

Articolo principale: Voce del Codice: Diario di un minatore

Tratto dal diario di un minatore sconosciuto, datato 9:38 Era del Drago:

3 Nubulis

Didot vuole sapere cosa significa. Tutti lo vogliamo, no? Ma lui è nervoso. Testa bassa, lavorare come gli altri e stare zitto. Non gli serve altro.

───────

13 Nubulis

Lo sente. So che è così. Lo capiamo tutti. E insiste. Io non voglio parlarne. Non voglio nemmeno sapere cosa significa. La magia malvagia è meglio lasciarla dov'è. Non basta questa come risposta? Ma lui pensa che ci sia dell'altro. È nella sua testa e non vuole cedere.

Ancora nug per cena. Questa giornata è interminabile.

───────

4 Nubibasse

Didot era sulla piattaforma dietro la pozza. Che cosa ci faceva lì? Che cosa sa? Se lo disturba...

Nicco con Didot non ci parla proprio. Ha cambiato turno per non lavorarci insieme. Dovrei fare lo stesso.

───────

24 Nubibasse

Il capo dice che il suo capo a Val Firmin invierà qualcuno a supervisionare le operazioni. Non sembra una cosa di routine. Didot adesso parla in modo strano. Troppo tempo passato alla porta.

Ancora nug per cena. Magnifico.

───────

1 Marea dei Fiori

Che il Creatore mi perdoni, ma la mancanza di Didot è un toccasana. Mi spiace per la moglie.

Diario di una levatrice

Articolo principale: Voce del Codice: Diario di una levatrice

Questo diario consunto dal tempo è stato rinvenuto in mezzo a oggetti di maggior valore. È rilegato in pelle con finiture in argento. Forse per questo non è stato gettato via. Alcuni paragrafi sono ancora leggibili.

16 Cassus, 9:8

Questo è l'inverno più freddo di cui ho memoria. Perfino il fiume è gelato. Nessuno dovrebbe stare là fuori, non nel mezzo di questa tormenta. Potete immaginare la mia sorpresa nel sentire bussare alla porta. È una giovane donna. Sta cercando la Casa delle Rive Lievi. Esco e le dico: "Questo tempo è davvero inclemente. Comunque, sì, sei nel posto giusto." Apre il soprabito e noto il suo stato interessante, dev'essere a due settimane dal parto. "Vi prego, aiutatemi." La giovane è quasi in lacrime. La porto in casa e la faccio accomodare accanto al fuoco, offrendole del tè e un paio di pantofole.

È giovane, forse non ha più di vent'anni. Le sue mani sono delicate, di qualcuno che non ha mai lavorato un giorno della sua vita. I suoi abiti sono rovinati dal viaggio, ma di ottima fattura. Il mantello deve valere almeno cinquanta reali. Di un blu bellissimo, con inserti di pelo di volpe.

Si chiama Bernice, ma non dice di più. Sono in molte le giovani che vengono qui senza rivelare troppo sul proprio conto. Lo capisco.

───────

25 Cassus, 9:8

Bernice ha avuto il bambino. Un maschietto! In buona salute e con la testa piena di capelli! L'ha chiamato Evariste. Voleva pagarmi con un medaglione d'oro, con impresso un falco. Le ho chiesto che cosa fosse. Sembrava di valore. Ha detto che apparteneva a suo padre e che non le interessava più tenerlo. Le ho detto che non era il caso e che forse un giorno suo figlio avrebbe voluto conoscere le sue origini.

───────

1 Verimensis, 9:9

Un nuovo anno. Bernice dovrebbe essere abbastanza in forze per partire, ma fa ancora molto freddo. Le chiederò di restare e farmi da assistente. Era da un po' che avevo bisogno di una mano. Le mie dita non sono più agili come una volta. È una ragazza sveglia. Sarà un'apprendista modello.

Diario impregnato d'acqua

Articolo principale: Voce del Codice: Diario impregnato d'acqua

Un diario trovato nella Palude Desolata. Una pagina bagnata, datata dieci giorni fa, è ancora leggibile.

Quel maledetto tetto perde ed è una settimana che mangio radici bollite. Stare in questa palude non è il massimo, ma è sempre meglio dell'enclave. È stata l'ultima volta che ho visitato una città. È passato molto tempo.

Mi preoccupano i Gardner. Quando sono partito non erano malati, ma adesso hanno tutti la febbre. E il loro piccolo è a un passo dalla morte. Nigel Marsh ha detto che dovremmo rinchiuderli nella loro casa, quel viscido. Forse posso portare qualcosa che li aiuti. Cos'è che cura la febbre? Radice mortale o radice elfica? Non può essere la radice mortale. O sì?

Meglio chiedere a Ira qual è quella giusta.

Diario privato di Sandal Feddic, NON LEGGERE!

Articolo principale: Voce del Codice: Diario privato di Sandal Feddic, NON LEGGERE!

2 Parvulis, 9:41

Incantamento? Incantamento.

───────

19 Frumentum, 9:41

Incantamento! Incantamento!

───────

11 Umbralis, 9:41

Incantamento... incantamento?

───────

15 Cassus, 9:41

Incantamento!!! ...Incantamento?

───────

7 Verimensis, 9:42

Incantamento.

───────

30 Verimensis, 9:42

INCANTAMENTO?!


Incantamento.

───────

5 Pluitanis, 9:42

Incantamento... incantamento!

21 Nubulis, 9:42

Incantamento?

16 Eluviesta, 9:42

Incantamento! Incantamento. Incantamento?

Diario rilegato in pelle di un Hakkonito

Articolo principale: Voce del Codice: Diario rilegato in pelle di un Hakkonito

Thane Harofsen è convinto di capire le parole degli abitanti del bassopiano, come se gli auguri non avessero imparato a leggere le rune che raccontano le storie per studiare la loro antica magia. È ingenuo, ma senza di lui le Fauci di Hakkon non esisterebbero. Ci sono momenti in cui una comunità ha bisogno di uomini ingenui, ma ben armati.

In passato, le prime Fauci di Hakkon hanno parlato con il grande spirito in persona. Egli ha aperto i loro occhi affinché vedessero le pietre elfiche nascoste nel mondo, e così sono entrati nell'antica caverna per apprendere i misteri dell'inverno. Con la maestria del freddo hanno superato la barriera che protegge la fortezza degli abitanti del bassopiano, e noi dobbiamo fare altrettanto se vogliamo rivendicarla.

Con noi, Hakkon ha sempre taciuto. Non può parlarci in sogno né aprirci gli occhi, e non possiamo vedere le pietre elfiche. Gli abitanti del bassopiano, invece, hanno trovato un nuovo modo. Il teschio di una vittima dei sogni, con le magie appropriate, può rendere visibili le pietre elfiche.

Anche noi apprenderemo i misteri dell'inverno.

Dispaccio della corona del Ferelden

Articolo principale: Voce del Codice: Dispaccio della corona del Ferelden

Se Alistair e Anora governano insieme...
Al nostro onorevole amico, Arle Teagan,

Grazie per aver preso parte al Sacro Concilio. Affidiamo a voi le speranze del Ferelden e il compito di lottare per la sicurezza dei nostri confini. Invieremo messaggeri ogni giorno, in modo da mantenere i contatti mentre vi occuperete di questo incarico.

Che il Creatore sia con voi. Re Alistair e Regina Anora del Ferelden

Una nota è stata aggiunta, in modo leggero, in fondo alla pagina:
Buona fortuna, zio! Se c'è qualcuno che vorrei vedere lì al mio posto, sei sicuramente tu. A dire il vero, avrei preferito mandarci chiunque, pur di non doverci andare io, ma grazie per aver accettato l'incarico.


Se Anora governa da sola o con l'Eroe del Ferelden...
Onorevole Arle Teagan,

Che chiunque legga questa lettera sappia che voi parlate in nome del regno del Ferelden. Le vostre parole sono le mie e le decisioni che prenderete hanno il supporto della mia persona e di tutti i sudditi della corona.

Siete stato un amico fedele e siamo lieti di affidarvi la nostra fiducia e la nostra benevolenza.

Che il Creatore sia con voi, Regina Anora del Ferelden


Se Alistair governa da solo o con l'Eroe del Ferelden...
Zio Teagan,

Ho letto la vostra prima lettera. Potete essere certo che Orlais saprà fare la sua parte. Voi avete già fatto cose del genere, per cui sapete come agire. Se avete bisogno di qualcosa, mandate un messaggero; vi invierò immediatamente qualcuno.

Cordiali saluti, Re Alistair del Ferelden

Qualcuno, presumibilmente Sua Maestà, ha disegnato una figura stilizzata schiacciata da un'enorme corona, in fondo alla pagina.

Dispaccio ripiegato

Articolo principale: Voce del Codice: Dispaccio ripiegato

Capitano Lowen,

Non voglio che tra i soldati serpeggi il malumore perché Sua Eccellenza Corypheus ha scelto dei Custodi Grigi per formare la sua guardia d'onore piuttosto che i suoi fedeli templari. Non siamo tenuti a comprendere la sua volontà, ma soltanto a eseguirla.

Inoltre, il Maestro è ancora irritato per le decine di Custodi Grigi schiavizzati che l'Inquisizione gli ha sottratto ad Adamant. Consiglio ai tuoi soldati di non farne il minimo accenno.

Tenente Keldon

Documenti della Rocca di Suledin

Articolo principale: Voce del Codice: Documenti della Rocca di Suledin

Sappiamo qualcosa su quell'Imshael? Da dove è sbucato? Perché dobbiamo obbedirgli? Non fa parte del nostro ordine, per quanto ne so e in lui c'è qualcosa che non mi convince.

—Hayden

───────

Hayden,

Sei il solito diffidente. Calmati. Dicono che Imshael abbia soltanto il compito di controllare la crescita del lyrium rosso alla cava. Sostiene la causa e questo è ciò che conta.

Occupati solo del tuo lavoro e non ostacolarlo.

—Conall

───────

Dal diario di un templare rosso:

Ormai fatico a scrivere. Provo un forte dolore alle mani ogni volta che le muovo, come se avessi dei pezzi di vetro conficcati nelle dita. Se mi guardo allo specchio, non mi riconosco più. Proprio com'era successo al Tenente Erasmus. Sembrava un cadavere ambulante, il suo volto era una maschera di morte. Nelle sue vene scorreva lyrium rosso, non più sangue. L'aveva ucciso, ma al tempo stesso lo teneva in vita.

Non ce la faccio più. Mi ha dato potere, ma tutto questo va contro ciò che mi è stato insegnato. A volte mi faccio trascinare dall'entusiasmo, ma in cuor mio ricordo chi ero e in cosa credevo.

Alcuni dicono che Imshael possa curarci. Che possa espellere il lyrium rosso dai nostri corpi, se glielo chiediamo. C'è un prezzo da pagare. Lo pagherò. Qualsiasi cosa, pur di tornare me stesso.

───────

Dagli scritti dell'Alto-capitano Fornier:

Arrivammo sugli Altopiani di notte. Mi fu subito affidato il compito di gestire l'acquisizione e la manovalanza della Cava di Sahrnia. Chiesi al generale il perché di una cava, dal momento che i cristalli crescono ovunque. Evidentemente, l'Antico ritiene che la composizione del suolo assicuri una crescita più rapida e abbondante. Non ho chiesto cosa lo inducesse a crederlo. Al generale non piacciono le domande. Forse non lo sa.

Alcuni dei miei uomini pensano che dovremmo prendere la cava con la forza. Il generale non ha specificato come avrei dovuto procedere, perciò intendo considerare un approccio più pacato. Se destiamo qualche sospetto, potremmo attirare su di noi un'indagine militare, forse perfino condotta dalla nuova Inquisizione. Dobbiamo agire in segreto il più a lungo possibile.

Ieri ho esplorato la cava. È tranquilla. Con la guerra in corso, la richiesta di granito di alta qualità è variata. Così ho pensato: con il commercio si guadagna bene. Perché non approfittarne?

───────

Qualcuno ha scritto degli appunti riguardanti il lyrium rosso a Emprise du Lion:

Ero a Kirkwall quando Meredith morì. Applicava il lyrium rosso alla sua spada e da esso fu consumata. Ma eccoci qui, a trarre potere dal lyrium. E siamo ancora vivi. Fornier diceva che, i primi tempi, in tanti cadevano presto vittima della follia. Bisogna usarne una quantità che ci cambi, ma non così tanto da distruggerci. Egli ritiene che Imshael sia la chiave. Conosce il lyrium rosso. Con il suo aiuto possiamo tenere a bada la corruzione più a lungo.

Si è definito un giardiniere. Adesso si chiamano così? Si occupa del lyrium rosso, lo alimenta, lo fa crescere. Non troppo piano, non troppo in fretta.

───────

Mio signore Imshael,

C'è un soldato a Sahrnia che si chiama Michel. È arrivato la scorsa notte, ha chiesto della rocca e di voi in particolare. Ha detto agli altri che siete un demone. Dobbiamo occuparci di lui?

—Conall

───────

Demone? Una definizione orribile.

No. Lasciate Michel in pace. Ha fatto la sua scelta. Vediamo quale sarà la sua prossima mossa. Anche se sospetto che incespicherà nelle sue buone intenzioni e cadrà in un pozzo profondo nel giro di una settimana.

—Imshael

Dogma dell'invidia

Articolo principale: Voce del Codice: Dogma dell'invidia

Un sussurro, scaturito dalla dimensione del sogno, aleggia lungo una via pregna di potere. In fondo a essa, una presenza. Incoronata di rosso imperiale, intravista in uno squarcio nell'aria. L'Antico richiede obbedienza con un'offerta alla quale è impossibile resistere.

Signore dei Cercatori. Comandante di cavalieri. Primo Cercatore Lucius Corin, gran maestro dei templari.

───────

Settimane trascorse a studiare, apprendere, imitare. Ogni vibrante reazione del Primo Cercatore rivela qualcosa di più su chi e cosa è. Lucius Corin abbandonato, nascosto dopo aver preso il suo volto, la sua corazza, i suoi templari. Semplice come vestirsi di una nuova pelle.

L'Araldo di Andraste protesta mentre i templari lasciano la città. Insignificante. Del tutto trascurabile per un Primo Cercatore, ma così istruisce l'Antico.

───────

Crescente incredulità. L'Araldo alla guida dei nobili, uomini e donne splendenti, il cui potere soffoca una nazione. L'Inquisizione che si fa più grande dei templari. Insopportabile invidia. Cos'è un Primo Cercatore rispetto a ciò che l'Araldo può diventare?

Rabbia fervente, desiderio impellente. Sogno, brama, necessità di indossare il volto dell'Araldo di Andraste al prossimo incontro con l'Antico.

Epitaffio per i dispersi

Articolo principale: Voce del Codice: Epitaffio per i dispersi

Un manoscritto in ottime condizioni che presenta un ultimo epitaffio per i caduti:

Fragile e distante nell'oscurità,
imperfetta, la sua voce rasserena gli animi.
Andrale, Falon'Din enasal enaste.

Solo sangue e carne dilaniata,
Ma una madre riconosce sempre il proprio figlio.
Soran, Falon'Din enasal enaste.

Un cuore ansioso e ardente,
Non si farà commuovere.
Siona, Falon'Din enasal enaste.

Le frecce colpirono, il bambino gridò,
Protetto dalla sua forma.
Talim, Falon'Din enasal enaste.

Solo due emersero nella notte.
Combatterono come uno, e come uno caddero.
Rin, Ilan, Falon'Din enasal enaste.

Forte arboreo

Articolo principale: Voce del Codice: Forte arboreo

Un rapporto dell'Agente Charter, ricevuto dai consiglieri dell'Inquisizione e contenente uno scambio di vedute tra di essi:

Burroni e versanti scoscesi impediscono di attraversare rapidamente la Conca. Come misura temporanea, stiamo costruendo delle scale di corda da posizionare nei luoghi strategici indicati dall'Esploratrice Harding. Una nostra presenza stabile nell'area richiederà una soluzione definitiva. Attendo istruzioni.

(Fornisco mappe e informazioni topografiche di riferimento.)

—Charter

Seguono i commenti dei consiglieri:

Se spianassimo l'area? —Cullen

Il comandante suggerisce di colpire le colline finché non si scorderanno di essere colline. —L

Potremmo ordinare ai soldati di scavare delle scalinate nella roccia, oppure di costruire strutture con una certa verticalità. Magari delle impalcature? —Josephine

Scherzavo. A proposito, oggi qualcuno è già stato minacciato di perdere la lingua? —Cullen

Sto pensando di farlo in questo preciso momento. —L

Il nostro conciatetti, Berinole, stava giusto parlando con il capocantiere riguardo al prossimo ampliamento di Skyhold. Pensavano a piattaforme coperte collegate da scale a chiocciola e passaggi sospesi. Potremmo sfruttare la stessa idea per la Conca Gelida. —Josephine

Ero presente anch'io. Sbaglio o Berinole era sbronzo? —Cullen

Non era affatto ubriaco quando ha progettato tutto. Potremmo chiedere a un geniere o a Dagna di controllare i suoi disegni, per verificarne la fattibilità. —Josephine

Vada per il geniere, ma Dagna proprio no. Non voglio che i nostri avamposti scivolino lentamente nell'Oblio. O che diventino capaci di intonare il Canto della Luce. O altre diavolerie simili. —L

Guardia di Valeska

Articolo principale: Voce del Codice: Guardia di Valeska

Ho segnato delle aree d'interesse sulle mappe che mi sono state fornite. Consiglio di prendere in attenta considerazione la Guardia di Valeska, un vecchio avamposto dei Custodi Grigi. Sorveglia un ingresso alle Vie Profonde sigillato dopo il terzo Flagello. Essendo un ingresso piuttosto ampio, il Custode anziano Valeska decise di costruire una fortezza sopra le macerie della galleria, in modo da difenderla con maggiore efficacia da nuove aggressioni dei prole oscura. I Custodi l'hanno occupata per secoli, ma la loro sparizione mi fa temere che anche la Guardia di Valeska sia ora del tutto sguarnita. Se il sigillo posto all'ingresso si fosse deteriorato, i prole oscura potrebbero superarlo. Raccomando la massima prudenza in questa zona. Il Flagello è una morte lenta e straziante che sinceramente vorrei risparmiarvi.

—Una lettera di Leliana agli agenti dell'Inquisizione diretti a Emprise du Lion

I Misteri della Conca Gelida

Articolo principale: Voce del Codice: I Misteri della Conca Gelida

Un'autentica montagna di appunti e osservazioni. A metà tra diario personale e note di ricerca, queste pergamene non hanno un ordine preciso, sempre che l'abbiano mai avuto. In alto, qualcuno ha scritto "Osservazioni dei Misteri della Conca Gelida, con i loro Legami Nascosti ai grandi segreti sepolti dalle Epoche".

───────

Il Mistero degli Acquedotti

Dopo letture approfondite, so che le mura del Tevinter presso il lago erano chiamate "Acquedotti", ossia delle Strade che trasportavano l'acqua verso i loro Forti di Pietra. Tali acquedotti Drenavano l'acqua dalle regioni a valle, ma non è questo L'Unico Motivo per cui il Tevinter modificò la terra. Parti della Conca sono state Alterate in passato, come si può notare osservando con la giusta predisposizione mentale. Esiste una sola spiegazione: la terra è attraversata da vie di Risonanza Mistica, altrimenti note come Linee Mistiche o "Allineamenti".

I maghi del villaggio negano l'esistenza di tali "Allineamenti", ma lo fanno per Custodire i Segreti della Confraternita o perché ignorano i riti segreti del bassopiano. A dimostrazione di ciò, il Professor Whalen Vankin identifica le Linee del Potere Attraverso la Conca nella sua opera "Ode all'Ordo Templis Realis". Nel volume non lo ESPLICITA, specie agli occhi del Lettore Distratto, ma alcune tracce segrete lasciate dal professore per confondere i suoi Nemici lo indicano Chiaramente, a patto di leggere il testo otto volte.

───────

I Prigionieri Segreti del Tevinter

Tempo fa, questa zona si sarebbe trovata sott'acqua se il Tevinter non avesse drenato gran parte della Palude Kuldsdotten per costruire la prigione. Perché edificarla in un luogo così remoto? Per dei Prigionieri che desideravano Nascondere. Il Tevinter ha Dichiarato Guerra più volte all'Orlais, ma ora ritengo che sia in atto anche una Guerra Segreta celata agli occhi della Gente Comune. Questa prigione è un Segno del fatto che la Guerra Segreta continua ancora oggi.

Parlo dei tentativi da parte dell'Orlais di scatenare i Re Serpenti della Terra contro l'alleanza tra Tevinter e Uomini Lunari.

Tutto ciò è spiegato nei libelli di Ser Ycke, che ho letto in gran quantità, in cui si evince il motivo per cui il serpente è un tema ricorrente nei dipinti del Tevinter e l'origine dei Re Serpenti. (Cristalli.) Forse gli Uomini Lunari avevano chiesto agli Alleati del Tevinter di trattenere qui i Rettili, affinché potessero interrogarli a loro piacimento? Nessuno può dirlo, ma secondo me è così, tanto più che Combacia Perfettamente con le Mie Teorie.

───────

Il Segreto di Rocciaspina

Rocciaspina è un'isola di Grande Rilevanza. I suoi versanti sono ripidi, ma la cima è piatta, con pilastri e una Statua di Drago che si erge Fieramente per farsi ammirare da tutti. Possibile che il Tevinter avesse collocato questi oggetti senza motivo? No! Dovevano essere visibili da una grande altezza, in quanto fiumi e isole sono ottimi punti di riferimento per chiunque si libri in volo. Ovviamente, quest'isola è il luogo in cui il Tevinter entrò per la prima volta in contatto con gli Uomini Lunari.

Ciò spiegherebbe perché il Fiume è stato Chiaramente Deviato dal suo percorso originale, come si può notare seguendo le sue antiche sponde! Il Tevinter si servì degli Allineamenti per riuscirci? Gli Uomini Lunari avevano il dono del volo? Erano simili a noi, solo più grigi? C'è ancora molto da Scoprire!

───────

Il Vero Scopo del Cratere

Messer L'Rouche di Montsimmard affermò di essere stato testimone di "tremori che fecero sprofondare una vecchia chiesa, e tutta una prateria, creando una vasta e profonda depressione". Egli accusò "la Corona Fereldiana" di aver usato "magia nera per schernire la superiorità dell'Orlais". L'orlesiano aveva ragione solo in parte, perché adesso SO che in realtà fu opera del Popolo Serpente.

Osservando Attentamente, si può notare come la Conca Gelida sia stata manipolata da Qualcosa di Immenso. Il cratere nella Fortezza del bassopiano non è affatto una particolare conformazione geologica, bensì il risultato di Qualcosa che è Mutato nel Sottosuolo! I Re Serpenti devono essere talmente enormi e i loro movimenti così potenti da far Tremare la Terra a ogni loro passo. È Chiaro come il Cielo che l'antico Tevinter e gli Uomini Lunari giunsero qui nel Tentativo di uccidere un Re Serpente sepolto sotto il cratere!!! Troppi Segni e Portenti sono allineati per far pensare a una qualsiasi altra ipotesi.

───────

Qualcuno ha disegnato dei luoghi particolari sul retro di un foglio: un muro del Tevinter decrepito in un acquitrino, un'isola in mezzo a un fiume, qualcosa che somiglia a una prigione del Tevinter e un piccolo avamposto del Tevinter con un terrazzo da un lato e una scultura di metallo nel cortile.

Il Creatore

Articolo principale: Voce del Codice: Il Creatore (Lettere)

La sabbia si estendeva per miglia, un orizzonte interrotto occasionalmente da ammassi rocciosi. La monotonia era disarmante. Più a lungo viaggiavamo, più temevo che non avremmo avuto scampo.

Improvvisamente, la mia guida indica un paio di colonne molto distanti. Mentre ci avviciniamo alle strutture, intravediamo la statua di un uomo. Nonostante l'espressione austera e il fatto che tenesse in mano la testa di un nemico abbattuto, non avevo mai visto un volto così cordiale.

L'oasi si trova all'interno di una gola. Dalla distanza, sembra che sia solo e soltanto deserto. Le colline rocciose che la circondano sono identiche a quelle di altre colline rocciose. Se non fosse per le colonne e per la statua, il luogo non sarebbe degno di nota. Quando confidai questi miei pensieri alla guida, ella rise e disse che sarebbe riuscita a trovare il punto anche senza tali strutture. Ovviamente le credevo. Lungi da me dubitare delle sue capacità. Tuttavia, ancora ringrazio l'ignoto scultore che ha messo qui questa statua.

—Dal diario di Henri Ducette, rappresentante della Compagnia Mineraria Envers e storico dilettante

Il Portale ghiacciato

Articolo principale: Voce del Codice: Il Portale ghiacciato

Il portale resta gelato anche in piena estate. Un frammento di ghiaccio estratto da esso non si è sciolto neppure in un secchio di acqua calda, resistendo perfino al calore dei tizzoni ardenti. Mai visto una magia simile all'opera. Ragnarr, la nostra guida Avvar, non vuole dirmi che cosa si trova oltre il portale. Esaurite tutte le possibili soluzioni, devo rassegnarmi al fatto che non riuscirò mai a superarlo.

Ho conservato il frammento di ghiaccio usato per gli esperimenti. Le sue proprietà lo rendono perfetto per raffreddare il sidro nelle giornate più calde. Cercherò di compensare la mia curiosità insoddisfatta con questo piccolo piacere mondano.

—Dai diari di viaggio di Ser Nigel, esploratore e cavaliere.

Il cordoglio

Articolo principale: Voce del Codice: Il cordoglio

Il velfuoco accende un complesso intrico di glifi. Prende forma l'impressione di una veglia funebre. Gli Avvar del villaggio di Roccia Ursina pregano e offrono sacrifici allo spirito caduto in battaglia. Si avverte la sensazione dei mesi che passano. Le preghiere non vengono dimenticate. La visione svanisce.

Il diario di Troilus Hertubise

Articolo principale: Voce del Codice: Il diario di Troilus Hertubise

La grande missione: giorno 1

Arrivo alle Tombe di Smeraldo. Trovata una prima manifestazione della Minaccia. Creato un punto d'osservazione nelle vicinanze. Ciò consentirà uno studio prolungato del fenomeno.

La grande missione: giorno 2

Questa particolare manifestazione della Minaccia sembra meno attiva rispetto a quella di Lydes. Misurate appena 427 pulsazioni all'ora. Il suono emesso somiglia a un fastidioso ronzio, diverso dal sonoro fischio rilevato in città. Ricordo le parole di Sorella Euphorbia, che lo descrisse come il "rumore di una grave fuoriuscita di gas intestinale".

La grande missione: giorno 5

Le focacce al miele di Sorella Euphorbia sono finite. Resta il formaggio, ma l'intera giornata di ieri è stata dedicata al procacciamento di cibo. Avvistata un'altra Minaccia al fiume, tra gli alberi. Può essere descritta con una sola parola: "tempestosa". Urgono indagini approfondite. Affinché la missione abbia successo, devo scoprire il più possibile.

La grande missione: giorno 6

La Minaccia "tempestosa" emette dei rumori, come quelli di un gatto stizzito, a intervalli di un'ora e quindici minuti. È circondata da quattro demoni vorticanti simili a wraith che ho chiamato Primus, Secundus, Tertius e Bamboccio. I primi tre girano intorno alla Minaccia come guardie di pattuglia. Bamboccio li segue, ma spesso si ferma e guarda altrove. Raramente, gira su se stesso come se avesse perso l'orientamento.

La grande missione: giorno 8

Massima allerta. Un cervo di passaggio ha attirato l'attenzione di Bamboccio. Questo essere, per una volta, ha mostrato una terribile risolutezza. Strano a dirsi, ma sono stato fiero di lui. L'orgoglio ha subito lasciato il posto a un grande turbamento quando ho assistito agli eventi successivi. Povero cervo.

La grande missione: giorno 10

Nuova Minaccia avvistata lungo il fiume. Sembra ancora ai primi stadi di sviluppo. Niente demoni. Credo che l'esperienza maturata nello studio delle Minacce mi consenta di provare a distruggerne una. Tenterò con questa neonata Minaccia. Cautela prima di tutto.

Un'ultima annotazione, macchiata di sangue e scritta con mano incerta.

La grande missione: prova finale

Ho imparato molto da quel primo giorno al crinale e pensavo di essere pronto a interagire con una Minaccia, a toccarla. Mi sbagliavo. Gli strumenti sono stati inefficaci. Non hanno alterato in alcun modo la Minaccia. Siamo tutti condannati.

Resterò qui per un po', a riposare...

Il peso della guerra

Articolo principale: Voce del Codice: Il peso della guerra

Schizzi di statue prese da varie angolazioni occupano numerose pagine del diario:

Ho già visto quella posa. Spesso rappresenta il fardello portato da coloro che muoiono in combattimento. Solitamente l'uomo, o la testa del suo nemico, ha un segno distintivo, ma qui non ne ho trovato alcuno. Forse c'è qualche messaggio nella loro uniformità. Nessun accenno alla gloria personale, solo un'austera accettazione del dovere. Dato il legame tra l'Accesso e i Custodi, è un sentimento calzante.

—Dal diario di Henri Ducette, rappresentante della Compagnia Mineraria Envers e storico dilettante

Il ritorno

Articolo principale: Voce del Codice: Il ritorno

Nell'istante in cui il velfuoco illumina l'ultimo gruppo di glifi, si percepisce una sensazione di fremente attesa. Un villaggio Avvar celebra una festività notturna intorno a un altare ricoperto di cibo e bevande. Il thane intona un canto. Il villaggio si unisce. Il canto cresce di ritmo e d'intensità. Prosegue per ore.

Al sorgere del sole, uno spirito fiammeggiante appare sopra l'altare. Porta il nome dello spirito caduto in battaglia. È al contempo lo stesso spirito e uno completamente diverso.

Gli Avvar esplodono in un fragoroso grido di... trionfo? Benvenuto? O qualcosa di più? La visione svanisce.

L'eterna battaglia contro la Prole Oscura

Articolo principale: Voce del Codice: L'eterna battaglia contro la Prole Oscura

A meno che non ci sia un Flagello, in superficie la Prole Oscura diventa una sorta di mito o addirittura materiale per le favole della buonanotte. È un lusso che Orzammar non può permettersi. Senza i continui sacrifici della Legione dei Morti, il nostro grande thaig non sarebbe sopravvissuto fino ai giorni nostri. Però resta una questione di fondo: da dove vengono quei mostri corrotti? Sappiamo che le teorie della Chiesa riguardo all'origine della Prole Oscura non hanno alcun fondamento. Essa non è caduta da una città immaginaria, ma è salita strisciando dai più remoti recessi della terra. Ormai è evidente che quegli abomini sono generati dalle madri della nidiata. Forse laggiù, al centro del nostro mondo, esiste perfino una loro regina... la "prima madre". Invece di concentrarci sulla progenie, dovremmo colpire le madri della nidiata affinché non diano alla luce altre mostruosità.

Ai margini c'è uno scambio di commenti tra il Tenente Renn e il Modellatore Valta:

Tagliamo la testa alle madri e il gioco è fatto.

Non azzardarti a scrivere sui miei libri o sarà la tua testa a saltare, tenente.

La caduta

Articolo principale: Voce del Codice: La caduta

Un gruppo di glifi elaborati viene illuminato tenuamente dal velfuoco. Prende forma l'impressione di una grande battaglia combattuta in un lontano passato. Uno spirito veglia sugli Avvar del villaggio di Roccia Ursina impegnati a respingere degli Avvar rivali nella foresta. Scendono in battaglia mentre lo spirito allontana le lame puntate contro di essi.

Si vede una raffica di frecce, seguita da un'esplosione magica. Gli Avvar rivali sono a terra, insieme allo spirito. Le sensazioni svaniscono.

La conversione di Hessarian

Articolo principale: Voce del Codice: La conversione di Hessarian

Amata Andraste, siedi alla destra del Creatore e ascolta il mio lamento. Poiché il mio cuore era debole finché non ha servito la tua immensa gloria.

Poiché ella era mia nemica, ascoltai le parole del Traditore e la condannai a morte. Così, venne posta sulla pira dinanzi agli innumerevoli testimoni.

Ma mentre la profetessa bruciava, cadde il silenzio. Poiché nonostante la fiamma lambisse la carne mortale, ella non piangeva. I cuori delle persone si riempirono di vergogna, e tutti furono silenti insieme a lei.

Pensai fosse un atto di sfida e, nonostante mi meravigliai di fronte alla sua forza, il mio cuore non sussultò.

Fu allora che la profetessa alzò lo sguardo, con il viso avvolto dalle sacre fiamme. Vidi il suo dolore e la sua accettazione. Sentii la fiamma come sulla mia pelle. Sentii la morte lenta avvolgermi e conobbi la sua sofferenza.

Attraverso la fiamma camminai e diressi la spada nel suo cuore. E così la profetessa fu liberata. Il Creatore mi sussurrò all'orecchio e sapevo di essere divenuto lo strumento del suo volere.

-Un'interpretazione della conversione di Hessarian, scritta nel 7:34 Era della Tempesta. Alcuni affermano che sia tratta da un testo scritto da Hessarian in persona, ma ciò non è dimostrato.

La guerra secondo un cacciatore

Articolo principale: Voce del Codice: La guerra secondo un cacciatore

Una lettera scritta con mano incerta e un linguaggio elementare.

Madre Valerie dice che le cose nella mia testa andranno via solo se le metto altrove. Dice di scriverle. È da tanto che non scrivo, ma ci proverò.

Ho visto profughi sulle colline. Ero lì a cacciare. Li ho visti ma non li ho salutati perché seguivo una preda. I profughi andavano a Redcliffe. Erano lenti e gobbi quando camminavano come vecchi.

Sono arrivati i templari. Hanno parlato con i profughi. Li hanno colpiti. I profughi hanno dato del cibo. Poi sono arrivati i maghi. I maghi hanno usato il fuoco. Hanno bruciato tutti. Io ero in un cespuglio e non mi hanno visto.

Alcuni templari hanno ucciso dei maghi. I maghi sono scappati. I templari volevano inseguirli. Un profugo bruciava ancora. Ha alzato un braccio verso un templare. Il templare ha usato la spada. È andata su e giù. Su e giù. C'erano pezzi neri dappertutto.

Il templare è rimasto mentre gli altri seguivano i maghi. Ha preso cose dai corpi. Un corpo si muoveva. Aveva capelli lunghi e il vestito bruciato. Il templare ha iniziato a togliersi l'armatura e io l'ho colpito.

È caduto accanto alla signora. Lei ha fatto dei versi e mi ha guardato. Poi è morta.

Creatore, voglio che tutto questo esca dalla mia testa. Ti prego, fallo uscire dalla mia testa.

La pagina di un diario dai bordi bruciati

Articolo principale: Voce del Codice: La pagina di un diario dai bordi bruciati

I templari attaccavano i contadini, che ci avevano dato il cibo. Volevano che combattessero fino alla morte, piuttosto che aiutarci. Li abbiamo colti di sorpresa con ghiaccio e fulmini, e alcuni di loro sono morti prima ancora che si accorgessero di noi. Ormai la loro rigida disciplina è solo un ricordo: ormai sono dei bruti esattamente come noi.

Tuttavia, erano abbastanza numerosi da riuscire a respingere la nostra magia, e i mercenari non hanno resistito a lungo. Abbiamo ripiegato nella casa dei contadini. È abbastanza solida, e pare che a questi bifolchi resti ancora del cibo. La porta è chiusa: i templari hanno rinunciato ad abbatterla quando abbiamo ucciso l'ultimo degli sciocchi che ci ha provato.

Li sento, là fuori, che tramano qualcosa in mezzo agli alberi. Noi saremo pronti a tutto. Non torneremo mai in un Circolo. Neppure dei veri templari sono riusciti a fermarci, e quei banditi sotto mentite spoglie non sono migliori di noi.

—Una pagina, bruciata lungo i bordi, probabilmente strappata da un diario.

La rotonda e l'affresco

Articolo principale: Voce del Codice: La rotonda e l'affresco

Sorella Leliana,

Come da vostra richiesta, ho effettuato un approfondito esame dell'affresco che orna la rotonda. Dapprima, ho provato a spiegare il suo intento a messere Solas. Perdonatemi, so che non ha alcun titolo all'interno dell'Inquisizione, ma più condivide con me la sua esperienza, più a disagio mi sento nel non poter usare un appellativo più formale.

Riguardo alla pittura murale, messere dice soltanto che "Skyhold è la sua fortezza (dell'Inquisitore, ovviamente). Queste sono le sue azioni." Egli ha perfettamente ragione. Il soggetto di ogni aggiunta è altresì evidente.

Riguardo al mezzo del metodo, parliamo di affresco elfico, pigmenti e intonaco, di grande pregio. Raramente ho avuto il privilegio di osservare una tale perizia. Viene considerato, con lunghi periodi di studio prima dell'attuarsi dell'immagine, effettuato da zero e con mano salda. È un riferimento a come gli elfi vedono il mondo e alla misurata natura dei loro passi.

Una tale competenza è plausibile da parte di messere, dati i suoi anni di studio. Tuttavia, resta un'opera grandiosa, la dimostrazione di un'arte in grado di essere espressa da pochi viventi, perfino tra i dalish.

Archivista Banon

Lettera a uno schiavista

Articolo principale: Voce del Codice: Lettera a uno schiavista

Zhager,

annulla quell'ordine per altra manovalanza. Fammi avere degli scribi, schiavi da biblioteca, i più intelligenti che riesci a trovare. Devono saper leggere e scrivere. Anche i disertori vanno bene, a patto che siano svegli. Questa Calpernia, il capo dei venatori, pagherà una fortuna per i nostri esemplari migliori, consegnati a lei personalmente. Non chiedermi perché.

Una cosa: niente marchi o segni di frustate sulla pelle. L'ultimo carico conteneva un paio di schiavi marchiati. I suoi uomini hanno rimandato indietro i nostri corrieri con delle ustioni sul volto. Hanno detto che Calpernia non gradisce la merce danneggiata. Bizzarro per un magister, ma finché paga...

Vicinius

Lettera dall'aria ufficiale

Articolo principale: Voce del Codice: Lettera dall'aria ufficiale

Se l'Inquisitore ha reclutato i templari...
Venatori,

Gli elfi che affrontiamo non sono dalish. Sono molto più pericolosi. Gli ultimi tra i templari rossi formeranno un baluardo contro di loro. Dirigetevi al Tempio di Mythal. Non attaccate i soldati dell'Inquisizione. Abbiamo del lavoro più importante da fare.

Quando il nostro maestro si trovava nella Città Dorata, egli notò un'assenza che necessitava della mano di un autentico dio. Io sarò il Ricettacolo della sua ascesa, per il bene della nostra terra. Ricordate che quando l'Antico sorge, anche il Tevinter sorgerà con lui, tornando alla gloria perduta di un tempo. Per questo siamo convocati, sotto il suo volere. Questo è ciò che otterremo o perderemo per sempre.

In alto il morale, venatori. Oggi siamo la speranza dell'Impero. Accenderemo un fuoco accecante in questa era oscura e selvaggia.

Dama Calpernia


Se l'Inquisitore ha reclutato i maghi...
A tutti i capitani dei templari rossi,

non ci fermeremo a trattare con questi elfi fanatici. Pressate, posizionate più guardie e tendete imboscate all'occorrenza. Trovare il Tempio di Mythal è il nostro compito prioritario, e unico. Dopo che sarò divenuto Ricettacolo, il nostro maestro potrà finalmente reclamare il potere che lo attende. Nessun elfo, nessuna città e nessuna nazione potranno tenere testa a un dio vivente.

È per questo giorno che ci sacrifichiamo. L'Inquisizione e gli orlesiani annaspano sotto le nostre suole, e voi avete dato più di quanto richiesto. Ma se cadiamo qui, la morte dei vostri fratelli e delle vostre sorelle non avrà alcun significato. Non lascerò che questo succeda. E so che anche per voi è così.

Per la gloria dell'Antico,

Generale Samson

Lettera di conferma

Articolo principale: Voce del Codice: Lettera di conferma

Se l'Inquisitore ha reclutato i templari...
Paxley,

I venatori hanno consegnato le scorte che ci servivano, finalmente. Non sono rimasti a lungo, perché temono gli effetti del lyrium rosso, nel caso si avvicinino troppo alla vena grezza.

Perfino il lyrium grezzo normale influenza pesantemente i maghi. Il lyrium rosso dev'essere come infilare la testa in un nido di vespe.

—Besen


Se l'Inquisitore ha reclutato i maghi...
Confermo di aver sentito i rapporti. L'Inquisizione sta crescendo, ma dopo che il nostro maestro si sarà occupato di loro, non saranno altro che un mastino sdentato.

Ci troviamo tra il nemico e Corypheus. Al contrario della Chiesa, egli ci ha offerto una seconda possibilità. Nessuno deve deluderlo.

Disseminate il lyrium. Che ci segua ove andiamo, che metta radici ove ci fermiamo. Non dimenticate mai che i vostri passi spianeranno la via per la vittoria di Corypheus.

Generale Samson

Lettera di confessione

Articolo principale: Voce del Codice: Lettera di confessione

Inquisitore,

Non furono i prole oscura ad aprire la diga e inondare Crestwood Vecchia dieci anni fa. Fu opera mia. Lo feci in gran segreto, la notte che attaccarono. I non morti che avete affrontato sono le persone che ho ucciso io.

Accogliemmo i profughi del Flagello. Molti erano malati. Così, li spostammo nella parte inferiore di Crestwood, mentre i rifugiati nelle caverne, in modo da evitare un'epidemia. Non funzionò. Uno mi confessò che aveva già visto il morbo del Flagello e che non vi era rimedio. Quando i prole oscura attaccarono, sapevo che l'unica possibilità di sopravvivenza per il villaggio sarebbe stata quella di annegare i malati insieme ai mostri. Non riesco a tollerare la vista di Crestwood Vecchia, ora che l'acqua non c'è più. Non posso restare.

Mi dispiace.

—Borgomastro Gregory Dedrick

Lettera di un padre

Articolo principale: Voce del Codice: Lettera di un padre

Questa lettera non ha mai raggiunto il destinatario.

Carissima Fennela,

Come stai? Come sta tua zia Kaitlen? Va tutto bene, vero? Come vanno gli studi? Forse puoi leggere parte di questa lettera per lei, per dimostrarle che stai imparando.

Mi dispiace di essere via da così tanto tempo. Ho un dovere da compiere. Ricordi quando la mamma era molto malata e ti chiedeva di portarle l'acqua? E tu lo facevi perché le volevi bene? È la stessa cosa. A volte dobbiamo fare cose difficili, poiché sono di aiuto alle persone che amiamo. Il paese è malato e io devo cercare di guarirlo. Non preoccuparti. Qui non sono solo. Ora ho una medicina speciale che mi rende più forte per combattere meglio.

A breve non sentiremo più parlare dei maghi e saremo di nuovo al sicuro. Tornerò a casa molto presto.

Con tutto il mio amore e le mie preghiere,
Tuo padre

Lettera piegata

Articolo principale: Voce del Codice: Lettera piegata

Estoris,

il lavoro procede bene, ma prima o poi ci seguiranno. Ho piazzato una pattuglia in superficie, sulle Montagne Solferma. Nome chiaramente inventato da qualcuno che non ha mai visto una vera montagna.

Se cerchi Harmmonum, sta esplorando la tomba nelle gole a ovest.

Magister Urathus

Lettera riguardante il lyrium

Articolo principale: Voce del Codice: Lettera riguardante il lyrium

Se l'Inquisitore ha reclutato i templari...
Miei capitani,

Lo sapete bene come lo so io. Non possiamo lesinare sul lyrium rosso che diamo ai soldati. Considerato il numero di cavalieri che abbiamo perso a Therinfal, è una fortuna che il maestro abbia ancora bisogno di noi. Se egli richiede un piccolo esercito di templari rossi, noi glielo daremo.

Le spie dei venatori hanno visto l'Inquisitore [Cognome dell’Inquisitore] in persona dirigersi verso le Valli. Dimostriamo di non aver dimenticato i nostri fratelli e le nostre sorelle che hanno trovato la morte a Therinfal.

Capitano Paxley


Se l'Inquisitore ha reclutato i maghi...
Paxley,

sono stato testimone delle trasformazioni. È orribile vedere mutare i volti dei tuoi soldati, realizzare che da un giorno all'altro potrebbero non ricordarsi di te. Sento le budella torcersi. Ma quelli che ce la fanno sono praticamente invincibili.

Dai della radice elfica ai soldati che hanno dolori, in quantità. Detto questo, basta aspettare che il dolore cessi. Ricorda loro che diffondono il lyrium. Cresce a ogni nostro tocco. Con i "materiali" che ho mandato, ne avranno abbastanza per decine di eserciti. È la prova che siamo sulla strada giusta e che la sofferenza sarà ripagata. Ricordaglielo.

Samson

Lettera spiegazzata

Articolo principale: Voce del Codice: Lettera spiegazzata

Una lettera scritta di fretta:

Stando a quanto mi hai raccontato, devi andartene da Crestwood il prima possibile. So che è pericoloso, ma se non ci provi le tue possibilità di restare in vita sarebbero davvero scarse.

Mio padre dice che prendendo il Passo del Morto dovresti riuscire a superare quei luridi banditi. Viaggiando al crepuscolo, forse eviti anche i lupi.

Fai in fretta, amore mio.

Cyn

Lettera trovata in una casupola a Redcliffe

Articolo principale: Voce del Codice: Lettera trovata in una casupola a Redcliffe

Papà,

Andrò in montagna a dare una mano. Quelli lassù sono gli unici a fare qualcosa di buono, a differenza del resto del mondo. Non possiamo lavorare i campi, dopo che Mastro Dennet e sua moglie ci hanno mandati via "per la nostra sicurezza", e non voglio vedere altri profughi morire di fame fuori dalla porta di casa.

Dovresti venire anche tu, insieme alla mamma. Lassù sarete al sicuro. I maghi non hanno niente contro la gente in montagna, e perfino i templari non li importunano. Solo a Redcliffe ci si può salvare da questa guerra maledetta dal Creatore e dai demoni che piovono dal cielo.

Ma immagino che non verrai, giusto? Preferisci restare in quell'infimo pezzo di terra, soltanto perché è nostro. Va bene. Goditelo, finché quei pazzi non ti coinvolgeranno nelle loro battaglie, quando tu e la mamma diventerete altri due cadaveri carbonizzati nell'ennesimo villaggio dato alle fiamme.

Non resterò a guardarti morire come uno sciocco.

—Hyndel

Lettere e risposte

Articolo principale: Voce del Codice: Lettere e risposte

...Se Il Toro di Ferro è rimasto Qunari...

In mezzo a una serie di note, spicca una lettera con un sigillo dell'Inquisizione:

All'onorevole Salasari, triumvirato del Qun:

Per conto dell'Inquisizione, chiedo umilmente lumi in merito alle azioni ostili dei vostri agenti, a Halamshiral. Il Toro di Ferro ha consultato i suoi diretti superiori e i contatti nei Ben-Hassrath, senza ottenere risultati. Per quanto ci risultava, l'Inquisizione e la nazione qunari erano alleate: perché allora la nostra gente viene assalita dagli agenti Ben-Hassrath e perché abbiamo trovato della gaatlok qunari nascosta nelle vicinanze del Sacro Concilio? Se poteste fornirci una spiegazione, saremmo lieti di ascoltarla. In caso contrario, dovremo considerare questi atti come una dichiarazione di guerra.

Rispettosamente, Ambasciatrice Josephine Montilyet

Seguono diversi messaggi incomprensibili in Qunlat. Una lettera scritta in lingua comune, con calligrafia elegante, è stata aperta e quindi accartocciata, ma è ancora leggibile:

All'Ambasciatrice Josephine Montilyet dell'Inquisizione,

I Salasari non sono a conoscenza di operazioni in corso di svolgimento a Halamshiral: stiamo indagando in merito alle segnalazioni relative all'utilizzo di gaatlok a sud. Purtroppo non possiamo condividere i dettagli delle attuali operazioni dei Ben-Hassrath, ma possiamo garantire che teniamo in grande considerazione l'alleanza con l'Inquisizione.


...Se Il Toro di Ferro è diventato Tal-Vashoth...

In mezzo a una serie di note, spicca una lettera con un sigillo dell'Inquisizione: All'onorevole Salasari, triumvirato del Qun:

Per conto dell'Inquisizione, chiedo umilmente lumi in merito alle azioni ostili dei vostri agenti, a Halamshiral. Gli attacchi degli agenti Ben-Hassrath nei confronti dei nostri ufficiali insieme all'infiltrazione e al sabotaggio del Sacro Concilio a Halamshiral possono essere considerati soltanto come il preludio di una dichiarazione di guerra. Se il popolo qunari non vuole che la Chiesa si veda costretta a reagire, questi comportamenti ostili devono cessare immediatamente.

Rispettosamente, Ambasciatrice Josephine Montilyet

Seguono diversi messaggi incomprensibili in Qunlat. Una lettera scritta in lingua comune, con calligrafia elegante, è stata aperta e quindi accartocciata, ma è ancora leggibile:

All'Ambasciatrice Josephine Montilyet dell'Inquisizione,

Il triumvirato del popolo qunari vi assicura che, nonostante la perdita della nave da guerra Berethlok e del suo equipaggio di cento anime, avvenuta durante una missione congiunta fallita con l'Inquisizione due anni fa, nessuna azione militare è stata intrapresa contro l'Inquisizione. Da Par Vollen nessuno ha autorizzato azioni di alcun tipo, relativamente al Sacro Concilio: né ora, né mai.

Stiamo cercando la sacerdotessa Ben-Hassrath che, senza il nostro consenso, ha attuato l'operazione di cui parlate. Non appena riusciremo a localizzarla, le azioni ostili cesseranno.

Libro delle farfalle

Articolo principale: Voce del Codice: Libro delle farfalle

Questo "libro" si apre rivelando piccoli alloggiamenti in legno e vetro. Bloccate al loro interno ci sono diverse farfalle multicolore, alcune piccole come una monetina, altre con l'apertura alare di una mano. Sul frontespizio sono iscritte queste parole:

In celebrazione del vostro ventesimo anniversario, con i migliori auguri

Contessa Lutetia

Libro misterioso

Articolo principale: Voce del Codice: Libro misterioso

Una pagina tratta da un libro carbonizzato:

Offri un sorso d'acqua e loro offrono un banchetto.
Sai che parlano della stessa malignità, ma il dito è puntato verso di te.

Li ho sentiti parlare e ho ascoltato.
Sento i bisbigli di tutti.

Lascia che offrano argento, laddove tu offri oro.
Lasciagli credere che siano migliori di te.

Non ti piacerebbe epurare il mondo dei malvagi, di coloro che parlano contro di te?
Loro non farebbero lo stesso?

Se non abbiamo un accordo, allora devo andarmene.
Quando ne avrò abbastanza, nessuno parlerà di tradimento.
Quando tutti avranno dato la propria parola, di tutti sarà la soddisfazione.

Scritto ai margini:
Devo ricordarmi le parole. I materiali giusti sulla fiamma nell'ordine corretto. La terra, il viticcio, la fiala, poi il sangue. Il sangue viene per ultimo. Niente errori. Un passo falso e il vincolo non funzionerà. Ma se funziona, cari nemici, vi aspetto al varco.

Miniera Spiraliforme

Articolo principale: Voce del Codice: Miniera Spiraliforme

Concordiamo che l'incidente verificatosi la scorsa settimana nella Miniera Spiraliforme è stato una fatalità. Porteremo le nostre condoglianze alla moglie di Didot, insieme a un adeguato risarcimento.

—Comunicazione ufficiale del responsabile della miniera, nome illeggibile.

Missiva spiegazzata

Articolo principale: Voce del Codice: Missiva spiegazzata

Hai sentito? Una delle reclute da Val Royeaux ha detto di aver visto il "famoso" Thom Rainier bere all'Alabarda, a est di Val Royeaux. Ho pensato che potesse interessarti, dati i vostri trascorsi. Può anche darsi che il tizio ci abbia visto male. Dubito che il vecchio capitano sia così stupido da venire qui a cento miglia dalla capitale. A te la scelta se crederci o meno.

Comunque sia, ho sentito che potresti essere sostituito tra una settimana o due. Dovresti parlare con Proulx per capire se può darti qualche giorno per seguire la pista. Lui capirà. Del resto, ti ha permesso di arruolarti nelle nostre forze anche dopo quello che è successo con Callier.

—Rosslin

Misure d’emergenza

Articolo principale: Voce del Codice: Misure d’emergenza

L'ordine è stato impartito: stiamo procedendo alla neutralizzazione di tutti gli infiltrati nell'Inquisizione, mentre gli agenti sospettati di doppio gioco sono stati isolati da qualsiasi informazione in entrata o in uscita dal Palazzo d'Inverno.

Abbiamo ricevuto piccioni viaggiatori con risposte da diverse città. L'Inquisizione non è la sola organizzazione infiltrata dalle spie qunari. A Val Royeaux, barili di gaatlok erano in fase di posizionamento, per mano di servitori di basso rango, nella Gran Cattedrale e nel Concilio degli Araldi. A Denerim, delle spie qunari sono state scoperte all'interno della guardia cittadina, fra i soldati di grado inferiore. A Porto Brullo le spie si entrano infiltrate fra la servitù del palazzo.

Visto che siamo stati colti di sprovvista da questi eventi, accetterò di buon grado la sostituzione con un agente più capace.

Segue una risposta, scritta da Leliana:

La colpa ricade su di me. Non lascerò che qualcun altro se ne faccia carico, per quanto con buone intenzioni. Non dimenticare le vite che abbiamo salvato, avvisando le altre città dei barili di gaatlok.

Inoltre, conosco così tante cose circa la tua vita privata da sapere di potermi fidare di te. Di quale altro agente potrei dire altrettanto?

La frase seguente è nella calligrafia originale:

Di almeno altri ventitré agenti, mia signora, ma ho recepito il messaggio.

Nella morte

Articolo principale: Voce del Codice: Nella morte

"Nella guerra e nella vittoria. Nella pace e nella vigilanza. Nella morte e nel sacrificio."

Fratelli e sorelle vigilanti,

Bevendo dal calice, siete Custodi Grigi. Pur essendo periti, siete morti con il sangue mescolato al mio. Onoro il vostro sacrificio e porterò il vostro ricordo in battaglia.

Meline di Arlesans, non ti dimenticherò.
Leonide de Firmin, non ti dimenticherò.
Audwen, non ti dimenticherò.

Nota dal Distretto Silente

Articolo principale: Voce del Codice: Nota dal Distretto Silente

Sellanus,

Sento degli sguardi su di me quando tutto l'accampamento dorme. O durante il giorno, quando gli animali riposano. Gli antichi nani che abitavano questo luogo forse non lo sapevano, poiché non possono sentire il canto dell'Oblio. Ma il Velo nelle Distese deve essere stato sottile ancor prima che l'Antico squarciasse il cielo.

A tal fine, basta osservare Corix. Tuo cugino si è dimostrato sospettoso da quando siamo arrivati. È stato anche visto lasciare l'accampamento durante la notte. Non dirgli niente, ma seguilo la prossima volta che si allontana. Poi, informami.

Magister Gallus

Note di un guaritore, Crocevia di Redcliffe

Articolo principale: Voce del Codice: Note di un guaritore, Crocevia di Redcliffe

A corto di radice elfica. Domani manderò la ragazza a prenderne dell'altra. Anche con il ragazzo del villaggio. La guerra si avvicina. Redcliffe ha chiuso i cancelli. Profughi al Crocevia.

Profughi curati. Malori e crampi allo stomaco dovuti a cibo avariato. Ustioni da attacchi magici. Un anziano malato alle ossa, peggiorato durante la fuga dal villaggio attaccato dagli eretici.

Altri profughi. Radice elfica ed erba esile scarseggiano. Ferite da taglio, contusioni ed emorragie interne curate. Sei guariti, due affidati al Creatore. Vittime di attacchi di templari perché sospettati di eresia.

Curati casi di tosse cronica al Crocevia. Inviate lettere a Redcliffe per richiedere coperte. Nessuna risposta. Vedova Taine morta nel sonno.

Curati casi di grave denutrizione al Crocevia. Altri profughi. Ustioni e contusioni, ferite aperte. Vittime degli scontri tra eretici e templari. Braccio amputato per salvare una ragazza. Senza radice elfica morirà comunque, ma raccoglierla è troppo rischioso.

Ragazza con febbre alta. Profughi riferiscono del carro di un mercantile in fiamme, diretto al Crocevia. Da quanto descritto, era quello del vecchio Vinn. Nessun corpo, carro saccheggiato. Non avremo rifornimenti.

La ragazza ce la farà. Usata ultima dose di radice elfica. Produrrò impiastri con quello che trovo. Profughi invitati a bollire tutto ciò che bevono o mangiano. Troppi malati. Giselle è arrivata. Dice che i soccorsi dell'Inquisizione arriveranno a breve.

Fuori si combatte. Maghi e templari. Profughi fuggiti. C'è qualcuno che urla. Devo aiutare.

—Questo diario apparteneva al vecchio guaritore che viveva al Crocevia di Redcliffe, presumibilmente deceduto in battaglia.

Note sparpagliate

Articolo principale: Voce del Codice: Note sparpagliate

Creature splendide, i draghi. Ogni bestia che ho incontrato aveva una personalità unica. Questo, per esempio, ama stare vicino all'acqua. Ho visto che cercava refrigerio. Una visione celestiale. Mi sarei unito alla bestia se Kalev non mi avesse trattenuto. Ah, Kalev. Un buon portatore, forse un po' timido. Ho detto a lui e agli altri che i draghi preferiscono divorare le bestie selvagge piuttosto che gli umani.

Sfortunatamente, mi sbagliavo. Il giorno dopo la creatura ha interrotto il suo pasto a base di gurgut per abbattersi sul povero Kalev. Spero almeno che quell'anima buona abbia potuto ammirare il magnifico esofago del dragone. Secondo me è un po' come stare dentro la Grande Cattedrale.

—Le osservazioni di Stephan D'Eroin

Note sugli ospiti del palazzo

Articolo principale: Voce del Codice: Note sugli ospiti del palazzo

Una raccolta di note dei servitori sugli ospiti presenti al Palazzo d'Inverno:

Contessa D'Avorrie: vuole che una stanza le sia riservata dalle tre alle cinque del pomeriggio, affinché la figlia si possa esercitare con l'arpa. Deve avere delle finestre su un lato e un balcone. Se dovesse proporre un recital, metterla in contatto con il siniscalco.

Duca Pierpone: vuole dell'intrattenimento per dei parenti fereldiani. Un barile di whisky e tre forme di formaggio devono essere consegnati questa sera nelle sue stanze.

Bann Worton: il letto va preparato con biancheria di cotone, non di seta.

Ser Litstone: afferma di avere fastidi a causa di una vecchia ferita di guerra alla gamba sinistra. Da spostare al piano terra.

Dama Galetee: duellante. Ha richiesto un compagno d'allenamento e un luogo dove combattere.

Messer Gilderay: va svegliato alle otto, da una domestica nei giorni pari e da un paggio in quelli dispari (non chiedete perché). Il servitore in questione dovrà portare una brocca d'acqua fresca e dodici ramoscelli di lavanda, su un asciugamano color pesca (non chiedete perché). Dovrà muoversi in silenzio, senza guardare negli occhi sua signoria. Una volta posato il tutto sul divano, dovrà battere due volte le mani, per poi uscire senza proferire parola (NON chiedete perché).

Note sui metodi in incantamento

Articolo principale: Voce del Codice: Note sui metodi in incantamento

Questi appunti sono redatti con una calligrafia fastidiosa: tremolano leggermente, come se fossero incantati. Le note sono scritte a mano, ma le lettere sono straordinariamente regolari, come se fossero state stampate:

Note sul primo tentativo: delle valenze errate sui vincoli intessuti tra i materiali hanno causato uno srotolamento catastrofico. Il primo lotto è perso, ma mi farò inviare nuovi rifornimenti dello stesso tipo per capire se l'errore deriva da imperfezioni dei materiali o dell'incantamento.

───────

Note sul secondo tentativo: l'eleganza mi sfugge. Il mio obiettivo è migliorare la coordinazione del corpo, affinando la percezione del cuore, ma gli impianti non vivono sufficientemente a lungo per poter essere valutati. Il processo attuale non funziona. Il lotto è perso. Dovrò ricominciare.

───────

Note sul terzo tentativo: due incantesimi, che avrebbero dovuto unirsi tramite le matrici, hanno causato un incendio. I danni sono stati tali da rovinare diversi pezzi precedentemente forgiati. Ora però vi è una risonanza tra di essi e ho avuto un'illuminazione: un incantamento in coppia, forse, come il collo volge la testa e il polso ruota la mano?

───────

Note sul quarto tentativo: la tessitura procede per il meglio. La tensione sull'energia, trasmessa in modo serrato a diversi elementi, produce risultati migliori di un singolo incantamento. Ho fatto bene a usare tutte le scorte, come ho spiegato prima di dare inizio ai lavori finali. Le regolazioni dello stato base sono riuscite alla perfezione e permetteranno di realizzare il tutto con materiali provenienti da animali meno pregiati, se fosse necessario.

In fondo alle lettere, probabilmente in vece della firma, vi è riportato un timbro raffigurante una testa di halla stilizzata.

Considerati nel loro insieme, i disegni e i valori attentamente riportati alla fine dell'ultima di queste note potrebbero essere utilizzati per preparare uno schema che spieghi come ricreare questi manufatti.

Note sulle puntate

Articolo principale: Voce del Codice: Note sulle puntate

Note consegnate dai corrieri, ricoperte da diverse calligrafie:

Che cosa ne dite, signori? Tre giorni prima che l'Inquisizione scenda a patti, allineandosi con l'Orlais? Come si deve, questa volta? -- M

Che assurdità, Marcel, il Ferelden ha sete di sangue. Vedrai che avanzeranno direttamente la richiesta, o che minacceranno di muovere guerra a noi, se non avranno ciò che vogliono. -- L

La Divina interverrà. Deve farlo. Victoria e l'Inquisizione sono troppo legati, agli occhi di tutti, perché lei ne resti fuori. -- A

Hai molta fiducia nella Chiesa, Allain? -- M

Mille reali di fiducia con ognuno di voi che sarà la Divina a decidere il destino dell'Inquisizione. -- A

Ci sto! Mille da ognuno di voi quando l'Inquisizione avrà accesso alla sovranità sull'Orlais e sul Concilio degli Araldi. -- M

Voi due mi manderete in rovina. -- L

Leonard! Non ci stai? -- M

Non dire idiozie. Mille reali che alla fine i fereldiani otterranno ciò che vogliono. -- L

Note sulle puntate 2

Articolo principale: Voce del Codice: Note sulle puntate 2

Note consegnate dai corrieri, ricoperte da diverse calligrafie:

Avete visto l'Ambasciatrice Montilyet come cercava di calmare tutti quanti, dopo che l'Inquisitore ha abbandonato il Sacro Concilio? -- M

Che coraggio! [Cognome dell'Inquisitore] ha una bella faccia tosta. -- L

Avete notato i corrieri vicino agli alloggi della Divina? Tutti chiedono che la Santissima faccia qualcosa in merito all'affronto. -- A

Le azioni dell'Inquisitore hanno rafforzato le posizioni del Ferelden. L'Arle Teagan è furibondo. -- L

Messer Cyril non lascerà che le cose precipitino. Ormai i giochi sono fatti, amici miei. -- M

Staremo a vedere. -- A

Note sulle puntate 3

Articolo principale: Voce del Codice: Note sulle puntate 3

Note consegnate dai corrieri, ricoperte da diverse calligrafie:

Se non fossero in gioco così tanti reali, Leonard, direi che dovremmo lasciare che gli chevalier gettino l'Inquisizione fuori dal Palazzo d'Inverno. -- M

Siamo d'accordo. I loro soldati sono dappertutto... Uno mi ha bloccato al cancello, l'idiota ha confuso la maschera della mia casata con quella di una famiglia che non è neppure stata invitata! Come possono pretendere di comandare, se non riescono a padroneggiare neppure le procedure di base? -- L

Disgustoso. Io ho sorpreso un soldato dell'Inquisizione e una guardia del palazzo intenti a picchiarsi. -- A

Cosa è accaduto? -- M

Li ho fermati, ovviamente. Il Sacro Concilio non deve sfuggire al controllo. -- A

Mi si è prospettata un'eventualità tremenda: e se non si decidesse nulla? Che ne sarà delle nostre scommesse, signori? -- L

Che il Creatore non voglia! Se questo dovesse accadere, potremmo donare i reali a quella struttura per Furie in pensione gestita da tua sorella, Leonard. Almeno quei veterani non soffriranno più il freddo. -- M

Nuovi clienti

Articolo principale: Voce del Codice: Nuovi clienti

Al Maestro Kells,

Il nuovo cliente vuole una quantità di lyrium rosso doppia rispetto all'ultima spedizione. Il contatto dice che è destinata a un tale di nome Samson. L'ho incontrato durante l'ultimo viaggio. Sembrava un templare, anche se l'armatura che indossava non apparteneva alla Chiesa. A ogni modo, è danaroso, e non si mette mai a discutere.

—Toby

Nuovi ordini

Articolo principale: Voce del Codice: Nuovi ordini

Besen,

Maddox ha bisogno di una dose doppia di lyrium rosso per modificare la mia armatura in modo adeguato. Diventare il Ricettacolo significa che deve essere perfetta. Fai in modo di recuperare la quantità necessaria nel giro di tre giorni, e tu e la tua squadra avrete la possibilità di servire come guardie d'onore di Corypheus.

Le mie verifiche continuano. La prima volta che ho indossato l'armatura, pensavo di bruciare. Se non ci fosse stato Corypheus a fermarmi, mi sarei strappato la pelle di dosso. Ora l'armatura è equilibrata. Posso marciare per giorni senza riposare e spezzare un uomo come fosse un fuscello. Sono pronto a diventare il Ricettacolo.

Maddox può venire da te per lavorare alle modifiche sulla mia armatura. Se ti fornisce istruzioni sul lyrium, seguile alla lettera. Trattalo come tratteresti me.

Samson

Ordini di costruzione

Articolo principale: Voce del Codice: Ordini di costruzione

Come sapete, dopo i terribili eventi della scorsa settimana, molti passaggi attraverso le montagne sono instabili e rischiano di crollare da un momento all'altro. Non voglio perdere altri fratelli e sorelle per cercare fantomatici "tesori perduti dei fanatici".

Dobbiamo chiudere tutti gli ingressi alle montagne. I templari hanno già controllato attentamente le caverne e raccolto tutte le risorse di valore. Ciò che resta dei Discepoli di Andraste sarà dimenticato, sepolto nelle viscere della terra. Dopodiché, non parleremo mai più di loro. Questo è un nuovo Haven, fatto risorgere dalla vera Chiesa guidata dalla Santissima Justinia V.

—Madre Florentine

Ordini pubblicati nella fabbrica

Articolo principale: Voce del Codice: Ordini pubblicati nella fabbrica

Delle parti del testo sono in Qunlat indecifrabile, con quelle che potrebbero essere formule di un sistema numerico poco noto. Una sezione è stata tradotta per i lavoratori viddathari della fabbrica, quindi cerchiata, sottolineata più volte e circondata da frecce disegnate, a indicare che tutti dovevano leggerla con attenzione:

Per gli inneschi, combinare NON PIÙ DI UNA PARTE di veleno ataashi con una quantità uguale di auxina di radice mortale e TRE PARTI di silverite in polvere. Aggiungendo più veleno SI CAUSERÀ LA CORROSIONE DELL'INVOLUCRO DEGLI INNESCHI, RIEMPIENDO IL LOCALE CON GAS LETALI. Se qualcuno ancora non ha ben chiara la formula è pregato di recarsi subito da me! Dobbiamo preparare molti inneschi in poco tempo e non tollererò altri ritardi causati da errori!

Osservazioni cliniche

Articolo principale: Voce del Codice: Osservazioni cliniche

Vana speranza che qualcuno più abile di me arrivi a sostituirmi prima che il soggetto muoia. Nel caso, lascio degli appunti.

Giorno 1

Sudori. Respiro flebile. Battito accelerato. Nessuna reazione. Pupille dilatate. Il mago dice che il "marchio" pulsa di magia sconosciuta. Consiglierei la presenza di un templare, come prevenzione.

Giorno 2

Battito normale, respiro normale. Ancora nessuna reazione. Prima somministrazione di preparati. Estratto di radice elfica per accelerare la guarigione. Soggetto molto agitato. Parla di "troppi occhi", di "grigi". Buon segno?

Giorno 3

Soggetto più tranquillo. Prime risposte agli stimoli. Parametri vitali stabili. Due tentativi da parte dei locali di irrompere nella chiesa per uccidere il soggetto. Dopo tutta la fatica per scongiurarne la morte, la sua esecuzione sarebbe intollerabile. Si sveglierà entro il mattino. Informerò Dama Cassandra.

Pagine trovate vicino a un vecchio fuoco da campo

Articolo principale: Voce del Codice: Pagine trovate vicino a un vecchio fuoco da campo

Intorno a un vecchio fuoco da campo giacciono le pagine strappate di un vecchio libro, forse utilizzate per accendere il fuoco. Il ghiaccio ha conservato soltanto poche pagine:

Haron e Orinna hanno distratto gli Avvar, ma quando io e Telana abbiamo superato la barriera ghiacciata del Tevinter per entrare nella fortezza, ci siamo resi conto con orrore che questa è la loro base. Conoscono talmente bene il ghiaccio magico che possono oltrepassare la difesa senza aver bisogno di scioglierla. Invece di attirare il drago in trappola, abbiamo rimediato una battaglia brutale nel covo dei nostri nemici.

Non ho mai visto un drago così potente. Posseduto da quell'antico dio-spirito Avvar, la sua furia è addirittura superiore a quella dell'arcidemone Dumat. Prego che le leggende secondo cui un altro arcidemone porterà il Flagello nelle Anderfel siano senza fondamento, ma ora capisco perché l'Imperatore Drakon mi ha mandato qui. La nuova "Orlais" di Drakon non può affrontare due draghi divini contemporaneamente.

Telana è rimasta ferita nell'ultima battaglia. Dice di essere ancora in grado di combattere, ma zoppica vistosamente anche dopo le nostre magie curative. Appena ci saremo scaldati, la rimanderò in superficie. L'incantesimo per sigillare il drago offre ben poche vie di scampo e, nelle sue attuali condizioni, non può sperare di sottrarsi all'ondata magica. Se tutto va bene, tornerà alla civiltà insieme a Orinna e Haron, prima di tornare con i rinforzi.

Sento di nuovo le dita. È ora di andare.

Paure dei Sognatori

Articolo principale: Voce del Codice: Paure dei Sognatori

Il pellegrino

Giunsi al Tempio delle Sacre Ceneri con i fedeli, per fornire assistenza al conclave. Pregavo il Creatore per la pace nel mondo quando la montagna tremò e mi crollò addosso. Solo, nell'oscurità, le gambe spezzate, piansi nel timore di un mondo senza Creatore, sognando mostruosità nel nero più cupo.

Illuminate le mie ultime ore. Lasciatemi raggiungere il Creatore senza che i terrori delle tenebre mi confondano.

───────

Il possidente

Vidi il Flagello devastare la mia terra, ma non avevo altro posto in cui andare. Lavorai i campi anche se le mie bestie morivano e i miei cari si ammalavano. Con le membra agonizzanti, mi accorsi troppo tardi del veleno penetrato nella terra. Nei miei sogni allucinati, la malattia dilagava nel mondo, e piangevo per la famiglia che avevo ucciso con il mio sciocco orgoglio.

Mostratemi che questo mondo può sopravvivere. Mostratemi che il veleno non corrompe ogni cosa.

───────

Il Custode Grigio

Diventai un Custode per servire nella gloria. Nessuna lama poteva sfiorarmi, la mia armatura era impenetrabile. Tuttavia, l'Unione mi condannò a morte. Solo, nelle Vie Profonde, con il Richiamo nella mente, sedetti intorno all'ultimo fuoco da campo, per un'ultima notte di terrore. Maledicendo il destino che mi condusse lì.

Assicuratemi che la mia morte è frutto del mio libero arbitrio, decisa dalla mia nobiltà d'animo e non dalla sorte. Distruggete il mio destino, e che questa sia la mia decisione.

───────

Lo studioso

Quando la Prole Oscura era appena nata, quando i magister l'avevano appena condotta da noi con il loro peccato, io fui tra i primi Custodi Grigi e giurai di fermare il Flagello che minacciava il mondo. Osservammo l'arcidemone perire sotto i nostri colpi micidiali, e risorgere nel corpo di un suo servitore. Era immortale. Cercai invano il modo di uccidere la bestia e salvare il mondo. Dormii nel terrore, rassegnato, con l'unica certezza che il Flagello scatenato dai magister avrebbe distrutto ogni cosa, e questo a causa delle mie mancanze.

Mostratemi ciò che va fatto per annientare l'arcidemone. Mostratemi ciò di cui ho bisogno per salvare il mondo.

───────

Il fanciullo

Haven è bruciato. La mamma piange di nascosto. In montagna fa freddo, e mi fanno male i piedi. La mamma mi chiede di tacere, perché altri stanno peggio di me. Dice che un mostro chiamato Corypheus ha attaccato Haven, e che solo la benedizione del Creatore ci ha permesso di fuggire. Non mi sento benedetto. I mostri arrivano ogni notte, mentre dormo, e non voglio più svegliare la mamma con i miei pianti.

Mi manca Ser Sbuffo. Ser Sbuffo scacciava i mostri che infestavano i miei sogni.

Piano d'attacco

Articolo principale: Voce del Codice: Piano d'attacco

Questa lettera è scritta in Qunlat e in lingua comune:

Ho letto i rapporti. Posiziona la tua gente nelle torri elfiche abbandonate, vicino al lago. Si trovano a poca distanza dall'ingresso che conduce allo specchio collegato a Halamshiral. Una volta completata l'infiltrazione, avremo bisogno di spazio per alloggiare le nostre forze.

In fondo c'è una mappa del Crocevia, con una freccia che parte dall'Eluvian delle rovine elfiche e conduce al Palazzo d'Inverno.

Procedure scritte per i nuovi lavoratori

Articolo principale: Voce del Codice: Procedure scritte per i nuovi lavoratori

Anche se una parte di questa lettera è scritta in Qunlat, il messaggio è per lo più in lingua comune, con lettere squadrate e semplici, ben tracciate:

Il Soffio del drago deve procedere, a prescindere dalle preoccupazioni nel Palazzo d'Inverno. Molti si sono appena uniti al Qun e non hanno ancora imparato a fidarsi. È normale essere preoccupati: il resto del mondo non ha fatto che tradirvi.

Tutti coloro che sono stati nel Darvaarad sanno quanto sia difficile mantenere l'esemplare per l'estrazione per un tempo prolungato come quello che abbiamo ottenuto. Se avessimo ritardato il Soffio del drago, avremmo dovuto liberarci dell'esemplare. La creazione della gaatlok è solitamente un procedimento lento, che richiede lunghi scavi e complicate pratiche alchemiche. L'estrazione del veleno rappresenta l'unico modo per ottenere le quantità necessarie e mettere in atto il Soffio del drago. Se ritardassimo il piano, perderemmo ogni possibilità di portare la pace nel sud senza causare inutili sofferenze. Il Qun vuole che salviamo i lavoratori del sud da una guerra sanguinosa, mostrando loro insegnamenti prima che la corruzione avanzi ulteriormente sulla terra.

Altri hanno avanzato perplessità sull'esemplare. Il Qun non chiede che si commettano atti crudeli sugli esseri viventi, ma assegna a ogni creatura un posto e un compito. L'esemplare sta solo seguendo il suo destino. Una volta completato il Soffio del drago, sarà eliminato rapidamente e in modo indolore, esattamente come gli animali di cui ci nutriamo.

Lasciate che siano i vostri superiori a preoccuparsi degli agenti di Fen'Harel e ricordate il vostro ruolo nel servire il Qun.

Punto di Nigel

Articolo principale: Voce del Codice: Punto di Nigel

Sono ansiosa di esplorare e studiare il Punto di Nigel. Figura tra le rovine che l'esploratore Ser Nigel visitò durante i suoi viaggi nelle Montagne Gelide. Molto di ciò che ho appreso su questa regione deriva proprio dalle sue note e i suoi appunti. Non capisco perché la sua opera abbia avuto così scarso successo, almeno rispetto a quella di Fratello Genitivi o di quel ciarlatano, Philliam il Bardo!

Mi chiedo se riuscirò a scoprire la funzione originaria del Punto di Nigel. Il suo nome antico è andato perduto, ma sono certa che la struttura fu edificata in onore di un Antico Dio. Quale, però, è tutto da vedere. Se riuscissi a scoprirlo... e se Harding non mi guardasse storto ogni volta che le chiedo di poter fare un sopralluogo! Dice che è troppo pericoloso. Secondo me esagera.

—Dal diario di ricerca di Colette

Quando regna la calma

Articolo principale: Voce del Codice: Quando regna la calma

Carissima Iora,

So che questa lettera non ti raggiungerà mai, come del resto tutte le precedenti. Ma scrivere mi aiuta ad accettare la mia nuova vita da Legionario. Qui ho visto fin troppa morte, eppure ci sono meraviglie che mi piacerebbe tanto mostrarti. Quando regna la calma, si possono ancora intravedere le Vie Profonde di un tempo. Ora sono seduto sotto la statua in rovina di un Campione. Neppure Ansa ha saputo dirmi chi rappresenta, dato che il volto è irriconoscibile. Mi piace pensare che sia Endrin Stonehammer o Moroc il Maglio, oppure la tua adorata Astyth la Grigia.

Una volta non avevo il minimo interesse per la nostra storia. Ricordi il vecchio Osteg e le sue farneticazioni sull'antica gloria di Orzammar? Quando nominava thaig che non aveva mai visitato e persone di cui aveva solo letto qualcosa? Gli ridevo dietro. Però qui sotto, vedendo ciò che abbiamo perduto... Queste non sono semplici strade, Iora. Collegavano il nostro impero, facevano fiorire la nostra cultura. La Pietra ci aveva accettati, e noi potevamo vivere e muoverci al suo interno. Ora ci aggrappiamo a essa come se stessimo annegando.

Perdonami. Tutte le mie lettere finiscono allo stesso modo.

Legionario Greck

Questione di precisione

Articolo principale: Voce del Codice: Questione di precisione

...che avanzavano contro di loro furono bloccati dalla luce sprigionata dalle sue mani esperte. Fu così che ella prese l'iniziativa, in un modo su cui è opportuno sorvolare in questa sede, e condusse il gruppo al sicuro.

Gli occhi di Ameridan cercavano i suoi mentre riferiva tutto ai presenti? Non avevo mai conosciuto quella donna. Eppure le loro mani si cercavano, come quando io stesso cerco un caldo e muto conforto nelle dita di mia moglie. Tra di loro vi erano soltanto sussurri.

Che avesse pronunciato il suo nome durante il resoconto dei fatti? Sarebbe arrivato a tanto? I tempi sono diversi, ma quanto sono cambiati realmente?

—Dalle memorie di messer Bescond, il cui primo manoscritto risale all'1:48 Era Divina

Segue una lettera:

Kenric,

Questa è una copia esatta. Le pagine precedenti sono andate perdute, se non rimosse, molto tempo addietro. Bescond non fa altri riferimenti a questa donna, anche se in seguito Ameridan appare più volte. Gli scritti di messer Bescond non sono del tutto sconosciuti, in quanto ricchi di informazioni sull'Inquisitore Ameridan, ma è difficile trovarli negli archivi della Chiesa. La loro fondatezza è largamente contestata. Alcuni si sono chiesti se termini come "luce" o "iniziativa" implichino qualcosa di magico o sacro. Senza contare il fatto che Bescond scrisse queste memorie molti anni dopo l'accaduto. La stessa moglie dell'autore ne mise in dubbio la precisione: affermò che il marito ricordava la gioventù trascorsa nella capitale orlesiana con la lente della nostalgia e dell'età ormai avanzata. Credo che tale dichiarazione, questa sì, faccia parte degli archivi ufficiali della Chiesa.

Buona fortuna,
M.

Rapporti per Calpernia

Articolo principale: Voce del Codice: Rapporti per Calpernia

A prima vista, questi scritti sembrano insignificanti: ricette di erboristeria, manifesti commerciali, descrizione della fauna locale. Gli esperti di Leliana hanno decodificato tali scritti e scoperto il loro scopo: sono messaggi delle spie di Calpernia, cifrati.

Ho messo le mani su un altro tomo, ho copiato la pagina e l'ho riportato prima che Messer Geresque se ne accorgesse. Gli abiti di Corypheus sono indubbiamente simili a quelli nei dipinti dei magister dell'antico Tevinter, mia signora. La sua storia sembra vera. —Veska.

Abbiamo seguito Corypheus e la sua fidata scorta finché abbiamo potuto, ma poi le trappole ci hanno bloccati. Il santuario non è accessibile, mia signora, non senza mettere in allerta Corypheus. Proveremo in altri modi. —Serapin.

Da colei che avete liberato: salute. Corypheus potrebbe aver visto i nostri volti durante l'ultima missione. Forse è meglio inviare un nuovo agente. Abbiamo una recluta del gruppo di Vicinius che potrebbe fare al caso nostro. —Rhiannon

Avevate ragione, Dama Calpernia. Senza Samson alla guida dei templari, Corypheus si affida sempre più ai suoi venatori. La vostra posizione è sicura. Non siamo maghi, ma saremo al vostro fianco quando giungerà il momento. Siete la prova di cosa può diventare uno schiavo. —Serapin

Rapporto mensile

Articolo principale: Voce del Codice: Rapporto mensile

Maestro Kells,

I numeri parlano chiaro. Con tutto questo lyrium, gli affari vanno a gonfie vele. È rosso e non blu, ma la gente lo compra comunque. Il mago potrebbe capire che differenza c'è tra l'uno e l'altro. Che cominci a darsi da fare.

Abbiamo molto denaro a disposizione. Non è necessario pagare qualche lurido nano, dal momento che la roba rossa non proviene dalle Vie Profonde. Chissà come sono scornati: qualcuno ha trovato del lyrium quassù e loro non vedono un soldo.

—Vishlan

Registri di un guardiano del Darvaarad

Articolo principale: Voce del Codice: Registri di un guardiano del Darvaarad

Le annotazioni in questo registro sono scritte da mani diverse, a volte anche in lingue differenti. Dalle poche voci in lingua comune, sembra che si tratti di un registro compilato dalle diverse guardie che hanno sorvegliato i cancelli del Darvaarad:

Mattino: consegnati manufatti dal kith Hissra. Posizione originale non specificata. Ho chiesto a Isskari, risposta, "Arrivano dalle rovine". Gli agenti devono ricordare che le reliquie vanno catalogate correttamente, altrimenti le lamentele di Taarbas non cesseranno mai.

Pomeriggio: tre kith in azione. Fra loro, anche Isskari del kith Hissra. Le ho detto di annotare le posizioni, questa volta.

Sera: rapporto dal kith Hissra. Isskari mi ha consegnato la sua nota, con scritto solo "Fuori dal Darvaarad". Chiederò un coltello allo sten.

Registro del domatore

Articolo principale: Voce del Codice: Registro del domatore

La prima metà di questo registro sembra essere composta da note sulla cura e la nutrizione degli animali nel maniero di un signore dei Liberi Confini. In seguito passa alla pratica di frasi in Qunlat e, ancora più avanti, è riportato quanto segue:

La belva presenta dei graffi vicino agli arti e alla coda, probabilmente causati dal tentativo di utilizzare delle catene. Anche se la sua forza naturale è integra, i muscoli sono stati indeboliti dal confinamento. Taardathras ha detto di aver provato a sedare la bestia, inizialmente, ma la quantità di sostanza necessaria per mantenerla sedata andava a influire sulla qualità del suo veleno, che non era più utilizzabile per la produzione di gaatlok. Afferma che il fuoco può controllare la bestia, mentre dei pannelli riscaldati la mantengono in uno stato di sonnolenza.

Taardathras non è abile quanto crede, quando si tratta di mentire. Non le piace quello che stiamo facendo alla belva. Lei la chiama Ataashi, che significa più o meno "grande cosa", e continua a ripetere dei versi del Qun, mentre estrae il veleno.

Non che io sia in disaccordo con lei: ho già visto soffrire fin troppe bestie innocenti, per via degli ordini del mio signore. La belva, Ataashi, si merita ben altro delle sbarre e degli aghi che utilizziamo su di lei ogni volta che preleviamo il veleno.

Taardathras dice che al Palazzo d'Inverno potrebbe esserci bisogno di me. Probabilmente alcuni vedono gli elfi con sospetto, a causa di questi attacchi degli agenti di Fen'Harel, ma una donna umana passerebbe inosservata, fra i servitori. Dice che potrebbe essermi richiesto di consegnare altra gaatlok, in contenitori diversi: secondo lei si tratterà di un incarico pericoloso e, qualora non dovessi fare ritorno, tutti mi daranno per morta.

Come ho già detto, Taardathras non è molto brava a mentire.

Però ha ragione. Non mi sono unita al Qun per fare ciò che faccio.

Roccaforte dei maghi eretici

Articolo principale: Voce del Codice: Roccaforte dei maghi eretici

Sei stanco di quegli sciocchi che ti sconvolgono con la loro paura? Vieni a Witchwood. Segui i cartelli. Qui saremo liberi di lavorare a ciò che vogliamo, liberi di diventare le nuove divinità che potenzialmente già siamo.

—Una lettera non firmata scritta con caratteri molto grandi
───────

Gli sciocchi di Redcliffe giocano a fare i maghi buoni, come sempre. Ma siamo noi a conoscere la verità. Questo è il mondo che vogliamo conquistare. Ogni singolo contadino che getta una pietra, ogni singolo templare che osserva con sconforto il nostro Tormento. Meritano di saperlo. Segui la strada fino a Witchwood e trova i tuoi fratelli.

—Una lettera non firmata, con una scrittura molto sempliciotta
───────

Non vogliono che sogniamo perché sapevano che avremmo sognato la verità, il potere, la debolezza del mondo. Elementi che ci avrebbero permesso di disfarlo e ricrearlo da zero. Noi siamo i prescelti, coloro che hanno il potere di attuare il cambiamento e la volontà di consolidarlo. Abbiamo conquistato i Circoli. Conquisteremo i templari. Vieni con noi a Witchwood. Nessuno che ha il potere dell'Oblio nelle proprie mani verrà scacciato.

—Una lettera non firmata, con il bordo della pagina bruciacchiato

Superstizioni

Articolo principale: Voce del Codice: Superstizioni

Un libro di superstizioni. Molte pagine sono state marcate.

Come prevenire la formazione della magia nelle sue prime fasi

Se in famiglia scorre sangue magico o se ve ne è anche il minimo sospetto, evitare di concepire in inverno. A concepimento avvenuto, invece, dormire con dell'embrium essiccato sotto il cuscino per mantenersi in salute.

Nei primi anni di vita i bambini non mostrano alcun segno di magia. Tuttavia è possibile espellere dall'organismo gli elementi indesiderati prima che prendano forma. Posizionare sanguisughe su tutti gli arti del bambino. Poi bruciare le sanguisughe assicurandosi di non inalare i fumi. Dopodiché, fasciare gli arti così trattati servendosi di panni benedetti da una sorella della Chiesa.

Un bambino che mostra segni di magia può essere immerso in acqua fino a un attimo prima che gli manchi il respiro. Se non ha ancora attecchito, la magia "annegherà" prima del bambino. Se il problema persiste, alcuni talismani potrebbero sopprimere i poteri del bambino.

Taccuino carbonizzato

Articolo principale: Voce del Codice: Taccuino carbonizzato

Questo taccuino carbonizzato contiene resoconti, dettagli delle rotte di spedizione, manifesti di carico ed elenchi di contatti, il tutto in ordine sparso. L'ultima nota cita:

Promemoria: gli uomini di C arrivano domani per discutere del nuovo carico. Far notare l'incidente con l'ultimo corriere. Perdiamo profitti per tenerli buoni. Un buon cliente, ma mi sta prosciugando. Chiedere compensazione.

Promemoria: trovare una buona bottiglia di rosso di Ghislain per l'incontro con l'Inquisitore. Sarà memorabile.

Taccuino rovinato di Parson

Articolo principale: Voce del Codice: Taccuino rovinato di Parson

Oltre la Pietà di Andraste, cento passi verso la rivelazione.

Non so cosa significhi. Che sia una metafora? Non so neppure dove mio padre abbia trovato questa... marea di assurdità. Ci ha messo una vita soltanto a capire che si riferiscono a oggetti delle Tombe di Smeraldo. Ora spetta a me portare a termine la sua opera. So già che ci rimetterò la pelle. Perché ha usato tutto il fiato che aveva in corpo per chiedermi di risolvere l'enigma al posto suo? Che razza di padre può pretendere una cosa del genere da suo figlio?

  1. Qui giace la mia anima, intrappolata in una gabbia d'ossa.
  2. Qui giace il mio passato, abbandonato ai venti pungenti.
  3. Inarcandosi su ali distese, anche la pietra può elevarsi.
  4. Ma il cielo è una severa padrona, e vuole la mia vita.
  5. Un calice del mio stesso sangue, su un tavolo di ceneri. Dove può posarsi l'occhio?
  6. Voltati e affronta le tenebre, senza battere ciglio.
  7. Stanze sussurranti custodiscono segreti che neppure la luna conosce.
  8. Rose e margherite per il suo amore. Dove egli si erge, nessuno può cadere.
  9. Ammazzadraghi, quattro a nord-ovest, due da nord-est, tre da sud-est.
  10. Implorarono pietà alla donna incoronata con grazia e stelle.
  11. Boccoli sulla sua testa, montagne ai suoi piedi; ella è la madre della Fede.
  12. Oltre la Pietà di Andraste, cento passi verso la rivelazione.
  13. Cullare il gatto in una fascia di seta, e dire "La colomba non chiamerà più".
  14. Un dito puntato verso l'alto, dove giace il tuo cuore.
  15. Ma la lancia trafigge l'occhio della tigre, e la preda è il cacciatore.
  16. Vitree lame sotto i miei piedi; percorro la via della fiamma.
  17. La verità è sepolta sotto le pietre del sacrificio.
  18. Alle spalle del vento.
  19. Nel palmo della fortuna.
  20. Alla fonte dei sospiri.

Taccuino strappato nelle Vie Profonde, sezione 1

Articolo principale: Voce del Codice: Taccuino strappato nelle Vie Profonde, sezione 1

Molte di queste pagine sono piene di schizzi di statue elfiche che ritraggono quelle presenti nell'area, insieme a delle note e a quelli che sembrano tentativi di fare pratica nella lingua Qunlat:

Ebost: voi tutti siete
Ebadim: essi tutti sono
Ebsaam: noi tutti siamo

Se Fen'Harel ha davvero degli agenti che stanno lavorando contro di noi, allora il Temibile Lupo starà sicuramente ridendo di me. Il Flagello ha sterminato il mio clan, così ho raggiunto Kirkwall. Kirkwall va in rovina, così entro nel Qun. E ora i qunari mi trascinano negli abissi senza luce, e per quale motivo? Perché la ninna nanna che mi ricordo fa di me un esperto degli antichi elfi.

Queste statue sono vecchie e meglio conservate di qualsiasi cosa io abbia mai visto in superficie. Molte di loro sono dedicate a Mythal, però. E a Fen'Harel. Non viene raffigurato in posizione dominante, ma di guardiano, in attesa.

Protettrice e madre di ogni cosa, perché venivi riverita qui, così lontano dalla luce del sole? E perché al tuo fianco stava il Temibile Lupo?

Taccuino strappato nelle Vie Profonde, sezione 2

Articolo principale: Voce del Codice: Taccuino strappato nelle Vie Profonde, sezione 2

Molte di queste pagine sono piene di schizzi di statue elfiche che ritraggono quelle presenti nell'area, insieme a delle note e a quelli che sembrano tentativi di fare pratica nella lingua Qunlat:

Dicono che l'agente di Fen'Harel sia stato la causa dei problemi al Crocevia. Vorrei averlo conosciuto. Vorrei che chiunque combatte nel nome del vecchio lupo fosse stato presente, quando la Prole Oscura ha preso il mio clan.

La miniera non dev'essere messa in dubbio. Ho scelto il Qun. Il Qun mi proteggerà.

Rethost: tutti proteggi
Rethadim: tutti proteggono
Rethsaam: tutti proteggiamo

Queste statue sono più vecchie di qualunque cosa io abbia visto nei giorni del clan. Si trovano in un'area nanica, però: che cosa ci facevano qui gli antichi elfi? Degli scavi? Dove erano i nani? Sarebbe stato più semplice demandare a loro la cosa. Non è una stazione di scambio. Non si fa così! Non vai a casa di qualcuno, distruggi i suoi e li sostituisci con i tuoi.

Una guerra? Non mi vengono in mente leggende di scontri fra la mia gente e i nani. Anche se ricordo che il mio guardiano raccontava che i nani temono il sole a causa del fuoco di Elgar'nan. Una metafora degli elfi di Arlathan che hanno spinto i nani nel sottosuolo? Ai qunari piacciono le metafore. Dovrei condividere questo fatto.

Taccuino strappato nelle Vie Profonde, sezione 3

Articolo principale: Voce del Codice: Taccuino strappato nelle Vie Profonde, sezione 3

Molte di queste pagine sono piene di schizzi di statue elfiche che ritraggono quelle presenti nell'area, insieme a delle note e a quelli che sembrano tentativi di fare pratica nella lingua Qunlat:

Sto cercando di ricordare quella vecchia ninna nanna che parlava di Mythal. Mamma me l'ha cantata la notte prima che i prole oscura ci assalissero. Quella è stata l'ultima volta che ho sentito la sua voce.

Ir sa tel'nal,
Mythal las ma theneras.
Ir san'a emma,
Him solas evanuris.
Da'durgen'lin,
Banal malas elgara.
Bellanaris, bellanaris.

Scritta accanto a ogni frase elfica c'è la sua probabile traduzione:

Io sono vuoto, ripieno di nulla (?),
Mythal ti dona i sogni.
Ti riempie, dentro di te (?),
Rendiamo orgogliosi i nostri capi.
Le mie piccole pietre,
Il sole non è mai tuo.
Per sempre, per sempre.

Hahren ha detto che abbiamo perso alcune delle antiche parole. E se fossero cambiate? Durgen' lin da durgen' len? Piccoli nani, il sole non è mai vostro? Cos'ha fatto qui Mythal?

Qualcosa non va. Le luci sulle pareti vanno scemando. Devo cercare aiuto, qui non è sicuro. Senza luce...

Itwa-ost: tutti cadete
Itwa-adim: tutti cadono
Itwasaam: tutti cadiamo.

Tocco di Razikale

Articolo principale: Voce del Codice: Tocco di Razikale

La nebbia calò rapidamente, offuscando il mondo e rendendo ancora più scivolose le pietre sotto i nostri piedi. Dovevamo trovare un riparo prima che svanisse anche quell'ultimo barlume di luce. Proseguimmo a rilento, seguendo l'ampia schiena dipinta di Ragnarr, fino a giungere presso un antico tempio del Tevinter al calar del sole. Ragnarr disse di accamparsi sotto il passaggio d'ingresso e di non inoltrarci troppo tra quelle rovine. La sua voce flebile tradiva una certa inquietudine, se non un autentico terrore. Per non allarmare il resto della spedizione, presi Ragnarr da parte e questi mi spiegò che, stando ad alcuni Avvar, il tempio era infestato da antichi spiriti vendicativi. Il Tevinter giunse qui molto tempo addietro e costruì grandi templi, finché un giorno, all'improvviso, li abbandonò tutti. Ragnarr era convinto che qui avessero commesso qualcosa di terribile, senza specificare altro. Qualunque fosse il motivo, egli era profondamente turbato dal tempio e ci aveva condotti lì solo per disperazione.

Quella notte dormii a stento. Ricordo di aver aperto gli occhi e di aver visto una luce pulsante color ambra provenire da un passaggio laterale. Strabuzzai gli occhi ed era svanita. Il mattino seguente, la nebbia si era diradata e mi chiesi se avessi davvero visto quella luce... o soltanto sognata.

—Dai diari di viaggio di Ser Nigel, esploratore e cavaliere

Un buon matrimonio

Articolo principale: Voce del Codice: Un buon matrimonio

In un villaggio poco distante dal nostro, Virmik Torsen doveva sposare Seddra Yildsdotten. Erano giovani, innamorati e tributarono generose offerte agli dei chiedendo una vita felice. La notte prima delle nozze, Seddra fece un sogno. La Signora dei Cieli giunse da lei e le disse di annodare la corda in modo che il loro matrimonio durasse un solo anno. Seddra si destò turbata, ma obbedì alla Signora. Così Virmik sciolse un solo nodo, e i due furono marito e moglie per un anno.

Fu un anno difficile. I loro archi mancarono le prede e il vento invernale soffiò nella loro dimora. Virmik e Seddra dimagrirono. Al termine del matrimonio, tributarono altre generose offerte agli dei, questa volta implorando pietà. La notte prima delle nozze, la Signora dei Cieli comparve a Virmik in sogno e gli disse di sciogliere un solo nodo, affinché il loro matrimonio durasse un anno. Virmik si destò crucciato, ma obbedì alla Signora e fu il marito di Seddra per un altro anno.

Fu un anno lungo. Il tempo inclemente rovinò gran parte dei raccolti. Virmik e Seddra dimagrirono ancor di più. Al termine del matrimonio, la Signora dei Cieli apparve in sogno a entrambi i giovani. "Avete chiesto felicità," disse loro, "ma non posso concedervela. Avete implorato pietà, ma la terra non ha ascoltato. Pensate attentamente a ciò che chiederete domani."

Dopo aver discusso tutta la notte, il mattino seguente Seddra e Virmik fecero un'offerta agli dei. Chiesero forza per cacciare e mietere quando la vita era benevola, pazienza per quando non lo era. L'anno fu fruttuoso in certi giorni e infruttuoso in altri, ma i due ebbero modo di conoscersi meglio e di capire i propri limiti. Raggiunsero la felicità non grazie ai doni tributati agli dei ma in virtù delle loro azioni, e vissero uniti il resto dei loro giorni.

—Da Storie del selvaggio sud: una raccolta di leggende delle nazioni barbare del Ferelden, di Dama Susanna Ashwell di Ansburg

In fondo alla pagina ci sono degli appunti dalla diversa calligrafia:

Come può una corda sancire la durata di un matrimonio?

Nella tradizione Avvar, lo sposo scioglie i nodi di una corda che la sposa ha provveduto ad annodare. Il numero di nodi sciolti entro la fine di uno specifico canto nuziale equivale alla durata, espressa in anni, del loro matrimonio.

Assurdo!

Per niente. Passato l'entusiasmo iniziale, ogni matrimonio può trasformarsi in una sciagura. In caso di incertezza, si può sciogliere un solo nodo o legare la corda ben stretta, come nella storia.

Per me è una grande scemenza.

La piantate di scarabocchiare sul libro che devo restituire alla biblioteca?

Un diario consunto

Articolo principale: Voce del Codice: Un diario consunto

Questo libro sembra essere un diario, con strani schemi e illustrazioni disegnati accanto a strette colonne di testo.

All'inizio ho pensato che le rocce luminose cadessero dal cielo. Ma gli spiriti sussurrano che questi frammenti si trovano qui da tempo immemore. Forse lo squarcio nel Velo ha rivelato tali pietre? È per questo che quei maghi dalle vesti bizzarre le vogliono? Ieri hanno collocato dei teschi in cima ai pilastri! Gli spiriti mi hanno consigliato di nascondermi, e per fortuna li ho ascoltati. Ho visto uno dei maghi aprire la pancia di un uomo con un pugnale e trarre potere dal suo sangue. Ho paura.

───────

Se l'Inquisitore recluta i maghi ...
Credevo che i templari dovessero fermare i maghi del sangue, ma quelli che sono venuti erano strani. E rossi. E lavoravano con i maghi. Gli spiriti sono d'accordo, ed è piuttosto allarmante. Mi hanno caldamente consigliato di allontanarmi, ma le mie scorte sono scarse. Ci penserò tra qualche giorno, se la caccia andrà bene.

Se l'Inquisitore recluta i templari ...
Ma i Circoli non impediscono ai maghi di usare la magia del sangue? Cosa sta succedendo nelle città? Io me ne sto qui con gli spiriti, grazie! Anche secondo loro è la cosa giusta da fare.

Un diario strappato

Articolo principale: Voce del Codice: Un diario strappato

La pagina strappata di un diario

Non è giusto. Voglio uscire. Sento gli ospiti al piano di sotto. Un altro ricevimento. L'ennesimo. Mamma e papà mi hanno comprato un regalo per farmi stare meglio. Per rendermi migliore. Vogliono soltanto che me ne stia zitta.

La cuoca ha paura di me. Continua a chiamarmi "zuccherino", ma so che ha paura. Però non ha detto niente a mamma e papà. Forse non le vanno troppo a genio. Immagino non sopporti neppure se stessa, di questi tempi.

Ho una nuova amica.

Lei mi capisce.

Mi aiuterà a sistemare le cose.


La pagina strappata di un diario

Così imparano. Ci siamo divertite tantissimo! Abbiamo ballato e festeggiato finché nessuno è rimasto più in piedi. È stato magnifico! Il miglior ricevimento della storia! Quando è finito, mamma e papà si sono chiusi nella loro stanza. Mamma piangeva a dirotto per la felicità. Ho mostrato il regalo. Mi ha fatto stare meglio, come dicevano loro.

Non sono ancora uscita di casa. Ho ancora troppa paura di quello che c'è oltre la soglia. Ma... forse uscirò domani.


La pagina strappata di un diario

Stamattina mi sono dovuta preparare la colazione da sola. Non era un granché. Quando ho visto mamma e papà sono scoppiata in lacrime. Non so cosa fare.

La mia amica dice che c'è un modo per sentirsi meno soli. Dice di non avere paura. Ci sono altri giochi che possiamo provare. Così starò meglio.

Un elenco di provviste

Articolo principale: Voce del Codice: Un elenco di provviste

Un elenco dettagliato di scorte necessarie, dal diario di un allevatore di uccelli

Razioni
Nuovi stivali
Corda, varie lunghezze
Spada (per fare scena)
Asciugamano
Stoppa e acciarino
Carbone
Fogli di carta
Sacco a pelo
Radice elfica

Altro? Direi di no.

Un lembo di carta

Articolo principale: Voce del Codice: Un lembo di carta

Un tempo, una Sorella del sud giunse

Faceva la carità e mai si spense

Avrebbe potuto prendere l'oro

o dei vestiti per il freddo oscuro

Prima cercò delle offerte di v...


Pare che qualcuno non sia riuscito a terminare il proprio poema.

Un promemoria su Orzammar

Articolo principale: Voce del Codice: Un promemoria su Orzammar

Inquisitore,

Come avrai già sentito, Orzammar ha urgente bisogno del nostro aiuto. I terremoti sotterranei nelle Vie Profonde rischiano di far crollare innumerevoli miniere di lyrium e, di conseguenza, privare la superficie di questa preziosa risorsa. Sai benissimo quanti ex templari dell'Inquisizione dipendono da essa.

Per noi è essenziale restare in buoni rapporti con Orzammar. La loro politica non è elaborata come quella del Grande Gioco orlesiano, ma la società nanica può rivelarsi altrettanto insidiosa. Orzammar è uno dei due grandi thaig rimasti di quello che un tempo era il grande impero dei nani, e i suoi fieri abitanti sono temprati dalle difficoltà quanto rigidamente tradizionalisti. Per un nano, la casta significa tutto.

Anche se non visiterai la capitale, avrai a che fare con una rappresentante del suo Modellatorio. Il suo nome è Valta, figlia di un illustre membro della casta dei fabbri. Non mi sorprende che Leliana abbia scoperto poco altro sul suo conto, visto e considerato che i segreti di Orzammar sono notoriamente ben custoditi. Ti raccomando di mostrare il massimo rispetto nei confronti del Modellatore Valta. I nani sono un popolo orgoglioso e dalla memoria di ferro. Se qualcuno pesta loro i piedi... beh, immagino tu conosca quelle analogie tra le rocce e la testardaggine dei nani.

Josephine

Una diversa Prole Oscura?

Articolo principale: Voce del Codice: Una diversa Prole Oscura?

Il diario è anonimo e sembra essere piuttosto vecchio. Molte pagine sono danneggiate dall'acqua e dalla polvere, e quelle ancora leggibili sembrano risalire a circa vent'anni fa.

"Finalmente abbiamo trovato Amuk in quel passaggio. Vivo. Non riesco a crederci. Ho continuato a scavare soltanto perché lui possedeva la chiave del magazzino, ma dopo due settimane mi aspettavo di trovarla addosso al suo cadavere. E cosa mi viene a raccontare? Che è stato salvato da un prole oscura. Un prole oscura che parlava, che gli ha dato cibo e acqua e che ha conversato amabilmente con lui riguardo agli abitanti della superficie. Amuk deve essere impazzito. Come può inventarsi una storia del genere? Però lui giura sulla Pietra che è tutto vero. Per quanto sia assurdo, conosco bene Amuk e so che ha l'immaginazione di un martello smussato. Cosa gli sarà saltato in mente?

Tutto questo mi ricorda una storia che raccontava mio nonno. Diceva che un giorno suo nonno si imbatté in tre prole oscura nelle Vie Profonde, ognuno grande il doppio di un nano, perfino più di un umano, e abbigliati con vesti regali. Li osservò di nascosto e disse che parlavano, come persone normali, di cose che lui non capiva. Accennavano a una città diventata nera e si accusavano a vicenda per motivi che ricordava a malapena. Mia mamma era uguale: scordava sempre tutto, a parte il fatto di essere arrabbiata. Poi quei tre si azzuffarono e uno di essi scappò via, mentre il secondo strangolò il terzo e ne divorò il cadavere.

Non so nulla di prole oscura vestiti da re, né di mostri gentili che servono tè e biscotti, ma forse Amuk ne ha incontrato uno. Del resto, nelle Vie Profonde ci sono le cose più strane, cose che neppure i Modellatori ricordano di aver creato. Come se il contrabbando non fosse già abbastanza pericoloso..."

Una lettera accanto a una candela accesa

Articolo principale: Voce del Codice: Una lettera accanto a una candela accesa

Creatore, dammi la forza.

Quando la Prole Oscura giunse a Denerim, piansi così tanto da non vederci più, ma continuai a combattere per Te. Quando i demoni sbucarono dal cielo, là dove si ergeva il Tempio delle Sacre Ceneri, le mani mi tremavano così tanto da non riuscire a puntare l'arco, ma continuai a combattere per Te. Quando Corypheus e il suo arcidemone distrussero Haven e uccisero i miei amici, urlai così tanto da perdere la voce, ma continuai a combattere per Te.

Ora mi ordinano di attaccare Adamant. Dicono che la fortezza è difesa da un'armata di demoni, e che abbiamo tutto contro. Non possiamo vincere, ma il nostro sacrificio consentirà ai meritevoli di fare ciò che è necessario. Ho un groppo allo stomaco, e se chiudo gli occhi rivedo tutti gli amici che ho perso in battaglia.

Ho tanta paura, Creatore.

Ma continuerò a combattere per Te.

Autore ignoto

Una lettera alla Venerata Madre Giselle

Articolo principale: Voce del Codice: Una lettera alla Venerata Madre Giselle

Alla Venerata Madre Giselle, mia amica e fedele servitrice,

Le somme sacerdotesse mi informano che avete richiesto maggiore aiuto nell'assistenza dei profughi che si raccolgono a Redcliffe e nei dintorni del villaggio. Il vostro impegno è molto apprezzato, anche se in futuro, quando gli addetti agli approvvigionamenti vi chiederanno il numero esatto di profughi da assistere, vi invito a fornire un preciso valore numerico piuttosto che un ragionevole, ma del tutto generico, "più che possiamo".

Giselle, mi si spezza il cuore alla vista della guerra che infuria nelle terre del Creatore. Vi vorrei qui con me al Tempio delle Sacre Ceneri. Le vostre parole hanno placato molti animi inquieti negli ultimi anni, e al conclave ci faremo ispirare da esse. Comunque sia, sono lieta che i profughi abbiano trovato una speranza in voi, quando fin troppi potenti sembrano aver dimenticato i nostri fedeli. Se qualcuno di quegli stolti arroganti tentasse di influenzarvi, avvisatemi subito.

Se il Creatore lo vorrà, Giselle, questa guerra terminerà presto. Avete la mia benedizione.

Al servizio del Creatore,
Divina Justinia V

Una lettera anonima

Articolo principale: Voce del Codice: Una lettera anonima

Se l'Inquisitore non ha ancora reclutato i maghi o i templari ...
La presenza dell'Inquisizione nell'area inizia a minacciare le nostre operazioni. Scoraggiamo qualsiasi altra loro spedizione esplorativa, ma soprattutto devono finirla di prestare soccorso ai profughi raccolti al Crocevia. Vanno fatti sloggiare al più presto.

Se l'Inquisitore ha reclutato i maghi ...
Chiunque siano quei templari rossi, la regione sembra fargli gola. Il loro aspetto suggerisce una familiarità con il prodotto che non può essere casuale. Vanno eliminati, possibilmente facendo addossare la colpa alle forze dell'Inquisizione, anche loro sempre più presenti in zona. Facciamo in modo che i due gruppi si ammazzino a vicenda e per noi sarà tutto più semplice.

Se l'Inquisitore ha reclutato i templari ...
Chiunque siano quei venatori, la regione sembra fargli gola. Non so se stiano cercando il prodotto o soltanto dei manufatti tra le antiche rovine. Il punto è un altro: sono troppo vicini alle nostre operazioni e hanno già dimostrato di non essere aperti al dialogo. Vanno eliminati, possibilmente facendo addossare la colpa alle forze dell'Inquisizione, anche loro sempre più presenti in zona. Facciamo in modo che i due gruppi si ammazzino a vicenda e per noi sarà tutto più semplice.

Una lettera anonima nelle Terre Centrali

Articolo principale: Voce del Codice: Una lettera anonima nelle Terre Centrali

Gli scavi preliminari hanno dato risultati eccellenti. È raro trovare il prodotto in quantità così ingenti e così vicino alla superficie. Sembra impossibile, ma è come se crescesse.

Da un lato, questo gioca a nostro vantaggio. Non dovendo collaborare con le vecchie famiglie di Orzammar, né affidarci ai canali ufficiali della gilda, le nostre famiglie faranno soldi a palate. D'altra parte, però, la vicinanza alla superficie e le aree popolate di Redcliffe rappresentano una sfida interessante. La guerra tra maghi e templari dovrebbe tenere la gente alla larga, almeno per un po', ma appena avranno finito di ammazzarsi tra loro scopriranno le nostre operazioni in zona.

Se vogliamo sfruttare questa occasione, l'area deve diventare inaccessibile a chiunque. Assoldiamo dei banditi. In questa parte del Ferelden non mancano di certo, quindi non attireranno molta attenzione. E nessuno faticherà a credere che una vasta fetta di territorio sia finita in mano ai banditi. Se e quando l'operazione verrà scoperta, avremo già finito, e in tal caso ce ne saremo già andati da un pezzo, oppure l'estrazione starà procedendo a gonfie vele, e in tal caso saremo abbastanza ricchi da comprarci il silenzio di chiunque e fare una donazione alla corona, per scusarci del disturbo.

Parlatene con le famiglie e mettetevi all'opera. È un'occasione da non perdere.

Una lettera dal Comandante Clarel

Articolo principale: Voce del Codice: Una lettera dal Comandante Clarel

Magister Erimond,

Non sono un'apprendista alle prime armi. I maghi dei Custodi Grigi che hanno lasciato il Circolo subito dopo il loro Tormento possono accettare le tue spiegazioni senza battere ciglio, ma io ero un'incantatrice ancor prima di unirmi ai Custodi.

I sacrifici, tutte quelle morti, sono fondamentali per vincolare i demoni, te lo concedo. In questo campo sei più esperto di me, quindi non posso esprimere giudizi. Ma i miei maghi hanno cambiato atteggiamento dopo il rituale di vincolo. Rispondono prontamente alle mie domande, ma le loro parole suonano vuote. Numerosi non maghi lamentano il fatto che i loro compagni sono diventati freddi e indifferenti. In alcuni casi, si tratta indubbiamente di una reazione naturale. In fondo, non si può uccidere un fratello e pretendere di non uscirne cambiati, ma se c'è dell'altro, pretendo di saperlo.

L'Inquisizione ci costringe ad agire. I rituali devono continuare. Se dobbiamo distruggerli prima di avventurarci nelle Vie Profonde, così sia. Ma non mentirmi, Erimond. Io mi oppongo al Flagello e nessuno, Inquisitore o magister che sia, potrà impedirmelo.

—Clarel

Una lettera dall'Eroe del Ferelden

Articolo principale: Voce del Codice: Una lettera dall'Eroe del Ferelden

A sua eminenza, l'Inquisitore [Cognome dell'Inquisitore]

Se Morrigan o Leliana forniscono le informazioni per contattare l'Eroe del Ferelden, e nessuna ha stretto una relazione romantica con l'Eroe ...

Vorrei avere informazioni utili riguardanti Corypheus, ma a causa del mio addestramento limitato durante il Flagello, la mia conoscenza dell'antica Prole Oscura è minore rispetto a quella della maggior parte dei Custodi. Attualmente, sto conducendo una ricerca personale. Tutti i Custodi Grigi che non cadono in battaglia, alla fine sono soggetti a ciò che chiamiamo il Richiamo, una magia che interferisce con il nostro collegamento tra il Flagello e i prole oscura. Piuttosto che farmi uccidere da questo sortilegio, ho deciso di trovare il modo di annullare il Richiamo e salvare tutti Custodi dalle sue conseguenze.

Siccome il mio apporto in termini di informazioni utili è minimo, vi prego di accettare gli eventuali doni che ricaverò dalla mia ricerca. Nel caso, ve li invierò immediatamente. Possano essi tornarvi utili nella lotta contro Corypheus.

Se l'interesse romantico dell'Eroe del Ferelden fornisce le informazioni per trovarlo ...

Apprezzo il vostro avvertimento riguardante Corypheus. Fortunatamente, la mia ricerca mi ha portato lontano dalla zona in cui tale magister sta operando. Laddove ho già affrontato sfide impegnative per conto mio, esse non hanno pregiudicato le mie abilità di Custode Grigio.

Siccome il mio apporto in termini di informazioni utili è minimo, vi prego di accettare gli eventuali doni che ricaverò dalla mia ricerca. Nel caso, ve li invierò immediatamente. Possano essi tornarvi utili nella lotta contro Corypheus.

Se l'Eroe del Ferelden era in una relazione con Morrigan, è padre di Kieran, ed è entrato nell’eluvian con lei nel DLC Caccia alle Streghe...
Ho allegato anche un messaggio di natura personale per Dama Morrigan e Kieran.

Vi chiedo di prendervi cura della mia famiglia. Morrigan è la persona più forte e saggia che abbia mai incontrato. Non vorrei riuscire a compiere la mia missione contro il Richiamo per poi perderli a causa della vostra Inquisizione.

Se l'Eroe del Ferelden era in una relazione con Alistair, e Alistair è rimasto un Custode Grigio...
Ho allegato anche un messaggio di natura personale per il Custode Alistair.

Vi prego di occuparvi di lui. Come me, egli fu cruciale per la distruzione dell'ultimo Flagello. Mi fido ciecamente del suo buon cuore e della sua forza. E non vorrei riuscire a compiere la mia missione contro il Richiamo per poi perderlo a causa della vostra Inquisizione.

Se l'Eroe del Ferelden era in una relazione con Leliana...
Ho allegato anche un messaggio di natura personale per Leliana.

Non ero presente al momento della morte della Divina Justinia, ma so che per lei è stato un duro colpo. È una donna di grande intelligenza e abilità, ma il punto di forza di Leliana è la sua fede. La fine di Justinia le ha certamente spezzato il cuore. Se mai dovesse vacillare vi prego di riportarla sulla via della luce.

Se l'Eroe del Ferelden era in una relazione con Leliana e ha imbrattato di sangue di drago le sacre ceneri di Andraste...
Ho allegato anche un messaggio di natura personale per Leliana.

Non ero presente al momento della morte della Divina Justinia, ma so che per lei è stato un duro colpo. Justinia era come una madre per Leliana e la sua fine le ha certamente spezzato il cuore. È una delle donne più forti che conosca, anche se a volte non se ne rende conto. Se mai dovesse vacillare vi prego di aiutarla a riconoscere i suoi errori.

Se l'Eroe del Ferelden era in una relazione con Zevran...
Una parte di me vorrebbe aiutare la vostra Inquisizione di persona, poiché il pericolo di Corypheus e del Varco sembra preludere all'arrivo di un altro Flagello. Tuttavia, Zevran e io abbiamo le nostre battaglie da combattere e posso solo darvi il mio pieno appoggio e la mia massima fiducia in questo frangente.

Se l'Eroe del Ferelden è diventata Regina del Ferelden al fianco di Alistair...

Una parte di me vorrebbe aiutare la vostra Inquisizione di persona, poiché il pericolo di Corypheus e del Varco sembra preludere all'arrivo di un altro Flagello. Tuttavia, ho la mia strada da seguire e intendo scoprire una cura per il Richiamo, se voglio rivedere il mio re. Vi prego, proteggete il suo regno fino al mio ritorno.

Se l'Inquisitore e l'Eroe del Ferelden sono entrambi elfi dalish ...

Vi auguro buona fortuna. Questo mondo degli sh'amlen è difficile per quelli della nostra specie, e posso solo immaginare la pressione nel guidare l'Inquisizione, organizzazione dedicata alla Chiesa, e nel contempo seguire le Tre Vie del Cacciatore. Possa Mythal proteggervi nella vostra missione e Andruil benedire la vostra caccia.

Se l'Inquisitore e l'Eroe del Ferelden sono entrambi nani ...

Vi auguro buona fortuna. Vengo da Orzammar e non dalle famiglie del karta, ma so bene come gli umani tendano a ignorare la nostra razza. Combattete con valore e ricordate la Pietra. E renderete orgogliosa la nostra gente.

Cordialmente,
Comandante dei Custodi [Cognome dell'Eroe] del Ferelden

Una lettera del karta

Articolo principale: Voce del Codice: Una lettera del karta

Abbiamo assoldato la vostra organizzazione di mercenari per facilitare l'affare, non per complicarlo. Affinché il karta possa estrarre il prodotto senza attirare l'attenzione, la zona deve essere al riparo da occhi indiscreti. Se la lotta tra i maghi eretici e i templari rinnegati non dovesse bastare, sta a voi dissuadere i profughi dall'esplorare la zona e interferire con la nostra operazione.

Ci incontreremo nella nostra base principale di Valammar per decidere il da farsi. Quando vi è più comodo, inviate degli emissari sul luogo indicato per spiegare la situazione e ottenere nuove istruzioni.

—Una lettera non firmata trovata in una remota villa di montagna

Una lettera mai recapitata di un minatore

Articolo principale: Voce del Codice: Una lettera mai recapitata di un minatore

Se Harrowmont è re... Messer Forender,

Se Bhelen è re... Messer Gavorn,

Non devo ricordarvi quanto la casta dei minatori sia essenziale per Orzammar, ma pare che neppure gli antenati sappiano quando è stata l'ultima volta che avete visitato i Ricordi. Il nostro regno è sopravvissuto solo grazie al commercio di lyrium. Certo, permette di riempire i grossi forzieri del re affinché egli possa partecipare ai piccoli conflitti che scoppiano in superficie, ma al profitto si accompagna sempre il pericolo. E se scrivo per informarvi che i terremoti minacciano una delle nostre miniere più importanti, mi aspetto una risposta immediata.

Sta accadendo qualcosa di inspiegabile. I ratti delle miniere escono dai pozzi con storie inverosimili. Perfino i miei compagni, uomini e donne con i quali lavoro fin dall'infanzia, sostengono di udire qualcosa in quelle scosse.

Non voglio sapere chi o cosa manderete in nostro aiuto, ma fatelo alla svelta.

Minatore Ordel

Una lettera sbiadita

Articolo principale: Voce del Codice: Una lettera sbiadita

Questa lettera, mai spedita, è datata 9:41 Era del Drago, un mese prima dell'apertura del Varco:

Marcelle,

Perdona la mancanza di corrispondenza. Le incursioni dei dalish sono state un grave problema e ora gli chevalier di Gaspard cavalcano attraverso i miei possedimenti senza neppure chiedere il permesso! Hanno scelto il momento giusto per combinare disastri: l'altro giorno ho ricevuto una spedizione di oggetti molto fragili. Una rara miniatura nevarriana di Andraste, un trittico realizzato con sottile legno di quercia del Tevinter e, soprattutto, uno specchio elfico a figura intera, risalente all'epoca pre-Chiesa!

Lo specchio è stato scoperto vicino a Vol Dorma, dopo che un terremoto ha portato alla luce delle rovine elfiche. Ho acquistato l'intero lotto, comprendente manufatti e ninnoli di minor valore, e lo specchio è subito diventato il mio pezzo preferito. Mia moglie insiste affinché ce ne andiamo da qui e credo che in fondo abbia ragione, ma non posso rassegnarmi ad abbandonarlo. Invierò qualcuno a prendere lo specchio una volta al sicuro a Val Royeaux, poi organizzerò una festa che ti permetterà di vederlo di persona!

Con affetto,
Yoan

Una lettera scritta a mano

Articolo principale: Voce del Codice: Una lettera scritta a mano

Cara Merletta,

Spero che questa mia lettera ti trovi felice e in salute. La scorsa settimana sono riuscita a ottenere delle mappe del Ferelden e dell'Orlais da Hugin. Ti ricordi di lui, vero? È il vecchio soldato che vive in affitto alla fattoria di Donna Johann, un tipo tranquillo che adora fumare la pipa in veranda. A lui non servivano più, quindi ha accettato di barattarle in cambio di marmellata e di un rammendo alla sua giubba. Adesso potrò sapere esattamente dove sei, ogni volta che mi racconterai dei tuoi viaggi. Non sai la mia sorpresa quando ho provato a segnare sulle mappe gli spostamenti di cui mi hai parlato. Oh, i luoghi che hai visto! Ne hai fatta di strada, mia piccola Merletta. Sono orgogliosa di te. Io, alla tua età, non ero mai andata oltre Lothering. Tua nonna nacque e morì a Redcliffe. Invece tu viaggi per il mondo con tale entusiasmo! La mia mente stenta a capacitarsene, ma il mio cuore è con te.

Non voglio rubarti troppo tempo. So quanto sei impegnata. Scrivo osservando le Montagne Gelide segnate sulla mappa, perché so che ora sei probabilmente a Skyhold. Vestiti pesante, mi raccomando. Ti allego la ricetta dello stufato di capra alle rape che ti piace tanto. Il ricordo di casa ti aiuterà ad affrontare meglio la fredda aria di montagna.

Baci e abbracci da me e da tuo padre.

Mamma

Una nota coperta di sabbia

Articolo principale: Voce del Codice: Una nota coperta di sabbia

Lephus,

mi aspettavo che il carro inviato verso le gole tornasse alla torre di guardia entro sera. È appena passato mezzogiorno. Che non ci voglia mezza giornata per viaggiare da un accampamento all'altro è ovvio, ma se nessuno avesse ancora avuto il buon senso di allarmarsi, intervieni subito dopo aver finito di leggere questa lettera.

Porta gli arcieri con te. Quei ragni nelle gole non sembrano temere nulla, se non quei mostri urlanti verso est. Mi farò trovare vicino alle Quattro Colonne.

—Devrenix

Una sfida!

Articolo principale: Voce del Codice: Una sfida!

Maledetto bastardo!

Se non fosse per me, ora saresti sul fondo del mare! Quel marlin ti avrebbe trascinato sul fondo. È così che mi ringrazi per averti salvato la vita? Quella preda era nostra. Ci avevamo lavorato entrambi. Questa me la paghi. Avrò i soldi che mi devi, a costo di prenderteli con la forza. Quindi non svignartela da miserabile codardo quale sei sempre stato. E sappi questo: mi sono fatto tua sorella. Ecco, adesso lo sai.

Se hai le palle, vieni al vecchio accampamento. Chiuderemo la faccenda.
Terrence

Vecchio diario

Articolo principale: Voce del Codice: Vecchio diario

Un vecchio diario, evidentemente molto prezioso

Piango per ciò che gli eserciti hanno fatto. Le trincee lacerano il paesaggio. Ci sono fuochi ovunque. Tutt'intorno si sente l'odore acre di fumo e sangue versato. Ricordo bene quando venni qui da ragazzino. Era estate e le pianure brillavano dorate. Il suolo era caldo e sembrava di essere a casa.

Ma ora non più.

Mia madre diceva che papà era di queste parti. Non lo ha mai detto a nessuno, solo a me: era un elfo. Forse quella parte di me, quella parte elfica, sente ciò che i dalish hanno sentito per secoli. Questa è la mia casa. Farei di tutto per preservarla.

Ora andrò via con gli altri, ma quando la guerra sarà finita, io tornerò. E sarà di nuovo bellissimo.

Vir Tanadhal: le Tre Vie del Cacciatore

Articolo principale: Voce del Codice: Vir Tanadhal: le Tre Vie del Cacciatore

"Siate lesti e silenziosi."

Vir Assan: la Via della Freccia

"Come un giovane albero si piega, così dovete fare voi."

Vir Bor'assan: la Via dell'Arco

"Ricevete i doni della caccia con avvedutezza."

Vir Adahlen: la Via del Legno

Voci scandalose

Articolo principale: Voce del Codice: Voci scandalose

Questa nota, non firmata, è stata nascosta nella tasca di qualcuno:

Mia cara J—

Ammetto che è sorprendente che i fereldiani siano trattati come nostri pari, ma il Sacro Concilio si tiene nel cuore dell'Orlais meridionale. Di questo dobbiamo tenere conto.

Se Briala è stata supportata durante “Occhi malvagi e cuore malvagio”...

La Marchesa Briala, ovviamente, è rimasta nell'ombra, ma non credere neppure un istante che non trami qualcosa quando nessuno la vede. L'Inquisizione le ha dato quel titolo, ma ella non esiterebbe un istante a voltarle le spalle, se ne avesse la necessità.

e Gaspard è stato supportato durante “Occhi malvagi e cuore malvagio”...

Gaspard è partito dieci giorni fa, per un'ispezione ai suoi chevalier sul confine, riponendo "la massima fiducia nel Sacro Concilio". Persino dopo tutti questi anni, la corte non ha accettato il fatto che le tattiche del nostro imperatore siano di una semplicità sconcertante. Se sarà il Ferelden a vincere, egli tenterà di dare ad altri la colpa, senza mettere in pericolo l'alleanza. Se l'Inquisizione cederà, Gaspard celebrerà un alleato ancora più saldo. Se poi sarà dell'umore giusto, l'imperatore festeggerà l'esito, a prescindere da quale esso sia, con un paio di decapitazioni. Ultimamente ha iniziato a guardare storto alcuni messeri.

Se Celene si è riconciliata con Briala durante “Occhi malvagi e cuore malvagio”...

L'Imperatrice Celene ha preso parte alle prime cerimonie, poi si è ritirata nelle sue stanze durante il resto dei lavori. Il giorno dopo, la Marchesa Briala è giunta in visita per "importanti ragioni di stato". Secondo me non avremo occasione di vederle al Concilio: si daranno alla pazza gioia. Ovviamente, gli idioti pensano che la nostra imperatrice sia così distratta da poter fare ciò che vogliono: un'idea davvero pessima, persino più della nuova moquette dell'ala nord (quel colore limetta è terrificante!).

Se Celene è sopravvissuta a “Occhi malvagi e cuore malvagio"...

L'Imperatrice Celene è rimasta a Val Royeaux per ricevere una delegazione di nevarriani, o almeno questo hanno detto i suoi messi. È ovvio che ella preferisce stare lontana da qui per evitare le richieste volte a schiacciare l'Inquisizione. Sembra quasi che Celene creda che si riuscirà a trovare una soluzione così, come per magia. Considerata la sua età, è davvero ingenua.

Advertisement