Dragon Age Wiki
Advertisement
Quante storie! C'è un grosso squarcio nel cielo. Penso che la gilda dei mercanti abbia problemi più gravi da risolvere.

Bianca Davri è una nana di superficie e membro della gilda nanica dei mercanti. È anche un'ex amante di Varric Tethras[1] e l'eponimo della sua balestra.

Background[]

Bianca proviene da una famiglia di kalna, nani di superficie che insistono nel mantenere casta e rango. Ha incontrato Varric a Kirkwall mentre cercava qualcuno con abilità meccaniche. Furono coinvolti sentimentalmente per un po', finché non furono costretti a separarsi dalla gilda dei mercanti per aver quasi iniziato una guerra tra clan e gli fu rifiutato qualsiasi tipo di contatto. Bianca era sposata con Bogdan Vasca, un membro di una potente famiglia della casta dei fabbri della gilda, per cementare l'alleanza tra la casata Davri e la casata Vasca. Questa alleanza ha concesso a entrambi un potere considerevole all'interno della gilda, a cui nessuno osa opporsi. Varric descrive Bianca come "il fabbro più brillante al mondo" ed è responsabile della progettazione della sua caratteristica balestra, che prende il suo nome. I due si scambiano ancora lettere e di tanto in tanto riescono a incontrarsi in segreto, anche se per lo più rimangono separati.

Bianca è anche attualmente in esame per lo status di Campione a causa della sua invenzione di una trebbiatrice e seminatrice meccanica alimentata a vapore e sarebbe il primo nano nato in superficie a essere mai stato nominato Campione. La casata Dace, la casata Bemot e la casata Meino sostengono tutte la mozione mentre la casata Helmi è divisa e la casata Aeducan, la casata Harrowmont e la casata Hirol rimangono indecise.[2]

Coinvolgimento[]

Dragon Age: Finché non ci addormenteremo[]


Questa sezione contiene spoiler per: Dragon Age: Finché non ci addormenteremo. Clicca per rivelare.

Mentre Varric spara al Magrallen, viene accidentalmente trascinato nell'Oblio, dove si sveglia e vede Bianca che lo aspetta. Lei gli dice che ha trovato un capitano disposto ad attraversare la gilda e farli salpare entrambi. Apparentemente sia Bianca che Varric stavano pianificando di scappare e lei era responsabile della creazione di un progetto che facesse funzionare davvero la balestra che Gerav aveva realizzato per Varric. Viene anche rivelato che la coppia intendeva trarre profitto dal progetto. Tuttavia Varric riconosce immediatamente che Bianca è semplicemente un'illusione dell'Oblio e con molto rammarico esce dal suo sogno.

Dragon Age: Inquisition[]


“Chiunque fossimo prima non conta più. Ora siamo l'Inquisizione.” — L'Inquisitore
Questa sezione contiene spoiler per: Dragon Age: Inquisition. Clicca per rivelare.

L'Inquisitore incontra Bianca che parla con Varric a Skyhold, discutendo di una possibile pista sulla fonte del lyrium rosso di Corypheus che avvia la missione Oh... merda!. Informa l'Inquisitore che l'ubicazione del Delirio di Bartrand è trapelata e che stanno usando Valammar come area di sosta per il contrabbando. Viene rivelato da Varric che la conoscenza di Bianca del thaig proveniva da lui che le inviava lettere dopo la spedizione di Bartrand Tethras.

Se il frammento di lyrium rosso viene conservato da Varric:
Bianca rivela di essere stata lei a costruire la cassaforte per il frammento di lyrium rosso di Varric.

Alla fine della missione, Bianca recupererà una chiave e la utilizzerà per chiudere un'entrata a Valammar. L'Inquisitore o Varric giungeranno alla conclusione che è stata Bianca a far trapelare la posizione del thaig, il che si tradurrà in uno scontro tra i tre. Rivela di essere andata lei stessa alle rovine per studiare il lyrium dopo aver ricevuto la lettera di Varric. Se Bartrand è stato tenuto in vita, lo menzionerà come uno dei motivi per cui è andata tra le rovine, dicendo che gli stava facendo un favore. Se a Varric è stato permesso di conservare il frammento dell'idolo di lyrium durante Presenze in Dragon Age II, ciò può anche essere usato come giustificazione poiché dice che stava cercando di aiutarlo a studiarlo.

Secondo la sua ricerca, il lyrium rosso è corrotto dal Flagello. Ciò dimostra che il lyrium è vivo, poiché il Flagello può contaminare solo gli esseri viventi. Questa ricerca l'ha portata a Larius/Janeka, che ha incontrato mentre cercava un mago Custode Grigio che la aiutasse nella sua ricerca. Bianca ha dato al mago Custode Grigio la chiave che ha appena recuperato, motivo per cui le forze di Corypheus hanno potuto accedere ai suoi percorsi sicuri nelle Vie Profonde.

In ogni caso, Varric è arrabbiato con Bianca e l'Inquisitore può schierarsi con Varric o Bianca oppure interrompere la discussione. Mentre si separano, Bianca minaccia di strappare gli occhi all'Inquisitore e farglieli mangiare se riescono a far uccidere Varric.

Missioni[]

missionedaimissionedai Oh... merda!

Invenzioni[]

  • Seminatrice Davri: Seminatrice migliorata in grado di distribuire il seme in file perfette a quasi tutte le spaziature e di adattarsi alla profondità corretta per ciascun tipo di seme. Divenne uno standard nei Liberi Confini, Antiva e Nevarra.
  • Filatoio Davri: Un filatoio funziona come un mulino per il grano grazie all'azione dell'acqua in movimento. Un singolo lavoratore poteva filare fino a sessanta rocchetti di filo alla volta con una qualità molto più fine rispetto alla filatura manuale.
  • Trebbiatrice Davri: Dispositivo alimentato a vapore che separa il grano dalla pula, svolgendo in poche ore un lavoro che normalmente richiede a centinaia di lavoratori settimane di lavoro massacrante. La nobiltà nevarriana ritiene che si tratti della più grande innovazione dell'epoca.[3]

Inoltre, aiutò Varric a riparare il quattordicesimo prototipo di Gerav, una balestra a ripetizione ritenuta unica nel suo genere.[4] Varric la chiamò Bianca, in suo onore.

Bianca è ampiamente considerata una geniale fabbra e molte delle sue invenzioni hanno avuto un impatto duraturo sul mondo. La seminatrice fu la sua prima invenzione e fondò immediatamente la casata Davri, un tempo un'oscura famiglia della casta dei fabbri di superficie, come potere all'interno della gilda dei mercanti. La sua seconda invenzione, il filatoio, ha fatto sì che il design di Bianca si diffondesse nei mercati costosi di Orlais.

Ha trascorso molti anni studiando modi più efficienti di alimentare le sue macchine, sperimentando una varietà di motori ad acqua e a vapore prima di stabilirsi su un progetto che incorporasse una fornace a carbone. Ciò creò un'alleanza duratura tra la casata Davri e diverse famiglie della casta dei minatori di Orzammar specializzate nella conversione del carbone ordinario nella varietà senza fumo utilizzata nelle fucine naniche (l'invenzione che portò Branka a essere nominata Campione).

Bianca possiede un laboratorio a Val Royeaux in cui lavorano quasi un centinaio di fabbri a tempo pieno. Dedica la maggior parte del suo tempo allo sviluppo di nuovi progetti.[5]

Curiosità[]

  • La famiglia di Bianca nutre un'estrema antipatia per Varric, tanto che gli hanno mandato degli assassini ogni volta che l'ha visitata.
  • Bianca si considera "dieci volte meglio del fabbro Branka", ma non crede che il Concilio trasformerà mai un abitante della superficie in un Campione.

Riferimenti[]

  1. Il dialogo ambientale tra Varric Tethras e Bianca durante la missione Oh... merda! suggerisce che la loro relazione potrebbe non essere completamente finita.
  2. Dragon Age logo (wot) Dragon Age: The World of Thedas, vol. 2, p. 258
  3. Dragon Age logo (wot) Dragon Age: The World of Thedas, vol. 2, p. 256
  4. Dragon Age logo (wot) Dragon Age: The World of Thedas, vol. 2, p. 181
  5. Dragon Age logo (wot) Dragon Age: The World of Thedas, vol. 2, pp. 257-258
Advertisement